OMOSESSUALITÀ? UNA GRAN MENZOGNA

Esistono psicoterapeuti che leggono ancora l’essere gay come una forma di patologia, di sviluppo incompleto e problematico dell’individuo. Ecco un esempio eclatante di omofobia.

OMOSESSUALITÀ? UNA GRAN MENZOGNA - psichiatra - Gay.it
5 min. di lettura

Lavoro come psicoterapeuta ormai da più di diciassette anni, dò per acquisito, a questo punto del mio percorso personale e professionale, che non tutti i miei colleghi abbiano un atteggiamento aperto ed accettante nei confronti dell’omosessualità (anzi!), malgrado, come è ormai stranoto, da qualche decennio questo orientamento sessuale sia stato ufficialmente depennato dall’elenco dei disturbi psicologici. So che esistono psicologi e psicoterapeuti viziati dal pregiudizio, convinti di non esserlo, inclini a chiedere ad un paziente gay, andato in terapia per tutt’altro, prima o poi, direttamente o velatamente, qualcosa come: “Ma sei davvero convinto che il tuo non sia un problema?” Ho imparato ad essere sempre meno confrontativo ed acceso verso i colleghi rigidi e retrivi, più sfumava il bisogno di avere convalide esterne per le mie convinzioni, eppure mi è capitato di rimanere allibito di fronte ad un breve articolo letto alcuni giorni fa su la rivista specialistica di psicologia Il Sagittario, edita dall’Istituto “Alfred Adler” di Torino.
L’articolo in questione, presente sul n. 14 del dicembre 2003 di detta rivista, si intitola L’omosessualità in un’altra ottica. A differenza di quanto accade per tutti gli altri scritti pubblicati sul numero del periodico, non è riportato il nome dell’Autore di questo articolo. Egli, o ella, preferisce firmarsi (caso strano!) con tre asterischi. Nel testo si parla della NARTH (National Association for Research and Therapy of Homosexuality) attiva in California e diretta dal dott. Joseph Nicolosi, il quale, si apprende, è stato recentemente a Milano per una serie di conferenze sul problema di cui l’associazione si occupa: aiutare gli uomini gay ad uscire dall’omosessualità! Alfred Adler, psicoanalista allievo di Freud ed ideatore di una corrente autonoma di pensiero, non è stato di certo un progressista in materia. Ha visto nell’omosessualità il risultato di uno sviluppo incompiuto e, quindi, una sconfitta evolutiva, nella quale l’uomo si priva dell’amore per la donna. I professionisti formati nell’approccio adleriano, è chiaro, difficilmente potranno avere sull’argomento idee molto dissimili da quelle del fondatore, e ciò nonostante l’articolo arriva a delle affermazioni davvero sorprendenti. Ho deciso di riportarne di seguito alcuni passaggi, fedelmente e in corsivo. Ho inserito solo qualche breve osservazione o domanda. Chiunque legga questi stralci potrà da se stesso farsi un’idea della questione.
Il primo concetto che diamo al cliente/paziente che viene è che (l’omosessualità) non è un problema sessuale, ma di identità di genere. L’omosessualità è solo il sintomo di un arresto dello sviluppo della identità di genere maschile (o femminile, nel lesbismo)”.
Qui si confonde l’orientamento sessuale (mi piacciono le persone del mio stesso sesso e non quelle del sesso opposto o viceversa), con l’identità di genere (il sentirsi maschio o femmina). Si ripropone in altri termini il vecchio cliché dei gay come “uomini a metà”!
“Un passo importante è quindi analizzare quali sono i 4 miti gay.
Credere in 1+2+3+4 porta all’accettazione supina e fatalistica della propria situazione, anche quando la si vive nella sofferenza e nella menzogna (e ciò accade in più dell’80% dei casi):

  1. Il 10% della popolazione è gay”

Partendo dall’identificare questo “primo mito gay”, l’Autore afferma che solo l’1-2% della popolazione è gay e ciò sarebbe stato dimostrato da studi seri. Peccato che non venga però riportato alcun riferimento diretto a questi studi. Ci sarebbe da chiedersi dove vive l’artefice dell’articolo – oltre che importanza possa avere fissare percentuali precise dell’incidenza dell’omosessualità! – e come fa a non accorgersi con i propri occhi dell’ampia presenza comunitaria del vissuto omosessuale. Gli omosessuali sono ovunque, e non serve andare all’Arcigay per rendersene conto. Basta entrare in aula ed osservare gli alunni, basta andare al cinema, al supermercato, al ristorante, al parco, in chiesa…

