Roma Pride 2021: “NON possiamo accettare una piazza a numero chiuso e con accesso limitato”

"Vogliamo scendere in strada, rispettando tutte le regole e colorando Roma della nostra favolosità", hanno ribadito gli organizzatori alle istituzioni.

Roma Pride 2021: "NON possiamo accettare una piazza a numero chiuso e con accesso limitato" - Roma Pride - Gay.it
3 min. di lettura

Roma Pride 2021: "NON possiamo accettare una piazza a numero chiuso e con accesso limitato" - romapride - Gay.it

Tra 8 giorni dovrebbe tenersi il Roma Pride 2021, attesissimo dopo la cancellazione dell’edizione 2020 causa Coronavirus. Usiamo il condizionale perché a 8 giorni dal via Claudio Mazzella, Portavoce del Roma Pride, ha lanciato un autentico grido d’allarme. Le istituzioni avrebbero infatti autorizzato un Pride in piazza, ma a numero chiuso e con accesso limitato. Opzione impraticabile per gli organizzatori.

Da mesi il Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli, insieme alle realtà del coordinamento Roma Pride, prova a costruire un Pride favoloso, aperto, irriverente, accessibile, come è nella sua natura, ma anche sicuro rispetto a un’emergenza che non è ancora finita“, ha scritto Mazzella sui social. “Sin dall’inizio è stato fondamentale garantire lo svolgimento di una manifestazione aperta a tutt*. C’è stata proposta e garantita una piazza, ma a numero chiuso e con accesso limitato, una soluzione chiaramente non percorribile per noi perché avrebbe minato l’essenza stessa del Pride che nasce per accogliere, non per escludere“.

“Nella costruzione della giornata del 26 giugno mai si è dimenticato che l’Italia vive ancora una situazione di emergenza sanitaria e pandemica“, ha proseguito il presidente del Mario Mieli. “Il lavoro che stiamo svolgendo è lungo e complesso e deve tenere conto del grande entusiasmo che il Pride raccoglie ogni anno di più, ma anche che tutto deve essere svolto nel pieno rispetto delle regole e delle misure anti-Covid-19“.

Impossibile non tornare con la memoria al primo storico Pride del 1994, quando “le persone che lo organizzarono volevano portare nelle strade di Roma la comunità, mostrarsi e mostrare chi siamo, occupare uno spazio pubblico in maniera pacifica, colorata e gioiosamente dissacrante.
Volevano uscire fuori dai luoghi dove si celebravano già i moti di Stonewall. La parata era un grande coming out collettivo rivolto alla collettività e alla società conservatrice“.

Lo era all’epoca, e lo è ancora oggi.

È impensabile pensare ad un Roma Pride che torni indietro e rinunci alla possibilità di includere tutte le anime della comunità, che nel corso degli anni sono cambiate, si sono autodeterminate, hanno assunto forme e identità nuove, ma anche a tutt* le/gli alleat* che sempre di più si sentono rappresentat* nella nostra battaglia di liberazione da una visione conservatrice e moralistica. Per noi del coordinamento, per quello che vi abbiamo detto e per la natura stessa del Pride, è impossibile ipotizzare di lasciare fuori anche solo una persona dalla nostra grande festa.

Ed è qui che il Comitato Roma Pride si appella alle istituzioni, chiamate a “riconoscere, come fatto in passato, le nostre esigenze: vogliamo sfilare nelle strade di Roma pur rinunciando ai carri, agli abbracci e ai balli sfrenati sulle note della nostre colonne sonore, cose che torneranno più favolose che mai nella prossima edizione che già immaginiamo nella sua formula tradizionale. Queste rinunce, che sono per noi dolorose ma necessarie, le accettiamo pur di vedere i nostri corpi, i nostri volti, le nostre identità attraversare quelle strade che, anche se non ancora del tutto, abbiamo reso più sicure e inclusive. Vorremmo chiudere dando un appuntamento sicuro e preciso, ma vi dobbiamo chiedere di avere ancora un po’ di pazienza sperando che venga ripagata con il risultato migliore possibile. Mai come quest’anno vogliamo riprenderci i nostri spazi, riempirli con i nostri corpi e con le nostre lotte. In un momento in cui il ddl Zan è ancora fermo al Senato e la pandemia ha privato un’intera comunità di luoghi di confronto e di incontro noi vogliamo scendere in strada, rispettando tutte le regole e colorando Roma della nostra favolosità. Ma per farlo abbiamo bisogno del supporto delle istituzioni perché vogliamo e dobbiamo garantire una manifestazione sicura“.

All’ultimo ma Roma Pride ‘ufficiale’, nel 2019, parteciparono 700.000 persone. Sabato 26 non scenderà in piazza solo Roma, mancati permessi permettendo, ma anche Milano.

Roma Pride 2021: "NON possiamo accettare una piazza a numero chiuso e con accesso limitato" - Roma Pride 2 - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Sergio Mattarella 17 maggio giornata internazionale contro omofobia transfobia bifobia

17 maggio, Mattarella contro l’omobitransfobia: “Non è possibile accettare di rassegnarsi alla brutalità”

News - Redazione 17.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Nemo The Code significato e come è nata

Nemo, il magnifico testo non binario di “The Code” è nato così: ecco cosa racconta davvero

Musica - Mandalina Di Biase 13.5.24
Bridgerton, la showrunner Jess Brownell annuncia l'arrivo di una storia d'amore queer - BRIDGERTON 302 Unit 00627R - Gay.it

Bridgerton, la showrunner Jess Brownell annuncia l’arrivo di una storia d’amore queer

Serie Tv - Redazione 16.5.24

Hai già letto
queste storie?

umbria pride 2024, il 1 giugno a Perugia

Umbria Pride 2024: a Perugia il 1° Giugno

News - Redazione 10.2.24
Mumbai, il primo Pride dopo 4 anni sognando il matrimonio egualitario - VIDEO - Mumbai Pride - Gay.it

Mumbai, il primo Pride dopo 4 anni sognando il matrimonio egualitario – VIDEO

News - Redazione 5.2.24
stretto pride messina 2024

Stretto Pride 2024: sabato 20 luglio a Messina

News - Redazione 10.5.24
milano pride 2024, il 29 giugno

Milano Pride 2024: il 29 giugno

News - Redazione 13.5.24
terni pride 25 maggio 2024

Transfem Terni Pride 2024: sabato 25 maggio

News - Redazione 21.2.24
padova pride 2024, sabato 1 giugno

Padova Pride 2024: sabato 1 giugno

News - Redazione 29.2.24
rimini summer pride 2024, il 4 agosto

Rimini Summer Pride 2024: domenica 4 agosto

News - Redazione 9.3.24
siracusa pride 2024, sabato 8 giugno

Siracusa Pride 2024: sabato 8 giugno

News - Redazione 30.3.24