Milano, destra e sinistra unite per vietare un evento sulla fertilità, invocate questura e forze dell’ordine

Sulla GPA destra e sinistra unite per censurare la libera informazione. Ma a Milano la giunta Sala si spacca. Albiani: "Io voterò contro questo ordine del giorno"

ascolta:
0:00
-
0:00
wish fo a baby milano gestazione per altri procreazione medicalmente assistita Foto di Xavi Cabrera su Unsplash
wish fo a baby milano gestazione per altri procreazione medicalmente assistita Foto di Xavi Cabrera su Unsplash
4 min. di lettura

Prosegue l’accanimento contro la genitorialità alternativa da parte della destra italiana, che negli ultimi giorni si è scagliata contro un evento legato alla fertilità, in programma a Milano il 20 e 21 Maggio.

Wish for a baby” è il nome della due giorni dedicata alla fertilità e alla genitorialità, che approda nel capoluogo lombardo dopo le edizioni svolte a Berlino, Colonia, Parigi e Monaco. L’obiettivo dell’evento è chiaro:

fornire informazioni accurate e complete sulle diverse opzioni di genitorialità. I visitatori potranno assistere a conferenze sulla fertilità (o infertilità), partecipare a sessioni di domande e risposte, avere incontri diretti con medici e cliniche.”

Gli avvoltoi della propaganda reazionaria non si fanno attendere, e raccolgono adesioni sia nel terzo polo di Italia Viva e Azione, sia in parte della sinistra, Partito Democratico incluso.

Carolina Varchi, capogruppo Fratelli d’Italia in commissione Giustizia della Camera e prima firmataria di una delle proposte di legge per rendere la gestazione per altri reato universale, sostiene che l’evento di Milano “mette in piazza i bambini trasformati in merce e il corpo delle donne in contenitore da noleggiare all’occorrenza, riducendo la fertilità e la genitorialità a meri oggetti sui quali lucrare con sapienti azioni di marketing. Un’iniziativa che va fermata come prevede la legge 40 che vieta anche la sola propaganda dell’utero in affitto in Italia. L’auspicio è che il Prefetto ne disponga immediatamente la chiusura perché contraria alla legge e all’ordine pubblico”.

Un attacco illiberale per vietare l’informazione. Gli Italiani devono ignorare. Il potere ha paura che gli Italiani si informino e ragionino con la propria testa.

L’organizzazione di “Wish for a baby” spiega che l’evento fornisce una piattaforma informativa per rendere le persone consapevoli delle possibilità di diventare genitori e per divulgare “i diversi approcci per aumentare la fertilità, compresi i metodi di trattamento disponibili sia a livello locale che in tutto il mondo“.

Ma il tema della genitorialità alternativa mette a nudo la mancanza di una cultura liberale nel nostro paese. Una persistente pulsione reazionaria di matrice cattolica serpeggia da destra a sinistra, inducendo una fetta dei rappresentati politici italiani a stendere un velo oscurantista sulla realtà.

È una caccia alle streghe che non si era vista finora su nessun tema: non si vuole semplicemente vietare un approccio tecnico-scientifico alla genitorialità alternativa, e del resto la gestazione per altri è già vietata dalla legge 40, che nel 2004 fu letteralmente dettata dal Vaticano al legislatore italiano. C’è di più.

Siamo davanti a un salto in avanti verso la censura di informazione.  Un tentativo di fare in modo che gli Italiani non entrino minimamente in contatto con la realtà. Relegati in una bolla di ignoranza. L’assunto è che gli Italiani non siano forse in grado di intendere? Perché vietare l’informazione? Difendere i propri valori è legittimo, vietare che qualcuno possa avere gli strumenti per dissentire è anti-democratico.

E infatti. Nel silenzio di un clima censorio, si sta consumando un attacco vero e proprio alla democrazia liberale. Qualcosa di vicino alla Polonia di Duda e all’Ungheria di Orbàn. Il tentativo di fare dell’Italia un paese in cui lo Stato decide cosa devi e cosa non devi sapere. Più vicini alla Cina, che agli Stati Uniti. In perfetta sintonia con la Russia di Putin, e piuttosto distanti dalla democrazia liberale britannica.

L’Italia non solo vieta già a molte coppie di diventare genitori con approcci alternativi. Una certa politica vuole vietare che queste coppie si informino su quali siano le opzioni all’estero, quali le tecniche, le garanzie di reciprocità, i diritti e i doveri.

