Sono uno skinhead gay e non sono neo-nazi: intervista a una confraternita

Le forti convinzioni antirazziste sono ciò che i veri tradizionalisti condividono e cercano di rappresentare a tutti i costi.

Sono uno skinhead gay e non sono neo-nazi: intervista a una confraternita - COVER - Gay.it
6 min. di lettura

Abbiamo incontrato Tebby e Joël, la coppia di skinhead gay che proseguono l’attività della confraternita chiamata FENIX, la comunità nata nel 1997 che ha promosso per 16 anni la cultura Skinhead ad Anversa con una serie di party rivolti ai cultori del genere.
Il FENIX Gay Skin Nation,  che poi è diventato il FENIX Global Skinhead Movement è durato fino al 2013 per poi rinascere con lo stesso logo storico nel 2016 con numerose attività satellite ad altri eventi fetish sparsi per il mondo.
Ad oggi il club, con il nuovo nome Skins & Punks United We Stand, promuove la cultura e lo stile di vita skinhead e punk nella comunità LGBTQIA+ ; tramite incontri e party internazionali organizza  eventi al fine di riunire i sostenitori di questa cultura da tutto il mondo e sviluppa la comunicazione e cooperazione con diverse altre comunità e associazioni fetish LGBTQIA+.
Tebby e Joël , uniti nella vita non solo dalla stessa passione ma anche da un legame affettivo, a Gay.it sottolineano un principio che considerano fondamentale:

“Siamo un’organizzazione rigorosamente NON RAZZISTA.
Questa è una parte essenziale della nostra filosofia e insistiamo ad avere rispetto per questo principio. Le forti convinzioni antirazziste sono ciò che i veri tradizionalisti condividono e cercano di rappresentare a tutti i costi. La conclusione è che IL RAZZISMO NON DEVE ESSERE TOLLERATO NELLA CULTURA SKINHEAD.”

 

Tebby e Joël si confidano con Gay.it e i suoi lettori.

 

Sono uno skinhead gay e non sono neo-nazi: intervista a una confraternita - 7198F128B56A4E7FB86F404084E3C587 - Gay.it

 

Cos’è la community “Skins & Punks United We Stand”?

Ciao lettori di Gay.it, siamo Tebby & Joël di Skins & Punks United We Stand. Vogliamo ringraziare Gay.it e Luca per questa grande opportunità di parlare della cultura e stile di vita Skinheads & Punks nella comunità LGBTQIA+ e anche nella comunità fetish. Skins & Punks United We Stand è una comunità non binaria di skinhead e punk con sede in Belgio, che mira a perpetuare lo spirito del vero significato della fratellanza.

 

Sono uno skinhead gay e non sono neo-nazi: intervista a una confraternita - about FENIX 1 - Gay.it
Fenix, in un’articolo del SKINMAKER n°2

 

Confidiamo tanto nel ‘United We Stand’, abbiamo messo il termine  non binario l’anno scorso. Non sappiamo se ci sono persone non binarie che partecipano ai nostri eventi, ma vogliamo sicuramente essere aperti a chiunque condivida il nostro comune interesse per la cultura/stile di vita di skin e punk, LGBTQIA+ e, naturalmente, LGBTQIA+ friendly. Ma i nostri eventi sono per lo più gay a seconda della sede.
Abbiamo anche radici lontane. Le nostre origini sono FENIX, la comunità skinhead gay di Anversa, che era molto popolare nella scena skinhead gay dal 1997 al 2013.
Condividiamo lo stesso logo.

 

Sono uno skinhead gay e non sono neo-nazi: intervista a una confraternita - 1999 FENIX P1010012 - Gay.it

 

Com’è nato il club?

Nel 2016, ci è stato offerto da Jeroen, l’organizzatore di Darklands ad Anversa, formalmente chiamato Leather Pride Belgium, di organizzare un evento sociale Skins and Punks durante l’edizione 2017 di Leather Pride Belgium. Siamo stati supportati da BOXER Barcelona. Essendo stato un grande successo, abbiamo rinnovato l’evento l’anno successivo.
Per il 2019 abbiamo proposto a Jeroen una mostra sulla storia di FENIX, che è stata anche un grande successo.
Dal 2020 abbiamo deciso di prolungare il nostro programma con una notte, ed è stato fantastico vedere persone diverse unirsi a noi, e non parlo solamente di skin o punk.

