Heartstopper: quando smetteremo di essere adorabili?

Possiamo esistere in tutta la nostra complessità, anche permettendoci di non essere carini a tutti i costi.

ascolta:
0:00
-
0:00
quando smetteremo di essere adorabili
Heastopper (Netflix)
4 min. di lettura

Non so se avete sentito parlare di Heartstopper.

Per chi non lo sapesse e avesse passato l’ultima settimana in una caverna ai confini della Terra, Heartstopper è la serie del momento: la più guardata su Netflix, con un clamoroso 100% di recensioni positive su Rotten Tomatoes, che la rendono la serie più acclamata nella storia della piattaforma. Heartstopper è un’ode all’adolescenza queer, una storia d’amore tra due ragazzini che, sin dal primo minuto, non ha nessun timore a mostrarsi spudoratamente tenera, in una maniera così spontanea e naturale da non esagerare mai con il saccarosio.

Tratta dal graphic book di Alice Oseman – qui anche in veste di sceneggiatrice – Heartstopper è uno di quei rari, ma fortunatamente sempre più possibili, casi in cui una storia queer viene raccontata, interpretata, e vissuta attraverso la lente di persone queer, davanti e dietro lo schermo. E difatti si vede: le storie di questi adolescenti (per altro, una volta tanto interpretati da veri teen-ager e non trentenni fatti passare per quindicenni) sfuggono a quel desiderio spasmodico di rappresentarci attraverso il filtro della violenza, la tragedia, o il dolore. Le variopinte identità raccontate da Oseman – senza omettere tutte le difficoltà e insicurezze del caso – brillano disinvolte e libere senza giustificazioni o abbassare mai il capo. È esattamente la serie tv per rappresentare la generazione Z e quella che tutti gli altri non hanno mai avuto manco per sbaglio.

 

quando smetteremo di essere adorabili
Heartstopper (Netflix)

 

Quanto avrei voluto una serie come Heartstopper quindici anni fa” è la frase che ho sentito ripetere di più dai millennial in queste settimane. Perché Heartstopper – piaccia o non piaccia – ha due effetti: da una parte, offre una una splendida e rassicurante visione della realtà, una scarica di serotonina per le persone più giovani, diventando un punto di riferimento rassicurante, e mi sento di dire indiscutibilmente necessario, per chiunque è ancora tra i banchi di scuola.

Dall’altra, per chi esce fuori dal target di riferimento, Heartstopper è una favola: è quel sogno ad occhi aperti mentre attraversavamo il cortile della scuola con le cuffiette, troppo impegnati a sentirci fuori posto e spaventati, per poterci permettere di baciare la nostra crush a ricreazione. Heartstopper è il ritratto di tutto quello che avremmo desiderato a quindici anni se solo avessimo avuto meno paura, più possibilità, e migliori esempi. Ci siamo scrollati di dosso le angosce dell’adolescenza, riprendendo piano piano tutto quello che abbiamo lasciato indietro quando eravamo ragazzini, eppure, la nostra storia d’amore adolescenziale resta possibile solo su uno schermo. Attraverso quest’ottica e contro ogni volontà, Heartstopper assume un retrogusto dolceamaro, in grado di spezzare qualche cuore.

Con tutte le gioie e i dolori del caso, Heartstopper ci permette anche di fare il punto su quanti passi in avanti abbiamo fatto nella rappresentazione queer, ma anche in quali direzioni possiamo iniziare a muoverci: fa bene sapere che lo show più guardato al mondo – in grado di coinvolgere chiunque, dai più piccoli a vostra madre – sia un tripudio di orgoglio e gioia LGBTQIA+.

Al contempo, non escludo che Heartstopper è il pacchetto perfetto per un pubblico etero-cis che può assistere alle nostre storie, senza sentirsi minimamente turbato o destabilizzato. Chiunque in questa serie è quanto di più edificante e accomodante possiamo aspettarci dal mondo queer: i personaggi sono i perfetti modelli di comportamento, privi di difetti, angelici e puri quanto basta per non fare incazzare nessuno. Con tutti i pregi del caso, si ha sempre la sensazione di essere qui per sensibilizzare, educare e normalizzare l’occhio dello spettatore medio, ma mai di esistere in tutta la nostra complessità, anche permettendoci di non essere carini a tutti i costi. Se una volta per raccontarci dovevamo farci corcare di botte o crepare prima dei titoli di coda, oggi dobbiamo essere adorabili, mansueti, dolci angioletti troppo buoni per trattarli male o discriminarli.

