Al ritmo della catastrofe: ci stiamo abituando al terrore?

Orlando, Nizza, Berlino: le tragedie contemporanee non danno più il tempo di essere metabolizzate. Il ritmo degli eventi e della rete ci travolge: cosa stiamo diventando?

Al ritmo della catastrofe: ci stiamo abituando al terrore? - terrorismo - Gay.it
3 min. di lettura

Lo si sente dire in continuazione: non si capisce più niente, il mondo è fuori controllo, non c’è soluzione. La strage di Orlando e quella di Nizza, le violenze in Turchia, l’apocalisse ad Aleppo, ora Berlino: tutto si sovrappone, reclama attenzione. Ma la nostra attenzione, in quanto corpi fatti di carne e bisogni, è limitata. Anche di fronte al terrore. Le richieste delle cose che accadono – se sono troppe o troppo vicine tra loro – non possono essere soddisfatte.

Il mondo ha mutuato la velocità dalla rete, una velocità che, tocca ricordarlo, non è propriamente umana. O che quantomeno mette in crisi le facoltà umane. Una velocità artificiale, riprodotta e alimentata dal web, per cui succede troppo e si sa tutto. Ci troviamo al centro di una sincope percettiva senza soluzione di continuità. Questo probabilmente ci sta cambiando, sta alterando il modo in cui noi – corpi sensibili – percepiamo e metabolizziamo i fatti. Se è vero che siamo diventati quasi onniscienti riguardo alle cose che succedono, siamo anche però sempre più impotenti.

Una delle grandi alterazioni che la contemporaneità attua riguarda il rapporto tra presente e futuro. Il futuro è inimmaginabile, assente, non c’è il tempo di pensarci su. Si sta schiacciati su un unico, grande presente, nel quale ci si sposta, involontariamente, con link atemporali che portano l’attenzione da un punto all’altro, freneticamente. Lasciando indietro spesso cose che meriterebbero di più di quel che il ritmo della catastrofe consente. Bambini travolti, storie spezzate, creature dilaniate. La coscienza delle cose che accadono non ha lo spazio necessario per maturare, le cose si susseguono rapidissime, come l’aprirsi delle pagine nel web. Che si rinnovano senza trattenere niente. Se ne apre una, poi un’altra, poi un’altra ancora.

Il senso delle tragedie, è bene ricordarsene, è la loro eccezionalità. Una tragedia altera la normalità, presenta un affronto, qualche volta insopportabile. In ogni caso inatteso o almeno insolito. Ma quando le tragedie si susseguono con questo ritmo, con il ritmo che stiamo sperimentando in questi giorni, cosa accade? Il sociologo Georg Simmel già aveva intravisto, all’inizio del ‘900, questo tipo di dinamiche. Lui ne parlava in riferimento alla nascita delle prime metropoli, ma il nucleo del discorso tiene ancora. I continui stimoli, i rumori, gli urti, i picchi, gli shock alterano la sensibilità. La corporeità umana tende allora a difendersi, innalza la soglia. Si inizia a sentire meno e per arrivare a essere scossi servono stimoli via via sempre più forti.

Non sarà questo meccanismo protettivo, legato al nostro bisogno di star bene, di continuare a vivere tranquillamente le nostre vite, un ostacolo per la strategia del terrore dei nemici dell’Occidente? Il nostro edonismo, che ci abitua a sentire meno per andare avanti, è probabilmente un elemento imprevisto dagli ideologi islamisti che usano gli attacchi per spaventarci. Un edonismo che forse loro non conoscono e che porta a domandarsi se, al continuare degli attacchi, le persone hanno più o meno paura. Il diminuire della paura (e il suo esito antropologico) è l’ipotesi, certo inquietante, su cui sto cercando di soffermarmi.

Non sarà forse che il terrorismo, più che spaventarci, ci sta rendendo più avvinghiati alla vita e in questo senso insensibili al dolore degli altri? È già sotto i nostri occhi: iniziano a dilagare in rete formazioni ciniche che infettano e contaminano la vita quotidiana. Vita vincit omnia, la vita deve andare avanti. Ci si abitua a tutto. Giusto per restare ai fatti di casa nostra, in questi giorni ultimi giorni hanno colpito e indignato i messaggi e i commenti dei fan del reality di Canale 5, Temptation Island, che si sono lamentati perché per la seconda settimana di seguito il loro show preferito non è andato in onda. Come se la Puglia prima e Nizza poi fossero solo due spettacoli tra gli altri, che ci arrivano davanti agli occhi indesiderati, al posto del nostro programma del cuore.

Per non dire poi del gusto per il commento sui social, accesissimo anche quando certo non si sa alcuna lettura illuminata delle cose. Dire per essere visti. Il dolore degli altri, esibito, esposto, rappresentato sembra essere ridotto alla mera occasione per mettersi in mostra. Spararla grossa, addirittura dileggiare i morti, è l’esito ultimo di una gran voglia di essere al centro. A qualunque costo.

