Tra soul e potere maschile, Shari: “Le donne devono lavorare il doppio” – Intervista

"Non sono arrabbiata con gli uomini". Dopo Sanremo 2023, Shari ci parla di sé, del soul, del pop, "Sto scrivendo nuovi brani".

ascolta:
0:00
-
0:00
shari
4 min. di lettura

Shari sta scrivendo nuova musica, nuove canzoni e non vede l’ora di cantarle live. Perché il live è la sua vera dimensione, quella più intimamente soul e vicina al suo amore per la musica.  Shari, originaria del Friuli-Venezia Giulia, classe 2002, ha ammaliato il pubblico dell’Ariston tra i 28 Big in gara al Festival di Sanremo 2023 con il brano “Egoista”, dopo essere arrivata nella top 6 di Sanremo Giovani con il brano “Sotto voce”.

Il testo di “Egoista” è stato scritto interamente da lei (Shari Noioso, nome e cognome), musiche di Shari, con Salmo (produttore), Luciano Fenudi, Riccardo Poddu.

Ci ha raccontato il suo rapporto con la musica, in un magnifico mix di soul e pop, abbiamo parlato dell’esperienza di Sanremo e di temi contemporanei urgenti che ci riguardano un po’ tuttə.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Shari ♪ (@sharinoioso)

Canti oggettivamente da dio, suoni il pianoforte, sei autrice: perché secondo te la musica è diventata la tua forma di espressione?

Credo che sia una cosa che mi fa sentire bene, è da quando sono piccola che me ne sono accorta, fortunatamente, e quindi cantavo continuamente perché mi divertivo e mi faceva sentire bene. Poi pian piano ho scoperto tutti i lati positivi che ci sono oltre al fatto di star bene e quindi è stata una continua scoperta. Spero che sarà così fino alla fine.

Quali erano i tuoi artisti di riferimento nell’adolescenza e quali sono oggi, se sono cambiati?

Ho notato, perché sono andata a rivedere i miei ascolti perché stavo per fare una playlist, che la maggior parte sono donne. Inizialmente mi sono innamorata di Amy Winehouse e Nina Simone, Christina Aguilera e Eminem. Molte, comunque. E poi ora diciamo che quelle sono rimaste per forza, anche perché ci sono affezionata, e poi sono andato a cercarmi un po’ tutto quel genere soul. In italiano mi piacciono molto Mina e Rita Pavone, mi fanno impazzire tutte le donne forti di ora tipo Lizzo. E sto impazzendo per 070 Shake, che è la ragazza che fa i ritornelli a Kanye West. Lei spacca.

Parlavi di questa musica soul che si sente molto nelle tue canzoni. Quella poi di arricchirla con arrangiamenti più pop è una tua scelta artistica o magari risponde più a delle logiche produttive?

In realtà io scrivo melodie pop perché è la cosa più semplice e che arriva di più. Ma mi viene proprio istintivo, credo, perché non lo so. Sono abituata con i miei pezzi preferiti, che sono quelli col ritornello magari pop, anche se poi mi sono affezionata alla musica più alternativa. 

 

Mengoni sul palco dell’Ariston ha sottolineato la mancanza di donne nella cinquina finale: secondo te per una donna è più difficile la carriera discografica?

Le donne, in qualsiasi ambito, devono lavorare il doppio di un uomo, però io credo che siamo anche più forti degli uomini su certi punti di vista. Comunque si sa che siamo un po’ diversi e che l’uomo è limitato da certe cose. La donna invece, è più propensa a ragionare per due persone, è una mentalità completamente diversa e anche una sensibilità diversa. Quindi credo che ce la possiamo fare anche noi benissimo, tanto quanto lo sappia fare un uomo, e spero che non sia un limite della mentalità della gente. E so anche per certo che molti non hanno questo limite.

In questo senso, qual è il tuo rapporto con il potere maschile, che in Italia è piuttosto straripante?

Io sono abbastanza tranquilla perché credo che non sia un limite per quanto riguarda me, cioè, sto vedendo che non lo è. E più mi impegnerò, più vedrò i risultati. Non me la vivo male, sinceramente. Non sono arrabbiata con loro per nulla, me la voglio cavare, dare il massimo e fargli vedere che si può fare. Anche a tutte quelle donne che magari si sentono già in partenza una causa persa. Ce la possiamo fare.

Cosa ti spaventa della fama?

Mi spaventa sentirmi sempre più sola, perché la tendenza è quella, e anche di andare un po’ fuori di testa. Però fa parte del gioco.

Tirando un po’ le somme, cosa ti ha lasciato l’esperienza di Sanremo?

