Turchia: il 90% delle persone LGBTIQ+ subisce violenza on line

Eccessivi atti di incitamento all’odio manifestati online, precisa lo studio, hanno un impatto diretto sulla salute mentale delle persone LGBTIQ+.

ascolta:
0:00
-
0:00
Coppia gay Germania Gay.it
La Turchia è intervenuta per chiedere il rispetto culturale quando si tratta di bambini turchi nei Paesi ospitanti
2 min. di lettura

A pochi giorni dalla notizia che l’Italia organizzerà gli europei di calcio insieme alla Turchia nel 2032, e a seguito dell’ennesimo attacco omobitransfobico del rieletto presidente Recep Tayyip Erdoğan, un sondaggio condotto da KAOS GL ha certificato l’odio omobitransfobico che sta sempre più segnando il quotidiano della comunità LGBTQIA+ turca.

Uno studio ha infatti scoperto che il 90% della popolazione LGBTQIA+ turca subisce violenza digitale, che in genere inizia con insulti e imprecazioni per poi intensificarsi rapidamente fino a diventare stalking, ricatto, molestie, minacce, doxing e campagne di odio.

I ricercatori, che hanno intervistato 305 persone e condotto altre dieci interviste approfondite, hanno scoperto che è particolarmente comune che la violenza digitale si sposti da un ambiente virtuale a uno fisico. Mentre la maggior parte degli autori di violenza digitale rimangono anonimi, coloro di cui si conosce l’identità sono quasi sempre membri della cerchia sociale della vittima, come un esponente della famiglia, un amico o un partner.

In altri casi, l’autore del reato è stato classificato come un partito politico, un politico, un giornalista, un accademico o un’organizzazione specifica. Eccessivi atti di incitamento all’odio manifestati online, precisa lo studio, hanno un impatto diretto sulla salute mentale delle persone LGBTQIA+. Oltre a suscitare sentimenti di rabbia, infelicità e insicurezza, i livelli estremi di violenza digitale anti-LGBTQ+ hanno costretto molte vittime a rinunciare alla propria libertà di espressione, chiudendosi a riccio, tacendo il proprio reale io.

Sondaggio che arriva dopo l’ennesimo attacco di Recep Tayyip Erdogan, che ha affermato di “non riconoscere la comunità LGBT”, definendola “un veleno”, una “degenerazione, una calamità che minaccia la sopravvivenza della nostra società”.

All’inizio di quest’estate, oltre 100 persone sono state arrestate dalla polizia per aver preso parte all’Istanbul Pride, manifestazione ufficialmente vietata per il nono anno consecutivo. Nonostante il divieto, centinaia di persone sono scese in piazza, andando incontro all’arresto.

Il mese scorso proprio KAOS GL ha prodotto uno spot contro l’omobitransfobia, girato all’interno della metro di Istanbul, andando incontro a minacce di morte, tanto da doverlo ritirare. IGLA-Europe ha classificato la Turchia tra le nazioni meno LGBTQ+ friendly del vecchio continente nella sua Rainbow Map and Index, con un misero 4%, 48esimo Paese su 49 davanti solo all’Azerbaigian.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Sentenza Bari due mamme Gay.it

Tribunale di Roma, sì alla trascrizione del certificato estero con due mamme

News - Redazione 26.2.24
Eurovision 2024 Eden Golan October Rain

Boicottare Eurovision 2024 e la partecipazione di Israele? “October rain” di Eden Golan va esclusa?

Musica - Redazione Milano 27.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
FOTO: LUKE GILFORD

Kim Petras risponde ai commenti sessisti e transfobici: “Siete la piaga del pianeta”

Musica - Redazione Milano 26.2.24
Lewsi Hamilton rainbow

F1, il Bahrain vuole vietare la bandiera LGBTI+, cosa farà Hamilton in Ferrari?

Lifestyle - Redazione Milano 26.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24

Hai già letto
queste storie?

Alain Soral, arrestato per omobitransfobia l'estremista di destra - Alain Soral - Gay.it

Alain Soral, arrestato per omobitransfobia l’estremista di destra

News - Redazione 3.10.23
Odio LGBTIAQ social network

L’odio social verso la comunità LGBTQIA+ ha conseguenze nella vita reale, ma Meta, X e TikTok non fanno abbastanza per arginarlo

News - Francesca Di Feo 25.1.24
uganda uomo arrestato

Picco di arresti e procedimenti giudiziari contro le persone LGBTQIA+ nel 2023

News - Federico Boni 1.12.23
orban ungheria

Come l’Ungheria è diventata illiberale, Orban e l’attacco alla democrazia

News - Lorenzo Ottanelli 1.2.24
burkina-faso-lgbt-africa

Africa, in Burkina Faso il filorusso Traorè vieta le trasmissioni LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 28.8.23
libano-diritti-lgbtqia

Libano: il deterioramento dei diritti LGBQIA+ come specchio di una crisi multidimensionale

News - Francesca Di Feo 14.9.23
100 giorni di esternazioni omobitransfobiche di Roberto Vannacci, da generale a Capo di Stato maggiore - roberto vannacci - Gay.it

100 giorni di esternazioni omobitransfobiche di Roberto Vannacci, da generale a Capo di Stato maggiore

News - Redazione 7.12.23
Ambrogino d'Oro 2023 a Pucci, autore di battute omofobe su Zorzi e insulti a Schlein. Albiani: "È una porcata" - andrea pucci - Gay.it

Ambrogino d’Oro 2023 a Pucci, autore di battute omofobe su Zorzi e insulti a Schlein. Albiani: “È una porcata”

News - Federico Boni 16.11.23