 

Sono uno skinhead gay e non sono neo-nazi: intervista a una confraternita - 2021 Folsom FB IMG 16314353757474194 - Gay.it
Tebby e Joël

 

Dopo una lunga pausa, torniamo in scena. Quest’anno, 2021, siamo stati invitati, durante il Folsom, a condividere lo stand BLF, e abbiamo fatto un evento social durante la Maspalomas Fetish Week.
Per il 2022, abbiamo un anno davvero impegnativo davanti. Il nostro evento principale durante Darklands è pronto e abbiamo aggiunto un barbecue e una mostra dei disegni di Andy Warlord. Il nostro Oi! Gli eventi di Darklands saranno principalmente sponsorizzati da Bleachers and Co.
Avremo anche un programma durante il Maspalomas Fetish Pride ad ottobre.
Siamo inoltre felici di annunciare che BLF ci ha chiesto di collaborare con loro per gli eventi BLF Skins durante Easter Berlin, Folsom e lo Skin Berlin Weekend.
Questo è un grande riconoscimento del nostro investimento negli eventi Skins e Punks.

 

Sono uno skinhead gay e non sono neo-nazi: intervista a una confraternita - 2021 Folsom FB IMG 16316039810794335 - Gay.it
2021, Folsom

 

Come siete diventati skinhead?

Tebby: Sono sempre stato gay e da sempre uno skinhead. Non solo uno skinhead gay in senso fetish, ma in senso tradizionale. Essendo stato attivo nella scena fetish gay per molti anni, era già facile promuovere ed essere parte dello sviluppo della scena skinhead gay. C’era e c’è bisogno di conversione. Sono cresciuto nella scena alternativa mainstream, che ha sfidato la società e i media. Concerti, festival, uscite con amici (sia etero, gay o bisessuali) e scappatelle sessuali, facevano parte della mia crescita nella scena alternativa. Devo dire che ha plasmato i miei interessi, di cui alcuni pensavano fossero troppo estremi!!

 

Sono uno skinhead gay e non sono neo-nazi: intervista a una confraternita - 2019 Darklands by the dutch photographer 5919 scaled - Gay.it

 

Joël: Mi sono avvicinato allo stile di vita skinhead dal lato fetish. All’inizio non sapevo dei concerti. Probabilmente, essendo gay, non mi sentivo sicuro di andare a un concerto in quanto l’immagine degli Skinhead in quel momento era quella che davano i media mainstream, violenti e neofascisti.
Ho iniziato ad interessarmi alla letteratura della storia degli skinhead, attraverso libri, riviste, qualche ricerca su internet. C’è voluto del tempo per sentirmi pronto per andare ad un concerto. Poteva  essere il momento di  essere skinhead non solo nella parte fetish. Così nel 2005 hanno tenuto un concerto Ska nella città in cui vivevo. Ho deciso di andarci con un amico. Wow, è stato fantastico, ero ancora timido poiché non sapevo come avrebbe potuto reagire uno skinhead etero sapendo che sono gay. A molti skinhead “etero” non piacciono gli skinhead gay fetish, voglio dire che non li combatteranno mai, ma li vedono come non interessati alla cultura skinhead.
Ora sono molto felice di aver fatto il grande passo e continuare a partecipare anche ai concerti. La maggior parte delle persone che io e noi (con Tebby) abbiamo incontrato lì sanno che siamo una coppia gay. Sono rimasto estremamente sorpreso dall’accoglienza che abbiamo trovato.

 

Sono uno skinhead gay e non sono neo-nazi: intervista a una confraternita - 2018 Darklands 29342275 756657794537874 8153760944896344064 o - Gay.it

 

Qual è la connessione tra l’aspetto sessuale e gli skinhead gay?

Non possiamo negare che per molti skinhead gay, la parte fetish è importante. Scarponi, polo e bretelle sono in cima alla lista del dress code. Molti skinhead gay che partecipano a eventi fetish amano sicuramente anche il bdsm o il sesso hardcore.

Secondo voi, quanto è grande e conosciuta la comunità skinhead gay nel mondo?

