Tunisino gay in carcere: presentata interrogazione parlamentare

Dopo la denuncia di Gay.it, il Sen. Lo Giudice presenta una interrogazione al Ministro

Tunisino gay in carcere: presentata interrogazione parlamentare - sergio lo giudice base 1 - Gay.it
3 min. di lettura

Sta facendo discutere la vicenda del ragazzo tunisino che Gay.it ha rilanciato settimana scorsa e approfondito stamani con una intervista all’avvocato del ragazzo, Fadoua Braham. 22 anni, studente universitario di una facoltà di commercio, vive in Tunisia, ad Hammam. Lo chiameremo Marwen (nome di fantasia), come hanno fatto alcuni giornali progressisti tunisini, per garantirne l’anonimato. E’ finito in carcere dove deve scontare una anno. La sua colpa? Essere omosessuale. E di pochi minuti fa è la notizia che il Senatore Sergio Lo Giudice ha presentato una interrogazione a risposta scritta al Ministero degli Esteri.

Tunisino gay in carcere: presentata interrogazione parlamentare - lo giudice uc - Gay.it

“E’ inconcepibile – ci ha dichiarato il Senatore Lo Giudice – che a ridosso dei confini italiani un ragazzo possa essere imprigionato per la sua omosessualità. Confidiamo che come accaduto in altre occasioni il nostro Ministero degli Esteri possa svolgere una funzione attiva per sostenere le ragioni dei diritti civili laddove siano violati

Ecco il testo:

Interrogazione a risposta scritta
Al Ministro degli Affari esteri

Premesso che:
– in Africa l’omosessualità viene punita con la pena di morte in Mauritania, Sudan, Somalia, Benin; con pene che vanno dai 14 anni di reclusione al carcere a vita in Uganda, Tanzania, Zambia, Sierra Leone; con pene fino ai 14 anni in Marocco, Tunisia, Algeria, Senegal, Gambia, Guinea Bissau, Guinea, Liberia, Ghana, Togo, Nigeria, Cameroon, Repubblica Centroafricana, Sud Sudan, Etiopia, Eritrea, Kenya, Burundi, Angola, Malawi, Mozambico, Zimbabwe, Botswana; Namibia, Lesotho, Swaziland applicano delle pene detentive legate all’orientamento sessuale delle persone la cui durata non sembra essere precisata nei loro ordinamenti; Ciad, Libia ed Egitto hanno delle legislazioni che non contengono norme direttamente criminalizzanti l’orientamento sessuale o di genere, ma facilmente interpretabili come tali;
– l’articolo 230 del Codice Penale tunisino punisce con la reclusione fino a tre anni i rapporti sessuali tra adulti del medesimo sesso;
– tale norma è al centro di un dibattito circa la sua costituzionalità e che le tesi che sostengono la sua inammissibilità non possono essere portate alla Corte Costituzionale poiché l’articolo della Costituzione tunisina del 2014 che la istituisce non è ad oggi ancora stato applicato;
– il 28 settembre 2015 Il ministro della Giustizia tunisino Mohamed Salah Ben Aissa, ha lanciato un appello a favore dell’abrogazione dell’articolo 230 del Codice Penale e a una riflessione sui diritti fondamentali e la libertà nel nuovo contesto costituzionale tunisino;
considerato che:
– il 7 settembre 2015 la polizia giudiziaria di Hammam ha convocato un giovane studente di economia ventiduenne per interrogarlo a proposito dell’omicidio di un ragazzo conosciuto per essere omosessuale;
– dopo un’azione di pressione la polizia giudiziaria ottiene che il ragazzo ammetta di avere avuto rapporti sessuali con la vittima;
– verificatisi gli estremi per provvedere all’arresto del giovane per i reati connessi all’articolo 230 del Codice Penale, il ragazzo è stato sottoposto in data 11 settembre – senza aver dato alcun consenso – ad un esame anale volto ad “accertare” la sua omosessualità;
– il 22 settembre il ragazzo è stato condannato ad un anno di carcere ed è adesso in attesa dell’udienza di appello;
considerato altresì che;
– il giovane risulta essere provato sia dall’iter giudiziario che dal pensiero di cosa possa essere della sua famiglia e della sua carriera universitaria viste le dichiarazioni del Ministero dell’Interno alla stampa che hanno rivelato la sua identità – nonostante la richiesta del suo avvocato di tenere il processo a porte chiuse – condendo le informazioni con falsità pruriginose a proposito della vita del ragazzo;
– l’interrogante è a conoscenza del fatto che il giovane sta beneficiando del patrocinio gratuito offerto dall’avvocato Fadoua Braham;
si chiede di sapere:
– se il Governo intenda manifestare al Governo tunisino la sua ferma protesta per la criminalizzazione dell’omosessualità, sia in sede di relazioni bilaterali che attraverso i fori e le organizzazioni internazionali e regionali;
– in quali forme il Ministero degli affari esteri intenda sostenere l’imputato e la sua legale nel corso dell’iter giudiziario.
LO GIUDICE.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO) - Due megattere maschi fanno sesso storico primo avvistamento alle Hawaii - Gay.it

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO)

News - Redazione 1.3.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24

Hai già letto
queste storie?

Palermo, Corte d'Appello condanna Sindaco e Ministero dell’Interno. Trascrivere adozioni estere con due papà - papa gay - Gay.it

Palermo, Corte d’Appello condanna Sindaco e Ministero dell’Interno. Trascrivere adozioni estere con due papà

News - Redazione 16.11.23
“Voglio sfondare come Mahmood”, la commovente storia di Feisal, 16 anni, su un barchino dalla Tunisia in Europa

“Voglio sfondare come Mahmood”, la commovente storia di Feisal, 16 anni, su un barchino dalla Tunisia in Europa

Musica - Mandalina Di Biase 12.10.23
FOTO: LUKE GILFORD

Kim Petras risponde ai commenti sessisti e transfobici: “Siete la piaga del pianeta”

Musica - Redazione Milano 26.2.24
Rishi Sunak, bufera sulle parole transfobiche del premier inglese. L’attacco di Sam Smith - VIDEO - Rishi Sunak - Gay.it

Rishi Sunak, bufera sulle parole transfobiche del premier inglese. L’attacco di Sam Smith – VIDEO

News - Redazione 6.10.23
@nunziadegirolamo

La violenza di genere non è una chiacchierata: la lettera aperta alla RAI

News - Redazione Milano 8.11.23
Roma, via libera del Comune a finanziamenti per sportelli d'ascolto e centri antidiscriminazione LGBTQIA+ - roma - Gay.it

Roma, via libera del Comune a finanziamenti per sportelli d’ascolto e centri antidiscriminazione LGBTQIA+

News - Redazione 19.12.23
pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24
avvocato-difensore-filippo-turetta-emanuele-compagno

Omofobia, misoginia e victim blaming sui social di Emanuele Compagno, ex avvocato difensore di Filippo Turetta

News - Francesca Di Feo 24.11.23