È morto James Hormel, primo ambasciatore dichiaratamente gay degli Stati Uniti

Combattere per la dignità e l'uguaglianza per tutti è sempre stata la sua missione. Addio ad un pioniere dei diritti LGBT.

È morto James Hormel, primo ambasciatore dichiaratamente gay degli Stati Uniti - James Hormel - Gay.it
2 min. di lettura

James Hormel, primo ambasciatore dichiaratamente gay degli Stati Uniti d’America, è morto all’età di 88 anni.

Secondo il San Francisco Chronicle, Hormel è deceduto venerdì 13 agosto in un ospedale di San Francisco, in California. Suo marito, Michael P.N. Araque Hormel, era al suo fianco, mentre ascoltava il suo concerto preferito di Beethoven. James lascia l’amato compagno, cinque figli, 14 nipoti e sette pronipoti.

La sua morte è stata annunciata dalla Human Rights Campaign (HRC), gruppo di difesa dei diritti LGBT+ che Hormel ha contribuito a fondare negli anni ’80. Hormel ha fatto parte del consiglio di amministrazione dell’HRC e ha ricevuto un premio alla carriera nel 2001.

James Catherwood Hormel era nato nel 1933 ad Austin, Minnesota. Suo nonno aveva fondato l’azienda alimentare Hormel nel 1891 e suo padre era l’amministratore delegato. Hormel ha prestato servizio in due distinte delegazioni statunitensi presso le Nazioni Unite prima di diventare ambasciatore, ed è stato preside degli studenti presso la Facoltà di giurisprudenza dell’Università di Chicago. Nel 1977 il trasferimento a San Francisco.

Hormel venne nominato per diventare l’ambasciatore degli Stati Uniti in Lussemburgo nel 1997 dall’allora presidente Bill Clinton. Ma la sua nomina fu bloccata dai repubblicani, in quanto omosessuale. Pur di stroncare la sua nomina, i repubblicani lo definirono pedofilo, ossessionato dal sesso. Ma Clinton tornò alla carica rinominandolo nel 1999. Hormel è così diventato ambasciatore USA in Lussemburgo dal 1999 al 2000.

Il processo fu stato molto lungo e faticoso, arduo, offensivo, pieno di dichiarazioni fuorvianti, di bugie, pieno di inganni, di antagonismo“, disse Hormel nel 2012 mentre promuoveva il suo libro di memorie, Fit to Serve, scritto con Erin Martin. “Alla fine è stato raggiunto un grande risultato. Alla fine, i regolamenti sono stati modificati nel dipartimento di stato. Alla fine, altri individui apertamente gay sono stati nominati senza il rancore che colpì il sottoscritto”.

L’atto più efficace che una persona gay può fare oggi è fare coming out“, una delle sue più celebri frasi.

Nel corso della sua vita, Hormel ha contribuito a combattere per diverse cause, compresa la lotta all’HIV-AIDS, l’abuso di droghe, il cancro al seno. Ha fatto parte del consiglio di amministrazione della Fondazione americana per la ricerca sull’AIDS ed è stato direttore fondatore del City Club di San Francisco.

La presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi, che ha officiato il matrimonio di Hormel e suo marito, l’ha così voluto ricordare: “combattere per la dignità e l’uguaglianza per tutti è stata la suamissione“. Pelosi ha detto che Hormel ha avuto “il coraggio di essere un pioniere e ha avuto il patriottismo nell’accettare la sfida” di essere il primo ambasciatore apertamente gay.

La straordinaria vita di Jim servirà sempre come un faro di speranza e promessa per i bambini LGBTQ in tutto il nostro Paese e in tutto il mondo“, ha concluso Pelosi.

