Altrincham, la squadra di Manchester scesa in campo con i colori arcobaleno per dire basta all’omofobia

Gioca nella quinta serie inglese ma l’Altrincham ha scritto una piccola splendida pagina di calcio, diventata virale in tutto il mondo.

Una maglietta rainbow per dire basta all’omofobia nel calcio.

Lo scorso fine settimana l’Altrincham FC, squadra di Manchester della quinta serie inglese, ha scritto il suo piccolo grande pezzo di storica calcistica indossando un kit modellato esclusivamente sulla bandiera LGBTQ. Mai nessuno, nel calcio professionistico, aveva osato tanto.

La maglia è stata indossata nella partita contro Bradford Park Avenue, finita 1-1. “Avevamo un certo numero di bozzetti da scegliere, alcuni dei quali forse più esteticamente gradevoli”, ha confessato il presidente club, Bill Waterson. “Ma credo che se vuoi rendere chiaro il tuo sostegno per una causa, allora devi gridarlo anche dai tetti. Abbiamo pensato, ‘non facciamo qualcosa di sottile, facciamo qualcosa di significativo'”.

Non a caso questa divisa ha fatto il giro del mondo, con il sito ufficiale del club preso d’assalto per l’acquisto. “Le abbiamo vendute in Europa, in Nord America, in Sud America, in Asia, in Oceania … Ha avuto una portata ben superiore a quella che ci aspettavamo”.

Negli ultimi anni Manchester è diventata simbolo della comunità LGBT d’Inghilterra. Il Manchester Pride è ormai punto fermo dell’estate inglese, mentre nel 2011 è arrivata l’incoronazione di ‘città più gay friendly’ al mondo, davanti a Londra, Amsterdam e San Francisco. Anche il Manchester United e il Manchester City, che giocano nella Serie A di calcio inglese, hanno più volte sostenuto campagne contro l’omofobia. Il piccolo grande Altrincham, però, è riuscito persino a fare di meglio.