Orietta Berti sbotta contro chi rifiuta i figli perché gay: “Ma che razza di mamme siete?”

"Io penso che le persone siano nate per amare al di là di sesso, anima e ragione. Ti sei innamorato, beh, che male c'è?", recita il ritornello del brano "Diverso".

ascolta:
0:00
-
0:00
Orietta Berti
Orietta Berti
2 min. di lettura

A distanza di due anni dall’uscita del brano Diverso, contenuto nell’album La mia vita è un film, la cantante ed ex opinionista del Grande Fratello Vip 7 Orietta Berti è tornata a dire la sua sul tema dell’omosessualità lanciando un messaggio forte e chiaro a tutte le mamme che non accettano i propri figli per ciò che sono, al di là delle loro preferenze sessuali.

“Alle madri che, scoprendo di avere un figlio gay, lo rifiutano, magari su pressione dei familiari omofobi, io chiedo: ‘Ma che razza di mamme siete?’”, ha dichiarato Orietta Berti al settimanale Gente ponendo di nuovo l’accento su un tema di strettissima attualità che merita sempre più attenzione, anche da parte della musica.

D’altronde la Berti, intervistata da Gabriele Lazzaro per Novella2000, aveva già espresso in passato tutta la sua vicinanza nei confronti della comunità LGBTQI+: “Abbattere la piaga dell’omofobia continua a essere necessario. C’è ancora troppa ignoranza, la strada purtroppo è lunga”, aveva dichiarato durante il lancio dell’album.

In quell’occasione Orietta aveva anche confessato quale sarebbe stata la sua risposta ad un eventuale coming out del figlio: “Siamo nati per amare, non importa chi. Nessuno può né deve negarci questo diritto“. Insomma, una visione aperta del mondo che ancora una volta dimostra la sua grandezza come artista e come persona.

 

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Orietta Berti (@bertiorietta)

 

Sempre nell’intervista rilasciata al settimanale Gente Orietta Berti ha spiegato di aver scelto di dedicare due brani del suo ultimo album al tema della violenza sulle donne – Il coraggio di chiamarlo amore – e al tema dell’omosessualità proprio perché “Spero, attraverso la musica, di dare il mio contributo a smantellare certi preconcetti disumani”.

Un’affermazione che ritroviamo proprio nel brano Diverso dove protagonista è una madre che invita il proprio figlio ad aprirsi con lei promettendogli che lo ascolterà e lo accoglierà, senza giudicarlo: “Io penso che le persone siano nate per amare al di là di sesso, anima e ragione. Ti sei innamorato, beh, che male c’è?“, recita il ritornello.

Un vero e proprio inno all’amore libero che è riuscito nel proprio intento di creare dibattito sul tema e quindi anche spostare l’attenzione sull’errore che le famiglie fanno nell’abbandonare i propri figli, incitandoli ad accoglierli per la loro unicità, al di là di preferenze sessuali, credenze religiose, e così via..

 Orietta Berti: ascolta il brano Diverso

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard - Xavier Dolan - Gay.it

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard

News - Federico Boni 1.3.24

Continua a leggere

torino padre figlio gay 14 anni

Torino, le atrocità di un padre al figlio di 14 anni, perché gay

News - Redazione Milano 25.10.23
taylor-swift-persona-dell-anno-2023

Taylor Swift è la Persona dell’Anno per Time: un brindisi a un 2023 straordinario

Musica - Francesca Di Feo 7.12.23
Annalisa, cover brano "Sinceramente"

Cara Annalisa, ti scrivo

Musica - Luca Diana 1.2.24
(Phonoplay International)

Adorabile Jodel, in Svizzera arriva il primo gruppo per uomini gay!

Lifestyle - Redazione Milano 31.1.24
kylie minogue tension

Kylie Minogue è tornata, trepidiamo tuttə per “Tension”, il nuovo album tutto da ballare

Musica - Redazione Milano 21.9.23
@valelp

L’amore non è solo per pochi eletti, intervista a Vale LP

Musica - Riccardo Conte 15.12.23
Xmas Queer 2023 - La playlist di Natale di Gay.it

Xmas Queer 2023, da Annalisa a Ariana Grande e Sam Smith: la playlist di Gay.it perfetta per le feste

Musica - Luca Diana 19.12.23
Blanco, Bruciasse il cielo

Bruciasse il cielo, Blanco si racconta nel suo road movie: “Dopo tanto successo ora vorrei sparire per un po’”

Musica - Luca Diana 8.11.23