Internet non è solo velocità. È anche disinvoltura, disimpegno, gesto facile, sprezzatura. Così come si clicca, si spara un commento. Poco pensato, irriverente, volgare? Chi se ne frega, tanto dura poco, dura niente. Siamo già oltre. Ancora vivi, sì, ma diversi da prima. Sulle strade restano i morti, i passeggeri, i turisti, i soldati. Noi siamo qua, dove eravamo prima, ma forse già completamente mutati.

(Jonathan Bazzi)

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Mauro Magoelite Casotti 16.7.16 - 16:38

Analisi lucidissima e amaramente vera.

Avatar
dan 16.7.16 - 14:12

GAY:IT SIETE SQUALLIDI CON LA VOSTRA CENSURA!

Avatar
dan 16.7.16 - 13:27

Questo post poteva essere interessante, se fosse stato approfondito. - - - - Purtroppo, ancora, non vi legge nessuno. Perché, a cosa serve un post generico sulla moda del momento, in mezzo a decine di post sul sesso, Lady Gaga e promozione delle malattie sessualmente trasmissibili? A niente e a nessuno.

    Avatar
    Mauro Magoelite Casotti 16.7.16 - 16:39

    Tutti i magazine alternano pezzi seri, frivoli, politici e di costume, attorno al tema centrale che rappresenta la linea editoriale di una testata.

    Avatar
    Jonathan Bazzi 18.7.16 - 19:41

    Continua a seguirci e parla bene di noi, se ti piacciamo. Pezzi come questo arrivano periodicamente sul nostro portale. Assieme a tutto il resto. Cerchiamo di raccontare tutto quello che ci sembra interessante e degno di essere condiviso. Lady Gaga è molto importante, il sesso e le MST sono molto importanti. Poi certo ognuno sceglierà di guardare questo piuttosto che quell'altro.

Trending

I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming - film queer 2 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 24.6.24
Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli - Matteo B Bianchi3 - Gay.it

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli

Culture - Federico Colombo 22.6.24
Tale e Quale Show 2024, primi rumor sul cast. Da Federico Fashion Style alle Karma B e Giulia De Lellis - Tale e Quale Show 2024 - Gay.it

Tale e Quale Show 2024, primi rumor sul cast. Da Federico Fashion Style alle Karma B e Giulia De Lellis

Culture - Redazione 24.6.24
aggressione-foggia-intervista

Foggia, parla Alessandro, vittima dell’aggressione: “Trasformiamo la violenza in sogno” – intervista

News - Francesca Di Feo 21.6.24
Jonathan Bailey per @orlebarbrown

Jonathan Bailey, chi è l’attore gay sulla bocca di tuttə?

Culture - Luca Diana 22.6.24
Luca Guadagnino parla di Queer: "È il mio film più personale, ci sono scandalose scene di sesso" - luca guadagnino pesarofilmfest 60 22giu2024 ph luigi angelucci 010 - Gay.it

Luca Guadagnino parla di Queer: “È il mio film più personale, ci sono scandalose scene di sesso”

Cinema - Redazione 24.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

verona pride 2024, domenica 16 giugno

Verona Pride 2024: domenica 16 giugno

News - Redazione 23.4.24
Giuseppe Giofrè, libro "Stidda"

Giuseppe Giofrè, “Stidda” è il suo primo libro: ecco tutto ciò che sappiamo

News - Luca Diana 6.3.24
Milena Cannavacciuolo, chiuso il crowdfunding. Raccolti 61.717 euro. "Grazie per l'amore corrisposto" - Milena Cannavacciuolo - Gay.it

Milena Cannavacciuolo, chiuso il crowdfunding. Raccolti 61.717 euro. “Grazie per l’amore corrisposto”

News - Redazione 8.4.24
Alessandra Mussolini difende il Pride e critica il governo Meloni: "Faccia passi avanti sui diritti, cose invereconde sull'aborto" - Alessandra Mussolini - Gay.it

Alessandra Mussolini difende il Pride e critica il governo Meloni: “Faccia passi avanti sui diritti, cose invereconde sull’aborto”

News - Redazione 17.6.24
Serbia, attivisti LGBTQIA+ in piazza dopo un'aggressione omofoba da parte della polizia (VIDEO) - Da Se Zna Serbia - Gay.it

Serbia, attivisti LGBTQIA+ in piazza dopo un’aggressione omofoba da parte della polizia (VIDEO)

News - Redazione 8.3.24
Arriva Matrix 5, sarà il primo film della saga senza Lana e/o Lilly Wachowski alla regia - MATRIX RESURRECTIONS 1 MX4 TRLR 0002 High Res JPEG - Gay.it

Arriva Matrix 5, sarà il primo film della saga senza Lana e/o Lilly Wachowski alla regia

News - Redazione 4.4.24
Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: "Solo l'amore conta" - Bari il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme - Gay.it

Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: “Solo l’amore conta”

News - Redazione 24.5.24
Marco Mengoni, sanremo 2024

Sanremo 2024, il Festival di Marco Mengoni minuto per minuto: in diretta dall’Ariston

News - Luca Diana 6.2.24