— Leggi > GPA: “Siamo i papà di Leonardo e Michelangelo, vi raccontiamo come sono nati e come le donne sono tutelate”

La spinta reazionaria per oscurare un evento di informazione contagia anche la sinistra. La capogruppo di Verdi e Sinistra alla Camera, Luana Zanella, ha presentato un’interrogazione sull’evento milanese “Wish for a baby” al ministro della Salute Schillaci, e ha definito la due giorni milanesi “una grave offesa alle donne“.

L’attacco della destra nazionale trova sponda anche nella sinistra locale milanese. Roberta Osculati, consigliera comunale del Partito Democratico e vicepresidente del consiglio comunale di Milano, insieme alla vicecapogruppo della Lega Deborah Giovanati, ha depositato un ordine del giorno per chiedere al Sindaco Sala di fare chiarezza sulla manifestazione “Wish for a baby” di Milano. La richiesta della consigliera Osculati è fissata per il 17 Maggio, Giornata contro l’omobitransfobia. Secondo l’inedita e occasionale alleanza milanese PD-Lega, è necessario che “la Questura e le forze dell’ordine impediscano la manifestazione“.

Ma nella giunta Sala non c’è compattezza sull’ordine del giorno oscurantista a firma Osculati/Giovanati. Michele Albiani, consigliere PD e Presidente Commissione Sicurezza e Coesione Sociale, attivista LGBTQIA+, fa notare che l’odg è stato inserito proprio “nello stesso giorno della Giornata Mondiale contro l’Omolesbobitransfobia, con il rischio di alimentare ulteriormente narrazioni tossiche e dannose”. Albiani prende le distanze dall’iniziativa della sua collega di partito: “Ritengo opportuno fare presente che io, sicuramente, non voterò favorevolmente“.

Lo scorso Aprile Elly Schlein si è detta favorevole alla gestazione per altri: “Ho sempre espresso di essere favorevole alla gestazione per altri, ma non abbiamo inserito questo tema nel programma della mozione in cui ci sono diverse sensibilità. Per questo stimolo un confronto nel partito” ha detto Schlein.

L’evento milanese Wish for a Baby consentirà, a chi lo desidera, di incontrare i principali player globali della fertilità, informarsi e maturare una propria libera opinione. Si chiama democrazia liberale: ognuno ha diritto all’informazione che consente di prendere decisioni individuali consapevoli. La libertà di coscienza presuppone strumenti con i quali formare la propria coscienza. A meno di non aspirare a diventare Russia o Cina.

 

Foto di Xavi Cabrera su Unsplash

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
queer palm, festival di cannes, i vincitori

Festival di Cannes. Tutti i film vincitori della Queer Palm dal 2010 ad oggi

Cinema - Gio Arcuri 17.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24

Leggere fa bene

Milano, il consigliere comunale Michele Albiani denuncia per stalking attivista LGBT: "3 anni di inferno" - Michele Albiani - Gay.it

Milano, il consigliere comunale Michele Albiani denuncia per stalking attivista LGBT: “3 anni di inferno”

News - Redazione 21.3.24
Dare la vita: il testamento queer di Michela Murgia - Sessp 18 - Gay.it

Dare la vita: il testamento queer di Michela Murgia

Culture - Federico Colombo 9.1.24
Famiglie arcobaleno a Roma, tra flashmob e convegno per raccontare la GPA attraverso gli occhi di chi l’ha vissuta (VIDEO) - Famiglie arcobaleno in piazza a Roma tra flashmob - Gay.it

Famiglie arcobaleno a Roma, tra flashmob e convegno per raccontare la GPA attraverso gli occhi di chi l’ha vissuta (VIDEO)

News - Redazione 5.4.24
Meteore Fest, arriva a Roma e a Milano il Festival che vuole ripensare gli ambienti comuni attraverso la scia del pensare queer - plurale framevideoperformance - Gay.it

Meteore Fest, arriva a Roma e a Milano il Festival che vuole ripensare gli ambienti comuni attraverso la scia del pensare queer

Culture - Redazione 20.5.24
milano-transfobia-consiglio-comunale

Milano, transfobia in Consiglio Comunale da parte del consigliere Lega Samuele Piscina – LINGUAGGIO FORTE

News - Francesca Di Feo 4.3.24
Giorgia Meloni natalita denatalita gpa aborto

L’Italia di Meloni fa ancora meno figli, ma la colpa è delle donne e degli omosessuali

Corpi - Giuliano Federico 12.5.24
fratelli

Milano, Corte d’Appello dichiara illegittime le trascrizioni dei figli delle coppie di donne

News - Redazione 6.2.24
milano-aggressione-baby-gang-in-diciannove

“Sei trans? Sei gay? Vergognati” a Milano minacce armate e insulti da una baby gang di 19 elementi

News - Francesca Di Feo 22.11.23