“The Piers”, le banchine sull’Hudson tra arte e cruising

Al Leslie+Lohman Museum di Soho fino al 7 luglio la mostra "Art and Sex along the New York Waterfront" che trasforma in un museo archeologico un luogo cult di battuage, i moli sull'Hudson.

"The Piers", le banchine sull'Hudson tra arte e cruising - piersBASE - Gay.it
3 min. di lettura

"The Piers", le banchine sull'Hudson tra arte e cruising - piersF1 - Gay.it

"Un’arena per il teatro sessuale". Così il pittore Delmas Howe definiva i pontili newyorchesi sul fiume Hudson sotto la quattordicesima strada, luogo di cruising e naturismo prediletto dai gay negli anni Settanta fino all’esplosione della pandemia Aids dei primi Ottanta, diventate col tempo sede d’elezione di molte opere murali e fotografiche di vari artisti della nuova sottocultura queer. Questi lavori sono al centro della mostra "The Piers: Art and Sex along the New York Waterfront" curata da Jonathan Weinberg e Darren Jones, in programma fino a sabato 7 luglio presso il Leslie+Lohman Museum di Soho, al numero 26 di Wooster Street, una delle più importanti istituzioni americane dedicate all’estetica lgbt.
Luoghi fatiscenti e abbandonati, inutilizzati dagli anni Sessanta, quando il commercio navale si spostò verso Brooklyn e il New Jersey mentre si intensificava il trasporto aereo di cargo-containers transatlantici, i Piers sull’Hudson sono entrati nell’immaginario di un’intera generazione di gay newyorchesi come un eden post-industriale dove realizzare le proprie fantasie erotiche e dare forma e corpo al desiderio sessuale in luoghi tutto sommato sicuri.

"The Piers", le banchine sull'Hudson tra arte e cruising - piersF2 - Gay.it

Alcune opere dimostrano quanto fosse innovativa l’avanguardia queer, audacemente sperimentale nel contaminare le arti, come nelle fotografie di Stanley Stellar che nel 1981 fotografò i graffiti di Keith Haring a fianco di uno statuario J.D. Slater seminudo, divo hard dell’epoca, mentre il suo collega Peter Hujar, sullo sfondo, era impegnato in una performance hard. Oppure negli scatti quasi ‘rubati’ di Frank Hallam che sembra spiare da un buco gli oziosi ‘sunbathers’ che prendono la tintarella in coppia o ammassati come otarie sulle banchine di legno. Atmosfere di un mondo che ricorda gli emozionanti romanzi di John Rechy e Andrew Holleran, tra il decadente e l’elegiaco. Un artista italo-americano, Ivan Galietti girò persino un film sperimental-warholiano sul Pier 46, ‘Pompeii New York’, con un cameo del fotografo David Wojnarowicz e le musiche appassionate della grande fisarmonicista Phoebe Legere.

"The Piers", le banchine sull'Hudson tra arte e cruising - piersF3 - Gay.it

E le divinità della mitologia romana e greca sono evocate in un’ottica fallocentrica negli svariati murali che riproducono fattezze di uomini giganti iper-mascolinizzati (uno dei modelli feticcio fu tale Gustav von Will detto ‘Tava’, trasfigurato da Frank Hallam e Stanley Stellar in Dio titanico di un fantomatico Olimpo Archeologico).
Ma i Piers sull’Hudson non furono solo questo: uno in particolare, il 34, divenne persino una piccola Factory di artisti nel 1983 – già tra i ’70 e gli ’80 vi abitavano vari homeless e squatters – i cui leaders furono David Wojnarowicz e Mike Bidlo. Ribatezzarono la banchina ‘Ward Line Pier’, gettando le basi di una vivace comunità dedita alla libera creatività, quasi un’estensione della scena artistica dell’East Village.
Vi aderirono artisti quali Louis Frangella, John Fekner, David Finn, Judy Glantzman e Gordon Matta-Clarks. Quest’ultimo definì il luogo così trasformato “di interesse, fascino e valore”.

"The Piers", le banchine sull'Hudson tra arte e cruising - piersF4 - Gay.it

Anche il Pier 18 fu oggetto di particolare attenzione artistica: nel 1971, Willoughby Sharp, editor della rivista d’avanguardia concettuale ‘Avalanche’ invitò 27 artisti tra cui Vito Acconci, Dennis Oppenheim, Richard Serra e William Wegman a creare opere-performances personali, realizzate anche in poche opere o minuti, che sarebbero state documentate dal team fotografico di Harry Shunk e János Kender. Il risultato di questo esperimento artistico è visibile all’interno della mostra, imperdibile per chi ha l’occasione di recarsi nel “luogo in cui vorrei essere anche quando effettivamente ci sono già”, come Adam Gopnik definiva New York.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Maria De Filippi, Amici 23

Amici 23, le pagelle di Gay.it della quinta puntata del Serale

Culture - Luca Diana 21.4.24
Serena Bortone, chesarà...

La Rai censura il monologo di Antonio Scurati: ecco tutto quello che è successo nelle ultime ore

Culture - Luca Diana 21.4.24
Amadeus, Sanremo Giovani 2023

Sanremo verso Mediaset, Amadeus in onda sul NOVE già a fine agosto con tre programmi

Culture - Mandalina Di Biase 18.4.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24
FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d'uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant - Feud Capote vs. The Swans - Gay.it

FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d’uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant

Serie Tv - Redazione 19.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

Cate Blanchett insieme a Coco Francini e la Dott.ssa Stacy L. Smith (Good Morning America)

Cate Blanchett a sostegno dellə cineastə donne, trans, e non binary

Cinema - Redazione Milano 19.12.23
Andrea Tarella - Gay.it intervista

Le creature fantastiche di Andrea Tarella “Ho galline in giardino, un fagiano, un’iguana, un drago barbuto, e tanti acquari intorno a me”

Culture - Riccardo Conte 20.2.24
michael-stipe-binarismo-di-genere

Michael Stipe sul binarismo di genere: “Nel ventunesimo secolo stiamo riconoscendo le zone grigie”

Musica - Francesca Di Feo 15.12.23
Miranda July (Vogue, 2020)

Miranda July, amarsi senza cadere a pezzi – intervista

Culture - Riccardo Conte 4.3.24
Transatlantic bridges: Corrado Cagli, 1938-1948

Corrado Cagli, l’artista queer che voltò le spalle al regime fascista, in mostra a New York – GALLERY

Culture - Redazione Milano 9.11.23
Foto di Jamie Mccartney

Il Museo della Vagina include anche le persone trans*

Culture - Redazione Milano 18.1.24
Biennale Arte Venezia 2024 - Foreign Everywhere by Adriano Pedrosa

Siamo ovunque: cosa aspettarci dalla Biennale queer e decolonizzata di Adriano Pedrosa

Culture - Redazione Milano 2.2.24
ARIA! di Margherita Vicario

Mani in ARIA! insieme a Margherita Vicario, ascolta il nuovo singolo dal film GLORIA! – VIDEO

Musica - Redazione Milano 28.3.24