Oscar 2021, i vincitori: trionfa Chloé Zhao con Nomadland – niente da fare per Laura Pausini

Assegnati nella notte gli Oscar del 2021! Ecco tutti i film premiati.

Oscar 2021, i vincitori: trionfa Chloé Zhao con Nomadland - niente da fare per Laura Pausini - nomadland 1 - Gay.it
3 min. di lettura

È stata Regina King, alle 02:00 spaccate, ad aprire la 93esima notte degli Oscar, e non dallo storico e solito palco del Dolby Theatre bensì dalla Union Station di Los Angeles, con divanetti e tavoli in stile Golden Globe.

Una 93esima edizione per certi versi storica, perché 11 anni dopo Kathryn Bigelow un’altra donna, la seconda in 93 anni di Academy, ha vinto l’Oscar per la miglior regia. Stiamo parlando di Chloé Zhao, tornata a casa con una seconda statuetta grazie a Nomadland, incoronato miglior film dell’anno. Già Leone d’Oro a Venezia 2021, Nomadland ha poi vinto tutti i premi su piazza della lunga stagione cinematografica, diventando uno dei titoli più premiati nella storia del cinema. Tra pochi giorni, dal 30 aprile, sarà su Disney Plus per tutti gli abbonati. Incinta e radiosa Emerald Fennell, all’esordio registico con il folgorante Una donna promettente (Promising Young Woman), ha poi meritatamente vinto l’Oscar per la miglior sceneggiatura, mentre Christopher Hampton e Florian Zeller sono stati premiati con la statuetta per la miglior sceneggiatura non originale grazie allo strepitoso The Father – Nulla è come sembra, diretto dallo stesso Zeller. Delusione italiana per Pinocchio, sconfitto (immeritatamente) da Ma Rainey’s Black Bottom tanto al trucco quanto ai costumi. Duplice statuetta a dir poco (eufemismo) discutibile. Anche Laura Pausini, in corsa per l’Oscar grazie alla miglior canzone con La vita davanti a Sè (qui il suo live pre-show), non è riuscita nell’impresa, con la statuetta andata a sorpresa ad H.E.R. e Tiara Thomas per Judas and the Black Messiah.

Tra gli attori, Daniel Kaluuya ha vinto l’Oscar come miglior attore non protagonista per Judas and the Black Messiah di Shaka King, mentre la bravissima Yoon Yeo-jeong di Minari quello per la miglior attrice non protagonista, battendo così Glenn Close, sconfitta per l’ottava volta su otto. Nessuno come lei. Frances McDormand ha vinto due Oscar in pochi minuti, in quanto produttrice di Nomadland e miglior attrice protagonista. 3a e 4a statuetta per la gigantesca Frances, che ha così anticipato la chiusura della serata con lo strameritato trionfo di un monumentale Anthony Hopkins in The Father. Sconfitti in volata i favoriti Viola Davis e Chadwick Boseman.

Complessivamente una cerimonia minimal, molto più intima del solito, dall’inesistente verve comica, dalla scaletta rivedibile e dal ritmo annacquato. La prima, e ci auguriamo ultima, in piena pandemia Covid.

Oscar 2021 – i vincitori

Miglior film
Nomadland, regia di Chloé Zhao

Miglior regista
Chloé Zhao – Nomadland

Miglior attore protagonista
Anthony Hopkins – The Father – Nulla è come sembra (The Father)

Miglior attrice protagonista
Frances McDormand – Nomadland

Miglior attore non protagonista
Daniel Kaluuya – Judas and the Black Messiah

Miglior attrice non protagonista
Yoon Yeo-jeong – Minari

Migliore sceneggiatura originale
Emerald Fennell – Una donna promettente (Promising Young Woman)

Migliore sceneggiatura non originale
Christopher Hampton e Florian Zeller – The Father – Nulla è come sembra (The Father)

Miglior film internazionale
Un altro giro (Druk), regia di Thomas Vinterberg (Danimarca)

Miglior film d’animazione
Soul, regia di Pete Docter

Migliore fotografia
Erik Messerschmidt – Mank

Miglior montaggio
Mikkel E. G. Nielsen – Sound of Metal

Migliore scenografia
Donald Graham Burt e Jan Pascale – Mank

Migliori costumi
Ann Roth – Ma Rainey’s Black Bottom

Miglior trucco e acconciatura
Sergio Lopez-Rivera, Mia Neal e Jamika Wilson – Ma Rainey’s Black Bottom