La comunità skinhead gay come ogni altra comunità fetish è relativamente conosciuta. Anche se negli ultimi anni c’è stata una grande evoluzione e cambiamento, per cui la maggior parte degli skinhead gay si diverte maggiormente per quanto riguarda l’aspetto sessuale di questa cultura.
Organizzazioni come la nostra continuano a mantenere intatta e viva la comunità skinhead gay attraverso diversi eventi. Sfortunatamente, molti skinhead gay non partecipano ai concerti, che sono la radice fondamentale della cultura/tradizione skinhead e della classe operaia.

 

Sono uno skinhead gay e non sono neo-nazi: intervista a una confraternita - 1997 FENIX captcave2 - Gay.it
FENIX, 1997

Cosa si fa solitamente durante le serate gay skinhead?

Tutti i nostri eventi sono organizzati sotto l’ombrello di un evento più grande. Abbiamo il nostro lavoro/attività nella vita reale e, non vivendo ad Anversa, non è facile ricreare il weekend skinhead come nel passato.
Stiamo facendo eventi sociali in cui ci piace incontrarci e bere con una buona atmosfera e buona musica.
Abbiamo anche una serata, che abbiamo iniziato nel 2020. È diverso dal social. È più come incontrarsi, bere e ballare. La musica è più Oi, punk che ska/reggae/rocksteady.
Forse in futuro proveremo ad avere una band durante la nostra serata. Al momento, siamo più concentrati sugli eventi sociali/di danza che sui party sessuali.

 

Sono uno skinhead gay e non sono neo-nazi: intervista a una confraternita - 2022 Darklands SkinsPunks Program - Gay.it

 

Cosa ne pensate di chi crede che ci sia una connessione tra gli skinhead gay e ideali politici di destra o addirittura neo-nazi?

Questo è un cliché azzardato, anche se non si può escludere che gli ideali politici di destra abbiano ed esistano all’interno di alcuni skinhead gay. Purtroppo c’è chi si ispira a questi ideali neo nazisti. Ma questo non rappresenta il vero spirito e l’anima dell’essere uno skinhead. Seguire questa tendenza mostra che la scena skinhead gay può rientrare in questa percezione, quella di un fascista alla moda senza obiettivi. Per fortuna ci allontaniamo da questi sfigati e stronzi.

 

Skins & Punks United We Stand

https://www.instagram.com/skins_punks_united_we_stand/

Sono uno skinhead gay e non sono neo-nazi: intervista a una confraternita - 2019 Darklands by the dutch photographer 5897 scaled - Gay.it

 

 

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24

Leggere fa bene

Menunni (FDI): "La maternità torni cool, che le 18enni vogliano sposarsi e fare figli" - VIDEO - Lavinia Mennuni - Gay.it

Menunni (FDI): “La maternità torni cool, che le 18enni vogliano sposarsi e fare figli” – VIDEO

News - Redazione 28.12.23
Jacob Elordi candela Saltburn Barry Kehogan

Saltburn, arriva la candela con l’odore di Jacob Elordi ed è un fetish puntuale

Cinema - Redazione Milano 4.1.24
Jack Chambers, ministro irlandese fa coming out: “Con orgoglio dico che sono gay” - Jack Chambers 1 - Gay.it

Jack Chambers, ministro irlandese fa coming out: “Con orgoglio dico che sono gay”

News - Redazione 16.1.24
Libri omocausto Gay.it

Storie dall’omocausto: cinque libri per saperne di più

Culture - Federico Colombo 24.1.24
Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: "Mi hanno chiamato r*cchiò" - omofobia - Gay.it

Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: “Mi hanno chiamato r*cchiò”

News - Redazione 2.4.24
alessia-crocini-paolo-mieli-nichi-vendola-gpa

“Parole di Paolo Mieli vergognose”, la reazione di Alessia Crocini dopo l’attacco a Vendola

News - Francesca Di Feo 28.11.23
Valentina Gomez, la candidata repubblicana che sui social brucia "libri LGBTQIA+" con un lanciafiamme (VIDEO) - Valentina Gomez - Gay.it

Valentina Gomez, la candidata repubblicana che sui social brucia “libri LGBTQIA+” con un lanciafiamme (VIDEO)

News - Redazione 28.3.24
Paolo Stella, domenica in famiglia con il fidanzato J. È amore social - cover Paolo Stella domenica in famiglia con il fidanzato - Gay.it

Paolo Stella, domenica in famiglia con il fidanzato J. È amore social

Culture - Redazione 18.12.23