Bill Clinton e l’ex segretario di stato Hillary Clinton si sono detti “profondamente rattristati” dalla morte di Hormel. Hanno detto: “Jim ha dedicato la sua vita a promuovere i diritti e la dignità di tutte le persone e, nel suo servizio pionieristico nel corpo diplomatico, ha rappresentato gli Stati Uniti con onore e ci ha avvicinato a vivere il significato di un’unione più perfetta. ”

La senatrice della California Dianne Feinstein ha dichiarato che “San Francisco ha perso un grande amico“, descrivendolo come un “filantropo, pioniere dei diritti civili, coniuge e padre amorevole”. “Mi mancherà il suo cuore gentile e il suo spirito generoso“, ha concluso Feinstein. “Sono quelle qualità che lo hanno reso una figura così ispiratrice e un volto amato della nostra città“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Gabriel Attal Jordan Bardella Gay.it TikTok

È virale la storia d’amore tra Jordan Bardella e Gabriel Attal inventata su TikTok durante le elezioni in Francia

Culture - Mandalina Di Biase 12.7.24
Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: "Per guardare al futuro insieme a lei" - Laika e Michela Murgia - Gay.it

Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: “Per guardare al futuro insieme a lei”

Culture - Federico Boni 11.7.24
Titti De Simone - Legge contro l'omobitransfobia in Puglia

Legge contro l’omobitransfobia in Puglia, una battaglia durata 8 anni – Intervista a Titti De Simone

News - Francesca Di Feo 12.7.24
Rita Pavone: "Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono" - Rita Pavone - Gay.it

Rita Pavone: “Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono”

Musica - Redazione 11.7.24
Roberto Bolle in vacanza con l'amato Daniel Lee e la sua famiglia - Roberto Bolle in vacanza con Daniel Lee e la sua famiglia - Gay.it

Roberto Bolle in vacanza con l’amato Daniel Lee e la sua famiglia

Culture - Redazione 11.7.24
Il murales queer dedicato a Michela Murgia realizzato da Laika per il progetto "Ricordatemi come vi pare" curato da Pietro Turano di Arcigay

“Ricordatemi come vi pare”, non è ancora completato, e il murales queer dedicato a Michela Murgia fa infuriare la destra

Culture - Redazione Milano 7.7.24

I nostri contenuti
sono diversi

sassuolo-violenza-polizia-coppia-gay-scalfarotto

Violenza e profilazione razziale su coppia gay, la procura archivia, ma arriva l’interrogazione parlamentare

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Carmine Alfano sospeso dall'Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata - Carmine Alfano 2 - Gay.it

Carmine Alfano sospeso dall’Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata

News - Redazione 21.6.24
G7 ospitato dall'Italia a Fasano, la presidente del consiglio Giorgia Meloni scatta un selfie - credit photo: LaPresse

G7, nel testo rispuntano i diritti LGBTIAQ+, censurati “orientamento sessuale, “identità di genere” e “aborto”

News - Redazione Milano 14.6.24
georgia-legge-agenti-stranieri (2)

La Georgia come l’Ucraina? I georgiani vogliono l’Unione Europea: cosa sta succedendo

News - Francesca Di Feo 21.5.24
Peter Spooner, Rishi Sunak

“Chiedete scusa alle vittime di transfobia!” il padre di Brianna Ghey al primo ministro Sunak

News - Redazione Milano 8.2.24
Vannacci: "L'omofobia è una malattia psichiatrica e io le visite mediche le ho passate sempre tutte" - Vannacci - Gay.it

Vannacci: “L’omofobia è una malattia psichiatrica e io le visite mediche le ho passate sempre tutte”

News - Redazione 23.5.24
Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: "Mi hanno chiamato r*cchiò" - omofobia - Gay.it

Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: “Mi hanno chiamato r*cchiò”

News - Redazione 2.4.24
Scalfarotto: "Ho chiesto di calendarizzare il disegno di legge sul matrimonio ugualitario. Nessuno mi ha seguito" - Ivan Scalfarotto e Matteo Renzi - Gay.it

Scalfarotto: “Ho chiesto di calendarizzare il disegno di legge sul matrimonio ugualitario. Nessuno mi ha seguito”

News - Redazione 13.3.24