Video

Thierry Mugler, visionario, non binario, massimalista, dirompente

Creature fantastiche, ninfe, donne serpente, donne farfalle, donne robot. Ha anticipato di decenni il linguaggio non binario. Parigi celebra uno dei più grandi geni della storia della moda.

4 min. di lettura

Al Musée des Arts Décoratifs (MAD) di Parigi è possibile visitare, fino al 24 aprile 2022, Thierry Mugler, Couturissime – e non poteva che essere un superlativo assoluto! – la mostra su uno dei più sorprendenti designer degli ultimi cinquant’anni. 

Thierry Mugler, anzi Manfred Thierry Mugler – alter-ego dello stilista, versione pro nata nel 2002 dopo numerosi interventi estetici e intensi allenamenti di bodybuilding – ha ideato insieme a Thierry-Maxime Loriot, amico e curatore, l’esposizione-evento che ripercorre i trent’anni della sua prolifica carriera. 

Thierry Mugler, visionario, non binario, massimalista, dirompente - e8594c3f8302e142834b19086be3d79d - Gay.it
Diana Ross, la prima star a calcare una passerella. Thierry Mugler ss1991.

Già presentata a Montreal, Rotterdam e Monaco – la mostra è stata inaugurata lo scorso 30 settembre ad apertura della fashion week parigina. Esposte le creazioni di Mugler dal ’73, anno della prima sfilata, al 2003, quando il multiforme genio francese ha deciso di abbandonare il mondo della moda. 

«La danza mi ha insegnato molto rispetto al linguaggio del corpo, l’importanza delle spalle, come tenere la testa, camminare e posizionare le gambe».

Nato a Strasburgo nel 1943, Thierry Mugler ha iniziato la sua carriera danzando per sei anni nel corpo di ballo del Teatro dell’Opera del Reno. Periodo fondamentale per la sua formazione: il rispetto per il corpo e la profonda conoscenza del suo movimento saranno sempre alla base del suo lavoro artistico. 

«regista, show conceptor, perfume creator, costume designer, fotografo».

Non solo stilista, come recita la sua bio su Instagram. Mugler ha esplorato diversi ambiti artistici, dalla fotografia, al teatro, alla macchina da presa. Basti ricordare il videoclip girato per il brano Too Funky (1992) di George Michel.

All’interno della mostra, divisa in atti – proprio come uno spettacolo teatrale – oltre alle sue creazioni di haute couture e prêt-à-porter, sono presenti gli scatti fotografici, soprattutto durante il sodalizio artistico con Helmut Newton, i videoclip e i profumi, a cui il designer si è dedicato dopo aver lasciato la direzione del marchio.

Thierry Mugler, visionario, non binario, massimalista, dirompente - fig 507 ii - Gay.it
Vogue (US), Novembere 1995. Outfit: Thierry Mugler, prêt- à-porter fall/winter ’95/’96. “Cyborg” bodysuit. © The Helmut Newton Estate.

Gli show di Mugler sono sempre stati un campo di battaglia per le femministe. Soprattutto nel ventennio ’80/’90, quando lo stilista ha dato libero sfogo alla sua creatività, realizzando una precisa idea di donna con progetti massimalisti e visionari – come Gaultier, Alaïa e Versace.

Nell’ultimo decennio del ‘900, dove più che mai andavano formandosi partitismi nel fashion system, c’era chi accusava Mugler di sessualizzare il corpo femminile, rendendolo schiavo dello sguardo maschile e chi, come la critica d’arte e femminista Linda Nochlin, riteneva che le Donne-Mugler «sono talmente estreme, che […] non sono oggetti sessuali, bensì soggetti sessuali. Inoltre, capiamo che siamo di fronte a una specie di artificio, si tratta di una performance».