  1. “Gay si nasce”

“Secondo mito gay” messo in discussione. Qui ancora a vagliare se gay si nasce o si diventa! Chi ha scritto il pezzo dà l’impressione di non avere alcuna esperienza di quanto sente un uomo gay o una donna lesbica. Le persone omosessuali, spesso anche quelle condizionate dagli introietti omofobici, ravvisano in quanto sentono un aspetto “loro proprio”, un aspetto intimo, profondo, avvolgente. Quelle sensazioni, quei sentimenti sono sempre stati lì, e sempre ci saranno, sebbene ci si possa sforzare di negarli, e quantunque ognuno possa poi seguire percorsi plastici e creativi sulla base delle proprie vicende evolutive.

  1. “Se si è gay lo si è sempre”

“Terzo mito” da sfatare. l’Autore dichiara che non si è gay per sempre, poiché pullulano oggi tantissime storie di cambiamento in grado di incoraggiare altri a seguire lo stesso percorso. Ho appena spiegato come la penso in merito all’idea di poter cambiare il “sentire omosessuale”. Mi chiedo inoltre: l’Autore, parlando della possibilità di cambiare orientamento sessuale, si riferisce ai soli pazienti che non vivono bene la loro omosessualità (ne dubito)? Fa riferimento a un processo spontaneo della persona, ai suoi esclusivi, fluidi ed insindacabili percorsi di vita, o a un precetto nel quale è egli terapeuta a riconoscersi? In un rapporto terapeutico chi decide cosa bisogna cambiare e come? Perché dare per scontato ad esempio che un uomo gay entrato in terapia per un sintomo fobico debba cercare di cambiare il suo orientamento sessuale? Dov’è il rispetto per l’altro? Dov’è l’insegnamento umanista che muove a cogliere, seguire e sostenere l’intenzionalità del cliente?

  1. “L’omosessualità è normale sotto ogni aspetto”

Di fronte al tentativo di mettere in discussione quest’ultimo “mito”, ho dovuto constatare che vi sono oggi psicoterapeuti che adoperano la parola “normale” senza contestualizzarla! Come se esistesse una normalità assoluta, predefinita, immutabile. Riporto in ogni modo altri passaggi del testo relativi a questa ultima asserzione che l’Autore intende confutare:
Nella realtà concreta, la stragrande maggioranza delle persone con comportamento omosessuale soffre, anche se maschera la sofferenza. Invece i mass media “politically correct” modificano e gonfiano l’immagine dell’omosessuale, che appare sempre bello, curato, in pace con se stesso, positivo non erotizzato né libidinoso, ma anzi equilibrato. (…) Gay non equivale a omosessuale! Gay è infatti una identità politica costruita attorno alla rivendicazione di una preferenza sessuale come un diritto. I gay non parlano per tutti gli omosessuali, anzi osteggiano quelli che vogliono uscire da questa condizione bloccando l’informazione su terapie, gruppi, esperienze che li metterebbero in crisi.
(…) Non esiste l’omosessualità come identità di genere, siamo tutti eterosessuali solo che, come viene spiegato ai genitori angosciati, alcuni eterosessuali hanno problemi di omosessualità che si possono risolvere. È una bugia della nostra società che esistano due generi sessuali, “omo” ed “etero”, anche se paradossalmente anche alcuni capi di chiesa ci credono. È la seconda grande menzogna della nostra società (la prima è che l’aborto non è un omicidio).
Evito qualsiasi commento e lascio il lettore alle sue valutazioni.
L’articolo prosegue con la descrizione delle tappe di acquisizione dell’identità sessuale maschile e con l’identificazione di quelli che sarebbero, a detta di chi scrive, le ferite subite dai futuri “falsi omosessuali” o, se preferite, “eterosessuali mancati”, ed i conseguenti impedimenti per loro ad essere “veri uomini”.
Ho incontrato fino ad oggi come professionista un numero considerevole di uomini gay. Negli ultimi anni, da quando ho iniziato a scrivere su queste tematiche, hanno iniziato a rivolgersi a me anche delle donne lesbiche. Molte di queste persone sono venute in terapia perché confuse o in conflitto rispetto al proprio orientamento affettivo-sessuale. Esse non possono essere considerate di certo un campione significativo degli individui omosessuali, ma è della mia esperienza con loro che io posso dire: nessun uomo, nessuna donna, seppure confuso/a, spaventato/a di fronte all’eventualità di doversi accettare omosessuale, mi ha mai detto: “Se così dovesse essere, se davvero dovessi arrivare a questa chiarezza, mi aiuti a cambiare!” Tutti/tutte mi hanno in qualche modo chiesto: “Mi aiuti a vivere serenamente quello che oggi sento di essere!”
In psicoterapia sussistono forme di omofobia non così smaccate come quella di cui ho scritto in questa occasione, ma non meno insidiose. Provate a leggere quanto scrive sul suo sito alla voce “omosessualità” il sessuologo Willy Pasini, noto anche al grande pubblico televisivo, e fatemi sapere cosa ne pensate. Vi sono professionisti nel mio campo certi di avere la verità rivelata, convinti di poterla inoltre imporre ai propri pazienti. E forse hanno semplicemente evitato di guardare alcuni loro pregiudizi e di affrontare alcune paure insite nel contattare la diversità. Magari questo, per coloro che pensano di chiedere aiuto nell’accrescere la consapevolezza di se stessi, può essere utile saperlo.
Giuseppe Iaculo

