Tilda Swinton e l’incubo AIDS che travolse la comunità gay di Londra: “Nel 1994 andai a 43 funerali”

L'attrice non ha mai dimenticato quanto vissuto in prima persona all'età di 20 anni. Musa di Derek Jarman, Tilda si legò a doppio filo alla comunità LGBTQ+.

Tilda Swinton e l'incubo AIDS che travolse la comunità gay di Londra: "Nel 1994 andai a 43 funerali" - Tilda Swinton - Gay.it
2 min. di lettura

61enne del cinema britannico, Coppa Volpi a Venezia, un EFA, un Bafta e un Oscar vinto, Tilda Swinton è da decenni icona LGBTQ+. Lei stessa, lo scorso anno, si è definita “queer”, 35 anni dopo il folgorante esordio con Caravaggio, cult dell’indimenticato Derek Jarman. Mamma di due figli e da quasi 20 anni sposa di Sandro Kopp, Tilda, musa tra i tanti di Luca Guadagnino, ha spiegato all’Irish Times come mai si sia sempre considerata ‘queer’. Perché nella Londra degli anni ’80, e al fianco del leggendario Jarman, l’attrice conobbe una comunità che mai più l’ha abbandonata.

All’epoca Tilda viveva nel quartiere di Chelsea ed era diventata un’attivista LGBTQ+, in strada contro la temuta Sezione 28 voluta da Margaret Thatcher, o a sostegno dei minatori, ogni fine settimana. “Ho vissuto i miei 20 anni in un ambiente completamente queer, era proprio il periodo in cui l’essere queer veniva rivendicato, perché era sempre stato un termine utilizzato come insulto. E io sono stata una ragazza queer, ma non dal punto di vista della vita sessuale. La gente diceva che ero queer”.

Anni di smottamenti sociali e politici, ma anche gli anni dell’AIDS, che videro la comunità LGBTQ+ internazionale piombare nell’incubo. Derek Jarman, dichiaratamente omosessuale, morì nel 1994 per complicazioni legate all’AIDS. Un anno devastante per Tilda, che vide morire decine di amici. “Quell’anno andai a 43 funerali, tutti morti per AIDS”, ha ricordato Swinton. “L’unica persona che capì realmente cosa stessi passando era mia nonna, che ha vissuto due guerre mondiali, e mi disse: ‘Questa è la guerra della tua generazione'”.

Non a caso Tilda si è detta fortemente legata al personaggio di Jill nella serie capolavoro It’s a Sin, di Russell T. Davies, in Italia arrivata su StarzPlay: “Ero quella ragazza. Quella è stata proprio la mia esperienza. Quella era l’atmosfera tra la fine dei miei 20 anni e l’inizio dei 30. La vera tragedia fu la rottura con le famiglie d’origine. Molte persone non potevano tornare a casa, quindi rimanevano insieme a noi, ci siamo presi cura di tutti nel miglior modo possibile”. I ricordi dell’AIDS hanno trasformato Londra in una città difficile da vivere, per l’attrice.

“Il modo in cui vivevamo tutti insieme è crollato a causa delle persone che si ammalavano e morivano, o tornavano a casa o lasciavano il Paese. Sono venuta qui nelle Highlands quando sono nati i miei bambini e non sono più tornata a Londra. Trovo ancora difficile tornarci. Posso contare su tre mani le volte che ci ho trascorso più di una notte”.

Attualmente al cinema con The French Dispatch di Wes Anderson, Tilda bisserà a breve con Memoria di Apichatpong Weerasethakul, visto a Cannes 2021, senza dimenticare altri 4 film in post produzione e uno attualmente in lavorazione. The Killer di David Fincher.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Spice Girls, è reunion per i 50 anni di Victoria Beckham: "L'amicizia non finisce mai" (foto e video) - Victoria Beckham - Gay.it

Spice Girls, è reunion per i 50 anni di Victoria Beckham: “L’amicizia non finisce mai” (foto e video)

News - Redazione 22.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Prisma 2, il silenzioso ma potentissimo teaser trailer con protagonisti Marco e Daniele - Prisma - Gay.it

Prisma 2, il silenzioso ma potentissimo teaser trailer con protagonisti Marco e Daniele

Serie Tv - Redazione 22.4.24
Taylor Swift per THE TORTURED POETS DEPARTMENT (2024)

Il nuovo album di Taylor Swift: no, non è Patti Smith (ma lei lo sa già)

Musica - Riccardo Conte 22.4.24
Priscilla

Priscilla, 30 anni dopo arriva il sequel della Regina del Deserto

Cinema - Redazione 22.4.24
Mahmood 17 Maggio Omobitransfobia

Cosa dirà Mahmood il 17 Maggio nella giornata contro l’omobitransfobia?

Musica - Mandalina Di Biase 22.4.24

Continua a leggere

Celebrità, alleati e icone LGBTQIA+ che ci hanno lasciato nel 2023 - Lutti 2023 - Gay.it

Celebrità, alleati e icone LGBTQIA+ che ci hanno lasciato nel 2023

News - Federico Boni 28.12.23
Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: "Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans" - Jamie Lee Curtis - Gay.it

Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: “Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans”

Culture - Federico Boni 10.11.23
Loredana Bertè, icona queer e maestra di coraggio - Sessp 22 - Gay.it

Loredana Bertè, icona queer e maestra di coraggio

Musica - Federico Colombo 22.1.24
Annalisa madrina del Roma Pride 2024: “Mi riempie di orgoglio come poche cose al mondo” - ANNALISA MADRINA DEL ROMA PRIDE 2024 - Gay.it

Annalisa madrina del Roma Pride 2024: “Mi riempie di orgoglio come poche cose al mondo”

News - Redazione 28.3.24
ELODIE IN VALENTINO

Orgogliosamente e meravigliosamente libera, si chiama Elodie e si legge popstar

Musica - Federico Boni 28.11.23
Chiara Iezzi: "Ho attraversato un momento di crisi e fragilità personale. E ho chiesto aiuto" (VIDEO) - Chiara Iezzi foto cover - Gay.it

Chiara Iezzi: “Ho attraversato un momento di crisi e fragilità personale. E ho chiesto aiuto” (VIDEO)

News - Redazione 20.2.24
Credit: Nino Saetti e Lorenzo Villa

Elodie è grande come la nostra Libertà

Musica - Riccardo Conte 11.12.23
Grammy 2024, trionfano le donne. Taylor Swift nella Storia, premi anche per Miley, Kylie e Billie Eilish - VIDEO - Taylor Swift - Gay.it

Grammy 2024, trionfano le donne. Taylor Swift nella Storia, premi anche per Miley, Kylie e Billie Eilish – VIDEO

Musica - Federico Boni 5.2.24