Trento espulsa dalla Rete RE.A.DY: tutta colpa della Giunta leghista

Niente iniziative sociali o amministrative per la comunità LGBTQ+, commenta Paolo Zanella.

ascolta:
0:00
-
0:00
Trento Rete Ready Gay.it
2 min. di lettura

La Provincia autonoma di Trento è stata sospesa dalla Rete Re.a.dy dal comune di Torino, capofila che gestisce l’intera rete sul territorio italiano. Ad annunciarlo è stato Paolo Zanella, consigliere provinciale del partito politico Futura, spiegando come la decisione sia una conseguenza del comportamento della Giunta provinciale, di schieramento leghista.

La Rete Re.a.dy è la Rete italiana delle Regioni, Province Autonome ed Enti Locali. Nata a Torino durante il Pride del 2006, la rete si impegna a “prevenire, contrastare e superare le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere, anche in chiave intersezionale con gli altri fattori di discriminazione – sesso, disabilità, origine etnica, orientamento religioso, età – riconosciuti dalla Costituzione, dal diritto comunitario e internazionale”, attraverso azioni concrete nei vari territori ed iniziative promosse dai singoli comuni per sensibilizzare la popolazione e affiancarsi ai bisogni della comunità LGBTQIA+.

Trento Rete Ready Gay.it
Paolo Zanella, consigliere provinciale di Futura

Per rimanere all’interno di Rete Re.a.dy, per l’appunto, è necessario soddisfare alcuni requisiti, tra cui mettere in atto azioni positive e antidiscriminatorie a livello comunale e amministrativo, oltre alla promozione di una cultura sociale del rispetto e iniziative per valorizzare le differenze delle proprie comunità locali. Tutto questo, quanto pare, non è stato messo in atto dalla Giunta comunale della Provincia autonoma di Trento, entrata nella rete a partire dal 2017 dopo che già nel 2013 il Comune di Trento aveva aderito singolarmente. Negli anni si sono poi aggiunti altri comuni ma, fa notare Zanella, l’indifferenza dello schieramento politico ha fatto sì che tutti gli sforzi fatti da allora dall’assessore per le Pari Opportunità Sara Ferrari siano stati vani.

«Causa l’inerzia della Giunta provinciale leghista che mai ha partecipato alle attività formative e agli eventi culturali di contrasto all’omobitransfobia e di inclusione della comunità Lgbt+, che gli enti aderenti alla Rete dovrebbero promuovere sui propri territori, il Comune di Torino – capofila della Rete Ready – ha sospeso dalla Rete stessa la Provincia Autonoma di Trento»

Questo il commento di Paolo Zanella, decisamente amareggiato dalla negativa svolta che la situazione ha preso. Non stupisce certo, viste le note posizioni dei politici leghisti su questi temi. Tuttavia, una tale indifferenza circa i bisogni di una parte della popolazione che si governa, soprattutto a livello provinciale, è un segnale estremamente allarmante. Continua Zanella: «È il segno tangibile della volontà della destra al governo della Provincia di minare la coesione sociale, lavorando per escludere, invece che per includere, per difendere una società patriarcale dove le minoranze sessuali non trovino cittadinanza».

Realizzare spazi di condivisione e di ascolto per la comunità LGBTQIA+ è indispensabile per tutte le realtà locali, anche in quelle le cui amministrazioni sembrano voler ignorare il problema, facendo finta che non esistesse.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Marco Mengoni insieme a Fra Quintale e Gemitaiz canta "Un fuoco di paglia" di Mace, nell'album MAYA. Nel ritornello, Marco si rivolge ad un amore con una desinenza di genere maschile.

Marco Mengoni, una strofa d’amore a un uomo

Musica - Mandalina Di Biase 19.4.24
Amadeus, Sanremo Giovani 2023

Sanremo verso Mediaset, Amadeus in onda sul NOVE già a fine agosto con tre programmi

Culture - Mandalina Di Biase 18.4.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24
Svezia transizione 16 anni transgender

Svolta storica anche in Svezia, l’età per la transizione si abbassa a 16 anni, approvata la legge sull’autodeterminazione

News - Francesca Di Feo 18.4.24
Lovers 2024, i vincitori. Trionfa la coppia di pensionati in crisi di Les Tortues di David Lambert - OFF Les Tortues Turtles 02 - Gay.it

Lovers 2024, i vincitori. Trionfa la coppia di pensionati in crisi di Les Tortues di David Lambert

Cinema - Redazione 21.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

Erika Hilton è la seconda deputata trans del Brasile.

“Avete il potenziale per cambiare”, così parla Erika Hilton, deputata trans* del Brasile

News - Redazione Milano 5.12.23
Gabriel Attal, il nuovo premier di Francia è il primo dichiaratamente gay nonché il più giovane di sempre - Gabriel Attal - Gay.it

Gabriel Attal, il nuovo premier di Francia è il primo dichiaratamente gay nonché il più giovane di sempre

News - Redazione 9.1.24
elon-musk-gina-carano

Licenziata da Disney per le sue battute omobitransfobiche, Elon Musk pagherà la battaglia legale di Gina Carano

News - Francesca Di Feo 15.2.24
vladimir putin russia

Russia, il movimento LGBTQIA+ ufficialmente equiparato alle organizzazioni terroristiche

News - Redazione 22.3.24
Giorgia Meloni dirotta in Albania 36.000 migranti l'anno. Che fine faranno le persone LGBTQIA+ in fuga dai paesi omobitransfobici africani? - Giorgia Meloni e Edi Rama - Gay.it

Giorgia Meloni dirotta in Albania 36.000 migranti l’anno. Che fine faranno le persone LGBTQIA+ in fuga dai paesi omobitransfobici africani?

News - Federico Boni 7.11.23
Salvini a Belve: "Sui gay io e Vannacci abbiamo idee diverse. Non posso dare lezioni di morale a nessuno" (VIDEO) - Salvini a Belve - Gay.it

Salvini a Belve: “Sui gay io e Vannacci abbiamo idee diverse. Non posso dare lezioni di morale a nessuno” (VIDEO)

News - Redazione 3.4.24
Vannacci nominato Capo di Stato maggiore, Zan: "Vergogna, è un pericolo per la Costituzione" - Vannacci - Gay.it

Vannacci nominato Capo di Stato maggiore, Zan: “Vergogna, è un pericolo per la Costituzione”

News - Redazione 4.12.23
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24