Renzi: “Il DDL Zan non vìola il Concordato, autogol Vaticano. Prudenza in aula con il voto segreto”

"IV voterà il DDL Zan, ma i promotori devono decidere se accettare alcune modifiche con una maggioranza ampia o rischiare a scrutinio segreto".

Renzi: "Il DDL Zan non vìola il Concordato, autogol Vaticano. Prudenza in aula con il voto segreto" - Zan vs Renzi - Gay.it
3 min. di lettura

Stranamente silente da giorni, Matteo Renzi è intervenuto sul ‘caso’ Vaticano-DDL Zan, ieri affrontato dal premier Mario Draghi in senato con parole chiare e ineccepibili.

Intervistato da Repubblica, l’ex premier ha giustamente ribadito come il DDL Zan non viola il Concordato e la nota verbale del Vaticano è un errore. Le leggi le scrivono i parlamentari, non i cardinali”. “Un’entrata a piedi uniti di questo tipo riporta indietro le lancette dell’orologio a 5 anni fa, prima delle Unioni Civili. Dico che è un autogol da politico, perché riapre uno scontro Stato-Chiesa di cui non si vedeva il bisogno, ma anche da cattolico, perché non possiamo fare l’errore di ridurre il messaggio del Vangelo a mero fatto etico. Come credente sono dispiaciuto per lo scontro tra pezzi di Vaticano e pezzi di Cei, come politico difendo la laicità delle istituzioni”.

Renzi prende quindi posizione, dettando la linea all’intero partito che da mesi fa melina nei confronti del DDL, con Faraone e Bonetti che aprono ad eventuali modifiche decise con Lega e Forza Italia. In tal senzo, il leader di Italia Viva non si espone: “Lo deciderà in libertà il Parlamento, non il Vaticano. Italia Viva ha già votato alla Camera e voterà in Senato. Ma suggerisco prudenza: se con il voto segreto va sotto su un emendamento, la legge rischia di essere affossata. Una legge serve e va approvata velocemente: i promotori devono decidere se accettare alcune modifiche con una maggioranza ampia o rischiare a scrutinio segreto su questo testo. Quando approvammo le unioni civili, facendo un’operazione bella, di avanzamento dei diritti, trovammo delle mediazioni”.

Italia Viva, insiste Renzi, voterà il DDL Zan. “Noi si. Ma fossi nei promotori cercherei un consenso largo e mi preoccuperei delle critiche fatte da una parte del Pd su scuola e femminismo. Sono pragmatico e cerco di calare l’ideale nella realtà. Se invece usi i diritti solo per definirti e marcare un consenso personale, se lo fai per inseguire i like degli influencer, non fai politica, sei un populista. Mi ha colpito vedere Conte e Letta il primo maggio twittare insieme: la sinistra riparta da Fedez. Ma io me lo ricordo Fedez quando urlava in piazza contro Giorgio Napolitano o usava espressioni omofobe. Avrei parlato più delle tragedie di Saman e Luana e meno dei post di Fedez”.

Nel frattempo le destre hanno preso al balzo la mossa vaticana per provare a fermare la legge. Matteo Salvini ha previsto che il DDL sarà ‘rivisto e corretto’.  “Sono assolutamente in sintonia, dobbiamo punire discriminazioni e abusi, togliendo dalla competizione i bambini, le scuole e non inventandosi nuovi reati d’opinione, che in questo momento sicuramente non servono. Raccolgo l’appello della Chiesa, ragioniamo di come punire discriminazioni senza censura, aspetto una risposta da parte del segretario del Pd”.  Alessandro Zan ha duramente replicato a queste parole: “Per Salvini ‘il ddl Zan ruba fiabe e speranze ai bambini’. Siamo alla follia conclamata: sta speculando sui più piccoli con infamità che nulla c’entrano con il testo. Ormai è senza vergogna. Come si può discutere con chi diffonde solo fake? Il Senato approvi subito la legge!”.

Giorgia Meloni ha invece lanciato l’ipotesi di ‘bloccare’ il DDL causa scontro con la Santa Sede. “Buon senso vorrebbe che l’esame della proposta di legge in oggetto fosse sospesa e rimandata in attesa che il contenzioso sia risolto”. 

Il tentativo di schiacciarci con calendari impossibili ci costringerà a chiedere l’Aula“, ha anticipato la senatrice Monica Cirinnà, via “Radio anch’io”. ” Penso che il luogo del dialogo sia il Parlamento e in particolare la Commissione, resa un pantano dal comportamento della Lega”.  “La mediazione possibile sugli articoli riguardanti l’autonomia scolastica è già stata fatta in Parlamento. Andiamo in Aula. L’Aula è sovrana, è il luogo della battaglia politica“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Omosessualità Animali Gay

Animali gay, smettiamola di citare l’omosessualità in natura come sostegno alle nostre battaglie

Culture - Emanuele Bero 18.4.24
Sandokan, c'è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi - Sandokan - Gay.it

Sandokan, c’è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi

Serie Tv - Redazione 18.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

elezioni-argentina-reazioni-comunita-lgbtqia

“L’Argentina rischia la regressione come l’Italia, ma non passeranno”: la comunità LGBTQIA+ Argentina e l’elezione di Javier Milei – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 27.11.23
Padova, via alle cause contro le famiglie arcobaleno: "Sarà una battaglia di civiltà giuridica e umana" - Padova via alle cause contro le famiglie arcobaleno - Gay.it

Padova, via alle cause contro le famiglie arcobaleno: “Sarà una battaglia di civiltà giuridica e umana”

News - Redazione 14.11.23
Argentina, trionfa l'ultradestra di Milei. Chi è la vicepresidente Victoria Villarruel, ultracattolica "anti-gender" - Argentina trionfa lultradestra di Milei. Chi e la vicepresidente Victoria Villarruel 2 - Gay.it

Argentina, trionfa l’ultradestra di Milei. Chi è la vicepresidente Victoria Villarruel, ultracattolica “anti-gender”

News - Federico Boni 20.11.23
Cesena, Forza Nuova affisse manifesti funebri per le unioni civili. Mirco Ottaviani assolto dalla Corte d'Appello - Cesena Forza Nuova 1 - Gay.it

Cesena, Forza Nuova affisse manifesti funebri per le unioni civili. Mirco Ottaviani assolto dalla Corte d’Appello

News - Redazione 21.3.24
papa-francesco-persone-trans

Papa Francesco come Giorgia Meloni: “Teorie gender pericolosissime, GPA da proibire a livello universale”

News - Redazione 8.1.24
tweet transfobico casa editrice libertà di parola rowling

J.K. Rowling attacca la nuova legge scozzese contro l’omobitransfobia: “Arrestatemi”. E il premier inglese è con lei

News - Federico Boni 2.4.24
A sin: Giorgia Meloni con Elena Donazzan (è noto che la prima non ami la seconda) - a destra Cloe Bianco

Nessuna pace per Cloe Bianco, Elena Donazzan sarà candidata alle Europee da Fratelli d’Italia

News - Redazione Milano 7.12.23
alessia-crocini-mennuni

Alessia Crocini risponde alla senatrice Mennuni sulla maternità: “Le parole di una privilegiata”

News - Francesca Di Feo 28.12.23