Omofobia, Scalfarotto: “Senza accordo col Pdl, governo a rischio”

Il relatore spiega come si è arrivati al testo sull'omofobia. Auspica modifiche ma repinge le accuse di una "norma salva vescovi": «Aggravante per violenze va introdotta. Ma non colpiremo le idee».

Omofobia, Scalfarotto: "Senza accordo col Pdl, governo a rischio" - scalfarottointervistaBASE 1 - Gay.it
5 min. di lettura

Da decenni nelle aule parlamentari non arrivava una proposta di legge in grado di infiammare gli animi e accendere polemiche come la legge sull’omofobia; Ivan Scalfarotto, che è uno dei due relatori (insieme a Leone del Pdl), non nasconde la soddisfazione per essere riuscito dove altri prima di lui non sono arrivati. Ma se tutto ha un prezzo, quello pagato dal deputato è l’accusa di una parte del movimento lgbt – Arcigay in testa – di un accordo al ribasso col partito di Berlusconi. «È che non possiamo dimenticare che c’è un governo in carica e che, davanti a un suo parere contrario, ci saremmo trovati davanti alla necessità di scegliere tra il governo e la legge», dice a Gay.it.

Da più parti sono arrivate polemiche nei tuoi confronti per il testo della legge così come è uscito dalla Commissione Giustizia. Pensi di aver fatto il possibile per una buona legge?
Penso che abbiamo – perché si è trattato di uno sforzo collettivo che ha coinvolto tutti i componenti PD e SEL della commissione giustizia – fatto tutto il possibile per portare rapidissimamente in aula un testo, certamente migliorabile, che ha sconfitto chi aveva l’obiettivo che questa legge non uscisse mai dalla commissione e mai fosse dunque approvata.

Arcigay e gli avvocati di Rete Lenford temono che diventi inutile una legge che non contenga un’aggravante nei confronti di chi commette il reato…
Per la verità questo l’ho detto anch’io durante la mia relazione davanti all’aula di Montecitorio: la legge Mancino va estesa all’omofobia e alla transfobia nella sua interezza. Ma in ogni caso non bisogna dimenticare che questo testo, con tutte le sue debolezze, fa già degli storici passi avanti: per esempio, introducendo l’omofobia e la transfobia nella legge Mancino, fin dallo stesso titolo della legge. E facendo sì che per la prima volta tutte le forze politiche, salvo la Lega e altre eccezioni individuali, riconoscano che esiste in Italia una comunità LGBT che va riconosciuta e tutelata: una rivoluzione per il nostro Paese.

Omofobia, Scalfarotto: "Senza accordo col Pdl, governo a rischio" - scalfarottointervistaF1 - Gay.it

Quali parti auspichi che vengano modificate?
L’aggravante va introdotta, punto. Come PD abbiamo già presentato un emendamento che la prevede, e che contestualmente introduce una norma che chiarisce che l’intera legge Mancino (tutta, non solo dunque la parte sull’omofobia e la transfobia) non si applica alla manifestazioni del pensiero riconducibili al pluralismo delle idee. Che poi è il principio dell’articolo 21 della Costituzione repubblicana.

La famosa norma “salva vescovi”, come l’ha definita Flavio Romani, presidente di Arcigay
Ci si dimentica che qui stiamo parlando di una norma penale. Questa legge non serve a mettere in prigione le persone che non la pensano come noi, ma a colpire espressioni di violenza verbale e fisica che costituiscano un limite alla dignità e alla libertà delle persone. Io non vorrei mai vivere in un Paese dove si va in galera per le proprie opinioni, anche se quelle opinioni sono diverse dalle mie e magari mi fanno pure indignare. Nemmeno in Gran Bretagna, il luogo dell’inclusione e dei diritti per eccellenza, i vescovi vanno in galera: perché la democrazia non funziona solo in un senso. Romani si ricordi sempre che se vuoi mettere in galera qualcuno per le sue idee, corri sempre il rischio che prima o poi in galera ci mettano te per le tue.