Sono cresciuta tantissimo e sto ancora crescendo. Penso che mi abbia dato una scossa e mi abbia fatto capire che bisogna davvero essere forti ed essere dei guerrieri, in un certo senso. Perché è davvero una gara, momento in cui devi dare tutto e impegnarti al massimo. Quindi bello, mi ha messo un po’ in sesto, diciamo.

Invece cosa pensi delle polemiche che sono state fatte attorno al Festival, sulla promozione dell’omosessualità e del gender fluid?

Che mi dispiace molto di far parte di questo Paese, però noi giovani stiamo combattendo piano piano, stiamo spingendo verso la parte giusta e secondo me, con calma, prima o poi non ci saranno più questi problemi.

Rispetto ad altri Paesi europei, l’Italia è indietro su molti temi che riguardano i diritti civili, dal matrimonio egualitario e l’adozione all’autodeterminazione: secondo te perché? È solo una questione politica o anche sociale?

Penso che siano le persone in sé. Non c’è differenza tra chi sia in politica e chi casa sua davanti alla TV. È la mentalità ad essere sbagliata, quindi va cambiata quella. Sia delle persone in strada, sia di quelle in Parlamento. Insomma, tutti devono cambiare. Ma pian piano succederà, secondo me.

Qualche anticipazione sui progetti futuri?

Io sto scrivendo come una matta. Sono in studio tutti i giorni, quindi sentirete sicuramente della nuova musica e canterò dal vivo i miei brani, perché è la cosa che preferisco fare. Anche quando li scrivo, penso solo a come verranno poi dal vivo. Non ho ancora i dettagli, ma appena ci saranno news vi aggiorno!

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy - ecnv mommy - Gay.it

10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy

Cinema - Federico Boni 24.5.24
Roland Garros 2024 al via, ecco le tenniste dichiaratamente queer in corsa per l'Open di Francia - Roland Garros 2024 al via ecco le tenniste dichiaratamente queer in corsa per lOpen di Francia - Gay.it

Roland Garros 2024 al via, ecco le tenniste dichiaratamente queer in corsa per l’Open di Francia

Corpi - Redazione 27.5.24
Omar Ayuso e Itzan Escamilla di Elite sono una coppia? (FOTO) - Omar Ayuso e Itzan Escamilla foto cover - Gay.it

Omar Ayuso e Itzan Escamilla di Elite sono una coppia? (FOTO)

Culture - Redazione 27.5.24
Queer Palm 2024, vince Three Kilometers until the End of the World. Karla Sofía Gascón prima attrice trans in trionfo a Cannes - Trei kilometri pana la capatul lumii - Gay.it

Queer Palm 2024, vince Three Kilometers until the End of the World. Karla Sofía Gascón prima attrice trans in trionfo a Cannes

Cinema - Federico Boni 27.5.24
Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria - Karla Sofia Gascon 1 - Gay.it

Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria

Cinema - Redazione 27.5.24
Sabrina Salerno, Ruby Sinclair e Milly Carlucci, L'Acchiappa Talenti

La Drag Queen Ruby Sinclair conquista il palco de “L’Acchiappa Talenti”

Culture - Luca Diana 25.5.24

Hai già letto
queste storie?

Lotto Marzo: cinque scrittrici femministe da (ri)scoprire - Sessp 40 - Gay.it

Lotto Marzo: cinque scrittrici femministe da (ri)scoprire

Culture - Federico Colombo 7.3.24
Elly Schlein

Donne LGBTI+ e politica: pregiudizi, molestie, violenze, così la resistenza patriarcale tenta di dissuaderle

News - Francesca Di Feo 29.3.24
Foto: Angela Christofilou

L’8 Marzo ci siamo tuttə per tuttə

Corpi - Redazione Milano 7.3.24
Anna Paola Concia coordinerà il progetto "Educare alle relazioni" del Governo Meloni

Anna Paola Concia collabora con il Governo Meloni: 15 milioni di euro di finanziamento

News - Redazione Milano 8.12.23
Annalisa ai Billboard Women in Music

Annalisa e l’influenza delle donne nella musica: “Il meglio deve ancora venire”. Il discorso ai Billboard Women in Music

Musica - Emanuele Corbo 7.3.24
metoogarcons-violenza-sugli-uomini

#MeTooGarçons e le violenze subite dagli uomini: “Un tema molto nascosto nella comunità LGBTIQ+”

Corpi - Francesca Di Feo 26.3.24
TIM parità di genere - Lo spot di Giuseppe Tornatore

Cosa ne pensate dello spot sulla parità di genere che fa arrabbiare i Fascisti d’Italia?

Culture - Redazione Milano 4.1.24
donne del 25 aprile

Le donne del 25 aprile: combattenti mai più dimenticate

Culture - Riccardo Conte 24.4.24