 

quando smetteremo di essere adorabili
Heartstopper (Netflix)

Come ho sentito dire da qualcuno, Heartstopper è abbastanza intelligente da non cadere a piene mani in questo stereotipo, ma allo stesso tempo non fa nulla neanche per discostarsene. E non posso fare a meno di chiedermi: e se fossimo meno carini? E se potessimo raccontarci con tutti i nostri spigoli, ruvidità, a volte anche disgustosi, crudeli, e problematici come buona parte degli esseri umani, riceveremmo la stessa calorosa accoglienza? Se smettessimo di essere buoni esempi, educativi come un’infografica su Instagram e teneri come dei coniglietti, si investirebbe ancora nelle nostre storie? Soprattutto, quando inizieremo a raccontarci senza ricalcare gli stessi schemi offerti dai media etero-cis per decenni?

Forse sto correndo un po’ troppo, ed è bene ricordare che ci stiamo ancora muovendo a piccoli passi, e prima o poi, ogni storia avrà il suo tempo. Forse mi spaventa la sensazione che per essere visti e accolti, dobbiamo ancora presentarci bene agli occhi del mondo, come se stessimo sempre chiedendo il permesso. Ma se quindici anni fa non potevamo essere neanche questo, chissà cos’altro potremo permetterci un domani. Forse anche il lusso di essere screanzati.

Leggi anche: Heartstopper, la recensione della serie queer Netflix: “Un dolcissimo amore tra due ragazzi ai tempi del liceo”

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

News - Francesca Di Feo 22.6.24
Fedez annuncia apertura canale OnlyFans

Fedez cede a OnlyFans e apre il suo canale: “Mi consigliano di ripulirmi l’immagine e faccio il contrario”

News - Emanuele Corbo 21.6.24
meloni orban

35 ambasciate firmano una dichiarazione che condanna le leggi anti-LGBTQ ungheresi. Assente l’Italia

News - Redazione 21.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli - Matteo B Bianchi3 - Gay.it

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli

Culture - Federico Colombo 22.6.24
Cosa significa Rainbow Washing_

Cos’è il rainbow washing, quali forme assume e come evitarlo

News - Francesca Di Feo 20.6.24

Leggere fa bene

Mariliendre, Omar Ayuso è un super modello in una nuova serie queer spagnola - Omar Ayuso - Gay.it

Mariliendre, Omar Ayuso è un super modello in una nuova serie queer spagnola

Serie Tv - Redazione 7.6.24
Enzo Miccio e il potente monologo contro l'omofobia: "Siate fieri, sempre, perché siete unici e autentici" (VIDEO) - Enzo Miccio - Gay.it

Enzo Miccio e il potente monologo contro l’omofobia: “Siate fieri, sempre, perché siete unici e autentici” (VIDEO)

Culture - Redazione 24.4.24
The New Look, Ben Mendelsohn è Christian Dior nel primo trailer della serie - The New Look - Gay.it

The New Look, Ben Mendelsohn è Christian Dior nel primo trailer della serie

Serie Tv - Redazione 18.1.24
Taylor Swift Queer o Lesbica oppure no (a destra in Gucci ai Golden Globe 2024)

Taylor Swift è lesbica o queer o forse no: ma è giusto chiederselo?

Musica - Mandalina Di Biase 9.1.24
The Last of Us 2: Isabela Merced sarà Dina, grande amore di Ellie - The Last of Us Dina Isabela Merced - Gay.it

The Last of Us 2: Isabela Merced sarà Dina, grande amore di Ellie

Serie Tv - Redazione 15.1.24
Nicolas Maupas

Nicolas Maupas: “È una bella rivincita dare volto a personaggi maschili fragili”

Culture - Luca Diana 4.1.24
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The Tv Glow: guarda il trailer dell’attesissimo film horror trans* – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 29.2.24
9-1-1, Buck è bisessuale? Con il centesimo episodio arriva l'atteso bacio (VIDEO) - 911 bacio gay Buck e Tommy - Gay.it

9-1-1, Buck è bisessuale? Con il centesimo episodio arriva l’atteso bacio (VIDEO)

Serie Tv - Redazione 5.4.24