Ci spieghi la vicenda della “propaganda”? Perché parli di applicazione integrale della legge se la “propaganda di idee” non è prevista?
Chi solleva quest’eccezione dà prova di non aver nemmeno letto la legge Mancino. Spieghiamo, dunque: la legge prevede (all’articolo 1, lettera a) due fattispecie. La prima è la “propaganda di idee fondate sulla superiorità o sull’odio razziale o etnico” che non è mai stata allargata ad altro. La seconda è invece la “istigazione a commettere atti di discriminazione” che invece è stata allargata dai motivi razziali o etnici, anche a quelli nazionali o religiosi e poi, nel 2001, anche alle minoranze linguistiche. Estendendo il reato di “propaganda” all’omofobia e alla transfobia avremmo fatto di questi due casi due casi speciali, più protetti della discriminazione sulla base della nazionalità o della religione, per esempio, correndo un rischio evidente di incostituzionalità. Infatti nemmeno nella proposta iniziale di Rete Lenford era prevista questa estensione.

Era necessario cercare un accordo a tutti i costi col Pdl? Hai provato a cercare in commissione una maggioranza col M5S?
Abbiamo cercato, e cerchiamo ancora, una maggioranza la più ampia possibile. Io non vedo perché il Movimento 5 Stelle non dovrebbe votare una legge Mancino estesa integralmente all’omofobia e alla transfobia, e credo ancora oggi che il loro voto non mancherà. Altrimenti dovranno spiegarlo agli elettori. Quanto al Pdl ci sono almeno tre buone ragioni per coinvolgerli: la prima è che questa legge deve passare con una maggioranza amplissima, e diventare una legge di tutto il paese, non di una parte sola. È questo che vogliamo, che il Paese cresca e comprenda tutto intero le ragioni della comunità LGBT, che è fatta di persone che votano per tutti i partiti. La seconda è che il Pdl, come forza di governo, presiede commissioni chiave – come la Commissione Affari Costituzionali – senza il cui parere favorevole la legge non sarebbe mai arrivata in aula. Così come la Presidente della Commissione Giustizia, Donatella Ferranti del PD, è stata chiave per calendarizzare e spingere il provvedimento, così altre presidenze avrebbero potuto facilmente bloccarlo.

E la terza ragione?

Omofobia, Scalfarotto: "Senza accordo col Pdl, governo a rischio" - scalfarottointervistaF2 - Gay.it

È che non possiamo dimenticare che c’è un governo in carica e che, davanti a un suo parere contrario, ci saremmo trovati davanti alla necessità di scegliere tra il governo e la legge. Magari qualcuno avrebbe avuto piacere di far cadere il governo in questa occasione, ma credo che per questi legittimi esperimenti politici si possa trovare un’occasione che non ponga il prezzo sulle persone LGBT che aspettano questa legge da 20 anni.

In Aula andrà trovata una maggioranza per modificare il testo della Commissione. È iniziato un dialogo fra il PD e il Movimento di Grillo?
Non è affatto vero che la maggioranza non ci sia. La maggioranza per cambiare la legge c’è: PD e SEL insieme arrivano da soli a 330 deputati, e la maggioranza è di 315. Se aggiungiamo anche solo la parte laica di Scelta Civica (Tinagli e gli altri) e i “laici” del PdL (Carfagna, Galan ecc.) andiamo ben oltre. E, ripeto, non capisco perché 5 Stelle dovrebbe votare contro una legge che estende la Mancino a omofobia e transfobia.

Pippo Civati ha detto a Gay.it che se l’emendamento per reintrodurre l’aggravante non fosse approvato lui e altri del PD non la voterebbero. Tu saresti fra questi? (leggi l’intervista a Pippo Civati )
L’ho detto nella mia relazione al parlamento, molto chiaramente. Non sfugge, credo, che Civati e io siamo nello stesso partito e su questa legge abbiamo lavorato in perfetto accordo. Tra l’altro Pippo ha fatto un bellissimo intervento in aula durante la discussione.