Migliori effetti speciali
Andrew Jackson, David Lee, Andrew Lockley e Scott Fisher – Tenet

Migliore colonna sonora
Trent Reznor, Atticus Ross e Jon Batiste – Soul

Migliore canzone originale
Fight For You (musiche di H.E.R. e Dernst Emile II, testo di H.E.R. e Tiara Thomas) – Judas and the Black Messiah

Miglior sonoro
Nicolas Becker, Jaime Baksht, Michelle Couttolenc, Carlos Cortés e Phillip Bladh – Sound of Metal

Miglior documentario
Il mio amico in fondo al mare (My Octopus Teacher), regia di Pippa Ehrlich e James Reed

Miglior cortometraggio
Due estranei (Two Distant Strangers), regia di Travon Free e Martin Desmond Roe

Miglior cortometraggio documentario
Colette, regia di Anthony Giacchino

Miglior cortometraggio d’animazione
Se succede qualcosa, vi voglio bene (If Anything Happens I Love You), regia di Michael Govier e Will McCormack

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Mahmood 17 Maggio Omobitransfobia

Cosa dirà Mahmood il 17 Maggio nella giornata contro l’omobitransfobia?

Musica - Mandalina Di Biase 22.4.24
Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria - Lil Nas X - Gay.it

Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria

Cinema - Federico Boni 22.4.24
Spice Girls, è reunion per i 50 anni di Victoria Beckham: "L'amicizia non finisce mai" (foto e video) - Victoria Beckham - Gay.it

Spice Girls, è reunion per i 50 anni di Victoria Beckham: “L’amicizia non finisce mai” (foto e video)

News - Redazione 22.4.24
Consumo di contenuti p0rn0 con persone trans nel mondo - dati forniti da Pornhub

L’Italia è la nazione che guarda più p0rn0 con persone trans*

News - Redazione Milano 20.4.24
Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: "Un sogno diventato realtà" - Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri genitori - Gay.it

Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: “Un sogno diventato realtà”

Culture - Redazione 23.4.24
Priscilla

Priscilla, 30 anni dopo arriva il sequel della Regina del Deserto

Cinema - Redazione 22.4.24

Leggere fa bene

Lily Gladstone in Killers of the Flower Moon (2023)

Lily Gladstone vuole decolonizzare il suo genere

Cinema - Redazione Milano 2.1.24
Oscar 2024, trionfa Oppenheimer. Miglior attrice Emma Stone, 2a statuetta per Billie Eilish. Tutti i vincitori - cover Oscar 2024 - Gay.it

Oscar 2024, trionfa Oppenheimer. Miglior attrice Emma Stone, 2a statuetta per Billie Eilish. Tutti i vincitori

Cinema - Federico Boni 11.3.24
Oscar 2024, Pedro Almodovar punta ad un altro trionfo con Strange Way of Life - Strange Way of Life ecco Manu Rios nel Brokeback Mountain di Pedro Almodovar - Gay.it

Oscar 2024, Pedro Almodovar punta ad un altro trionfo con Strange Way of Life

Cinema - Federico Boni 22.12.23
Oscar 2024, le nomination. Colman Domingo primo attore dichiaratamente gay candidato dopo 25 anni - Oscar 2024 - Gay.it

Oscar 2024, le nomination. Colman Domingo primo attore dichiaratamente gay candidato dopo 25 anni

Cinema - Federico Boni 23.1.24
Trace Lysette in MONICA (2022)

Independent Spirit Awards 2023, pioggia di nomination LGBTQIA+. Trace Lysette candidata come miglior attrice

Cinema - Redazione Milano 6.12.23
BARBIE (2023)

Ma Barbie è stato davvero snobbato agli Oscar?

Culture - Riccardo Conte 24.1.24
Billie Eilish agli Oscar 2024

Billie Eilish e il 2° storico Oscar: “per sentirsi la migliore versione di sé stessi” – Guarda la performance di “What Was I Made For?” – VIDEO

Musica - Emanuele Corbo 11.3.24
barbie margot robbie

Margot Robbie, Barbie e gli Oscar 2024. Ecco le prime parole dell’attrice dopo le polemiche sulle mancate nomination

Cinema - Redazione 1.2.24