di Giuseppe Iaculo

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24
Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: "È rainbow washing", ma è davvero così? Abbiamo indagato - Roma ecco il primo treno metro rainbow con i colori della Pride Progress VIDEO 2 - Gay.it

Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: “È rainbow washing”, ma è davvero così? Abbiamo indagato

News - Francesca Di Feo 14.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
L'Amante dell'Astronauta, l'amore queer "spudoratamente felice" che abbatte limiti ed etichette - Lamante dellastronauta 05 - Gay.it

L’Amante dell’Astronauta, l’amore queer “spudoratamente felice” che abbatte limiti ed etichette

Cinema - Federico Boni 14.6.24
Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora - Sephora bigmama - Gay.it

Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora

News - Gay.it 14.6.24
Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l'omofobia - Dennis Gonzalez - Gay.it

Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l’omofobia

Corpi - Redazione 13.6.24

Continua a leggere

triptorelina-tavolo-tecnico-schillaci-roccella

Triptorelina, l’Italia di Meloni all’attacco: ecco il tavolo tecnico per “valutare” la somministrazione in ambito di affermazione di genere

Corpi - Francesca Di Feo 26.3.24
omofobia ragazzo giovane gay

Pontedera, 18enne cacciato di casa dopo il coming out: “Niente figli gay, vattene”

News - Francesca Di Feo 27.3.24
Polonia matrimonio egualitario Gay.it

Polonia, suicidi in aumento a causa delle leggi omobitransfobiche del Paese

News - Federico Boni 20.2.24
Perugia, in otto a processo per insulti omofobi sui social: “Odiare costa!” - Perugia Pride 2019 - Gay.it

Perugia, in otto a processo per insulti omofobi sui social: “Odiare costa!”

News - Redazione 26.1.24
Russia, il primo caso di "estremismo LGBTQIA+" finirà in tribunale: arrestati manager e direttrice del club queer Pose - VIDEO - russia club pose orenburg - Gay.it

Russia, il primo caso di “estremismo LGBTQIA+” finirà in tribunale: arrestati manager e direttrice del club queer Pose – VIDEO

News - Francesca Di Feo 22.3.24
vaiolo-delle-scimmie-firenze

Firenze, 11 casi confermati di vaiolo delle scimmie, ma nessun allarmismo: la situazione è sotto controllo

Corpi - Francesca Di Feo 2.2.24
Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista - Taylor Fritz 1 - Gay.it

Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista

Corpi - Redazione 21.2.24
omofobia interiorizzata, stigma invisibile

Torino, condannati a 2 anni e a 16 mesi i genitori che minacciarono il figlio perché gay

News - Redazione 24.1.24