Meglio avere una buona legge o nessuna legge?
Ora non abbiamo nessuna legge e moltissimi sperano che le cose restino così. Basta leggere Avvenire o le dichiarazioni di Roccella e Giovanardi. Chi non vuole nessuna legge, di fatto, sta con loro. Noi cerchiamo di estendere la Mancino all’omofobia e alla transfobia nella sua interezza. Lo ripeto, chi pensa che non sia abbastanza e preferisce restare così come stiamo oggi, non dovrà far altro che spiegarne le ragioni.

di Daniele Nardini

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l'amata Luna Passos (FOTO) - Victoria De Angelis dei Maneskin vacanza romantica e baci social con lamata Luna Passos FOTO - Gay.it

Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l’amata Luna Passos (FOTO)

News - Redazione 9.4.24
Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: "Ti amo immensamente" - heartstopper bradley riches engagement - Gay.it

Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: “Ti amo immensamente”

Culture - Redazione 11.4.24
Giovanni Donzelli foto instagram @giovadonze

Giovanni Donzelli di Fratelli d’Italia, outing di sua moglie che spiega “È un marito etero”

Culture - Mandalina Di Biase 9.4.24
Coming out di massa di calciatori in Germania? Bundesliga pronta a scendere in campo contro l’omobitransfobia - Bayer Leverkusen - Gay.it

Coming out di massa di calciatori in Germania? Bundesliga pronta a scendere in campo contro l’omobitransfobia

Corpi - Redazione 11.4.24
Papa Francesco Dignitas Infinita - Chiesa Cattolica - Vaticano

Il documento del Vaticano che mette l’intera comunità LGBTI ai margini: teoria gender, surrogata, bambini e altre mistificazioni reazionarie

Culture - Giuliano Federico 8.4.24
Ma Ricky Martin si è eccitato sul palco del Celebration Tour di Madonna? (VIDEO) - Ricky Martin sale sul palco del Celebration Tour di Madonna - Gay.it

Ma Ricky Martin si è eccitato sul palco del Celebration Tour di Madonna? (VIDEO)

Musica - Redazione 9.4.24

Leggere fa bene

Scalfarotto: "Ho chiesto di calendarizzare il disegno di legge sul matrimonio ugualitario. Nessuno mi ha seguito" - Ivan Scalfarotto e Matteo Renzi - Gay.it

Scalfarotto: “Ho chiesto di calendarizzare il disegno di legge sul matrimonio ugualitario. Nessuno mi ha seguito”

News - Redazione 13.3.24
panchina-arcobaleno-cavirago-reggio-emilia

Panchina arcobaleno imbrattata con svastiche e messaggi di odio: “Comunisti bast*rdi, morite”

News - Francesca Di Feo 6.11.23
Martano, omofobia ai danni della drag queen Tekemaya: "Mi veniva da piangere e mi son sentita male" - Tekemaya - Gay.it

Martano, omofobia ai danni della drag queen Tekemaya: “Mi veniva da piangere e mi son sentita male”

News - Redazione 6.12.23
angelo duro omosessuale

Il monologo di Angelo Duro intriso di omofobia: gay che dovrebbero picchiare omofobi, r*cch*oni eccetera – VIDEO

Culture - Redazione Milano 31.10.23
Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista - Taylor Fritz 1 - Gay.it

Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista

Corpi - Redazione 21.2.24
uganda uomo arrestato

Uganda, la Corte Costituzionale conferma la terribile legge omobitransfobica

News - Redazione 4.4.24
omofobia interiorizzata, stigma invisibile

Torino, condannati a 2 anni e a 16 mesi i genitori che minacciarono il figlio perché gay

News - Redazione 24.1.24
Viktor Orban - Giorgia Meloni - Ungheria, la legge anti-LGBTI+ ha un impatto devastante sulla nostra comunità

Ungheria, impatto devastante della legge anti-LGBTI+, il rapporto di Amnesty

News - Francesca Di Feo 28.2.24