Ricky, un piccolo angelo come emblema della diversità

Una favola magica su un bambino a cui spuntano le ali e diventa una celebrità. Dal regista di 'Sotto la sabbia', un racconto emozionante con un guizzo di genio: Ricky è Ozon.

Ricky, un piccolo angelo come emblema della diversità - RICKYALIbase - Gay.it
3 min. di lettura

Ricky, un piccolo angelo come emblema della diversità - RICKYALIF1 - Gay.it

Vola pure il regista, in questo caso. François Ozon, uno dei più eclettici registi francesi, è anche uno dei più prolifici: ha appena vinto il premio speciale della giuria per ‘Le refuge’ al festival di San Sebastian, storia di droga e morte, di un realismo assoluto, lo stesso stile che colpisce all’inizio di questo Ricky – una storia d’amore e libertà in uscita domani per l’ottima Teodora Film, sempre molto attenta al tema della diversità anche omosessuale.

Ricky, un piccolo angelo come emblema della diversità - RICKYALIF2 - Gay.it

In questa affascinante favola metropolitana, l’angelo non è che un normalissimo bambino nato dall’unione di Katie, che lavora in fabbrica, e il placido Paco, un collega che in passato ha fatto il lavapiatti e l’idraulico in nero. Lei ha già una bambina, curiosa e un po’ monella, Lisa, che rimane ammaliata da questo fratellino che intuisce già diverso da tutti gli altri bambini.

Ricky, un piccolo angelo come emblema della diversità - RICKYALIF3 - Gay.it

Ma quando a Ricky spuntano sospetti lividi sulla schiena, Lisa si convince che sia Paco ad averlo maltrattato. Solo quando si metterà a volare come un vero aquilotto, lo stile del film si tramuta in fantastico e la dimensione di realismo magico all’Amélie (i produttori sono gli stessi) lo immerge in un’ammaliante atmosfera onirico-ottimista che potrà conquistare un pubblico di adulti come di bambini.

Ricky, un piccolo angelo come emblema della diversità - RICKYALIF6 - Gay.it

Il bel film, tratto dal racconto Moth (‘Falena’) di Rose Tremain, è anche un’interessante metafora di tutti i condizionamenti dovuti al successo e alla celebrità ("Farebbe anche con me un bambino volante?" si sente dire Paco), e alle pericolose chimere che queste inducono, soprattutto se la notorietà è conquistata improvvisamente.

Ricky, un piccolo angelo come emblema della diversità - RICKYALIF5 - Gay.it

"Amo molto i ritratti femminili" spiega Ozon. "E volevo esplorare nuovamente il tema della maternità, ma in modo diverso rispetto a uno dei miei primi film, Regarde la mer. In quest’ultimo, due aspetti dell’istinto materno erano raccontati attraverso due donne molto differenti: la madre buona e la madre ‘mostruosa’. In Ricky  tali aspetti sono presenti nella stessa madre, Katie, e noi seguiamo la complessa evouzione dei suoi impulsi. All’inizio è come una leonessa, dedita a proteggere il suo piccolo, poi diventa più giocosa, quasi infantile, quasi fosse una bambina alle prese con una bambola. Infine, abbiamo una madre che si confronta con un figlio che ha bisogno di cure e attenzioni, un figlio che dovrà condividere con altre persone e, eventualmente, da cui dovrà separarsi. Nei film, i bambini sono spesso idealizzati, Raramente li vediamo affamati, sporchi o urlanti. Era importante per me che Ricky fosse un personaggio vero, che esprimesse i propri bisogni e le proprie emozioni. Ho diretto il piccolo Arthur Peyret come ogni altro attore, arrivando a parlargli per spiegare cosa volevo da lui. Abbiamo rapidamente adattato i tempi delle riprese alle pause per la pappa e i pannolini. La cosa buffa è che lui ha preso il suo ruolo sul serio e la sua interpretazione migliorava scena dopo scena, al punto che abbiamo finito di girare prima del previsto".

Ricky, un piccolo angelo come emblema della diversità - RICKYALIF4 - Gay.it

In realtà Ozon aveva già fatto un ‘Angel’, in costume, ma qui è evidente la metafora della diversità come libertà creatrice e indipendente, ispiratrice di fantasie liberatorie e appagante segno di distinzione dalla massa. Memorabile la scena ‘purificatrice’ del bagno nel lago e il finale che fa ipotizzare la possibilità di un ‘Ricky Two’ dopo ‘Ricky One’. 

Visita il sito del film

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

queer palm, festival di cannes, i vincitori

Festival di Cannes. Tutti i film vincitori della Queer Palm dal 2010 ad oggi

Cinema - Gio Arcuri 17.5.24
daniel craig queer guadagnino

Queer: “È fantastico, dura 3 ore e sarà a Venezia”. Luca Guadagnino: “È il film che avevo in testa da 35 anni”

News - Redazione 20.5.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
Beatrice Quinta, da X Factor al primo EP

Beatrice Quinta: “Parlo sempre di sesso perché ho scoperto che posso godere” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Beatrice Quinta, da X Factor al primo EP

Beatrice Quinta: “Parlo sempre di sesso perché ho scoperto che posso godere” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24

Continua a leggere

barbie margot robbie

Margot Robbie, Barbie e gli Oscar 2024. Ecco le prime parole dell’attrice dopo le polemiche sulle mancate nomination

Cinema - Redazione 1.2.24
Will & Harper, il doc on the road con Will Ferrell che racconta la transizione della sua amica Harper Steele - Will ill e Harper - Gay.it

Will & Harper, il doc on the road con Will Ferrell che racconta la transizione della sua amica Harper Steele

Cinema - Redazione 22.1.24
Michele Bravi attore in Finalmente l'Alba: "Un estroverso tra personaggi famelici, al limite del cannibalismo" - Michele Bravi Finalmente lalba - Gay.it

Michele Bravi attore in Finalmente l’Alba: “Un estroverso tra personaggi famelici, al limite del cannibalismo”

Cinema - Redazione 22.2.24
Priscilla

Priscilla, 30 anni dopo arriva il sequel della Regina del Deserto

Cinema - Redazione 22.4.24
Reneé Rapp in Mean Girls (2024)

Regina George di Mean Girls è queer? Risponde Reneé Rapp

Cinema - Redazione Milano 16.1.24
MAY DECEMBER (2023)

Tutti i traumi di May December: il controverso film con Julianne Moore e Natalie Portman

Cinema - Riccardo Conte 13.12.23
Hari Nef sarà la leggendaria icona trans Candy Darling nel biopic prodotto da John Cameron Mitchell - Hari Nef Candy Darling - Gay.it

Hari Nef sarà la leggendaria icona trans Candy Darling nel biopic prodotto da John Cameron Mitchell

Cinema - Federico Boni 27.3.24
Cuckoo (2024)

Hunter Schafer è la perfetta scream queen nell’horror Cuckoo – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 9.2.24