Thierry Mugler, visionario, non binario, massimalista, dirompente - My Post - Gay.it
Thierry Mugler, Haute Couture ss 1997

Anticipando di decenni il linguaggio non binario, lo stilista ha più volte presentato in passerella modelli maschili in abiti iper-femminili e figure del calibro di RuPaul, fortemente dirompenti in quegli anni. Il mondo della moda aspetterà molti anni prima di accogliere i codici rivoluzionari di Thierry Mugler e raramente con gli stessi risultati.

Le sue sfilate sono state delle vere e proprie pièce teatrali, dove creature fantastiche, ninfe, donne con sembianze di serpente, di farfalle e di robot, mettevano in scena l’idea di umanità del creativo. Certo, si potrebbe obiettare che de Beauvoir – già nel ’49 – ha fatto chiarezza sul legame schiavizzante tra donna e natura (o donna e magia), con l’intento ben preciso di relegarla, nei secoli, a un immaginario immutabile e invalidante. Ma non è mai stato uno sguardo femminista quello usato da Mugler – almeno, mai dichiarato. Lui ha messo in scena le proprie ossessioni e il mondo fantastico che popola la sua mente. Poi, i fatti contano. Le sue creazioni sono state indossate dalle più grandi star dello spettacolo, da Madonna in giù. E Madonna di femminismo e autodeterminazione ha dimostrato di saperne qualcosa.

Thierry Mugler, visionario, non binario, massimalista, dirompente - My Post copia 2 - Gay.it
Le creazioni di Manfred T. Mugler indossate da Kim Kardashian

Negli ultimi anni, si deve a Kim Kardashian la nuova primavera artistica di Thierry Mugler. Mentre il marchio omonimo continua il suo tragitto con continui cambi di direzione, lo stilista ha ripreso a creare pochi e studiatissimi capi, riportando la sua creatività al centro della scena internazionale.

Thierry Mugler, visionario, non binario, massimalista, dirompente - thierrymugler steenklein - Gay.it
Thierry Mugler fotografato recentemente da Steven Klein per Interview

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Gucci Gift Campaign (Courtesy of Gucci)

A chi fanno (ancora) paura i baci gay?

Culture - Riccardo Conte 9.1.24
The New Look, prime immagini della serie con Glenn Close e Ben Mendelsohn nel ruolo di Christian Dior - Apple TV The New Look key art graphic header 16 9 show home.jpg.large 2x - Gay.it

The New Look, prime immagini della serie con Glenn Close e Ben Mendelsohn nel ruolo di Christian Dior

Serie Tv - Redazione 15.12.23
BigMama, Lorenzo Seghezzi è il suo fashion designer - Sessp 29 - Gay.it

BigMama, Lorenzo Seghezzi è il suo fashion designer

News - Federico Colombo 8.2.24
Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: "Un sogno diventato realtà" - Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri genitori - Gay.it

Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: “Un sogno diventato realtà”

Culture - Redazione 23.4.24
Kaiser Karl, Daniel Brühl è Karl Lagerfeld nella prima immagine ufficiale - Kaiser Karl - Gay.it

Kaiser Karl, Daniel Brühl è Karl Lagerfeld nella prima immagine ufficiale

Serie Tv - Redazione 12.1.24
Meteore Fest, arriva a Roma e a Milano il Festival che vuole ripensare gli ambienti comuni attraverso la scia del pensare queer - plurale framevideoperformance - Gay.it

Meteore Fest, arriva a Roma e a Milano il Festival che vuole ripensare gli ambienti comuni attraverso la scia del pensare queer

Culture - Redazione 20.5.24
Sabato De Sarno direttore creativo Gucci - foto @tyrellhampton + @federicociamei

Sabato De Sarno non vuole controllare le emozioni

Culture - Riccardo Conte 26.3.24
hermes-nicolas-peuch-adotta-tuttofare

Nicolas Peuch, erede di Hermès, adotta il suo tuttofare per lasciargli un patrimonio di 10 miliardi di euro

News - Francesca Di Feo 5.12.23