Erdogan: “Ogni misura per proteggere la famiglia dalla perversione” in Turchia torna l’emendamento anti-LGBTQIA+

Così la Turchia scivola verso Russia e Cina.

ascolta:
0:00
-
0:00
turchia-erdogan
3 min. di lettura

TURCHIA. Dopo la vittoria al ballottaggio alle elezioni dello scorso maggio contro il social-democratico Kemal Kilicdaroglu, il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan ha recentemente annunciato che il suo governo sta lavorando alla stesura di un emendamento costituzionale anti-LGBTQI+.

L’obiettivo, stando a quanto dichiarato dallo stesso Erdoğan, sarà quello di “sancire definitivamente il concetto di famigliaescludendo le persone LGBTQI+ da qualsiasi tutela paritaria. Una volta completato, l’emendamento sarà presentato al parlamento turco per la sua considerazione.

Allontanandosi sempre di più dall’Europa, Erdoğan ha espresso l’impegno del suo governo nel proteggere” la famiglia da ciò che definisce “perversione. Secondo le sue parole, l’emendamento costituzionale proposto sarà finalizzato a preservare i valori familiari tradizionali con tutta una serie di politiche ancora non rivelate.

Adotteremo ogni misura per proteggere la famiglia dalla perversione. Pertanto, presenteremo la nostra proposta di emendamento costituzionale, di cui avevamo parlato prima delle elezioni, per la considerazione del parlamento“, ha dichiarato Erdoğan durante una conferenza stampa seguente il primo incontro del suo nuovo governo il martedì.

Le tattiche politiche di Erdoğan

Non è la prima volta che Erdoğan solleva l’argomento di un emendamento costituzionale anti-LGBTQI+. Già nell’ottobre precedente, il presidente turco aveva suggerito l’idea come parte di una strategia politica per mettere in difficoltà l’opposizione.

Non ascoltate queste persone LGBT. Non dovreste opporvi alla famiglia. Il CHP è a favore dell’LGBT, il partito İYİ è a favore dell’LGBT e l’HDP è a favore dell’LGBT. L’Alleanza Pubblica crede nella sacralità della famiglia“, ha detto Erdoğan durante un discorso a maggio nella provincia occidentale di Bursa.

In particolare, Erdoğan ha criticato il leader dell’opposizione principale, Kemal Kılıçdaroğlu, per aver proposto una legge che garantisse la libertà di indossare o meno il velo islamico. La mossa di Erdoğan sembrava essere finalizzata a mettere alla prova l’opposizione e costringerla a scegliere tra una posizione “pro-LGBTQI+” o “pro-tradizione”.

Il concetto di famiglia è indispensabile per noi. Una famiglia forte è un prerequisito per una nazione forte. Abbiamo bisogno di lavorare su questo. Insieme alla comunità LGBT, hanno cercato di causare il deterioramento della struttura familiare. Quindi faremo ciò che è necessario“.

La situazione per la comunità LGBTQI+ in Turchia

La comunità LGBTQI+ in Turchia affronta una crescente minaccia sotto il governo del Partito per la Giustizia e lo Sviluppo (AKP), guidato da Erdoğan. Nonostante l’omosessualità sia stata decriminalizzata dall’Impero Ottomano nel lontano 1858, essa è ancora ampiamente stigmatizzata nella società turca.

Secondo un rapporto del gruppo di difesa dei diritti LGBTQI+ KAOS GL, la comunità si sente minacciata e in pericolo a causa delle politiche del governo attuale. Le dichiarazioni negative e l’atteggiamento ostile nei confronti delle persone LGBTQI+ da parte di funzionari politici, inclusi ministri del governo, contribuiscono a questa atmosfera di discriminazione e pregiudizio.

Negli ultimi anni, le autorità turche hanno vietato diverse manifestazioni e parate dell’orgoglio LGBTQIA+, affermando che tali eventi minacciano l’ordine pubblico. Questi divieti sono stati oggetto di critiche da parte di organizzazioni per i diritti umani e della comunità internazionale.

Inoltre, non esiste una legislazione specifica sulla protezione dei diritti delle persone LGBTQIA+. Le leggi antidiscriminazione esistenti in Turchia non includono esplicitamente l’orientamento sessuale o l’identità di genere come categorie protette. Ciò può lasciare le persone LGBTQIA+ vulnerabili alla discriminazione in vari aspetti della vita, come l’occupazione, l’istruzione e l’accesso ai servizi sanitari.

Le organizzazioni LGBTQIA+ in Turchia continuano a lavorare per promuovere i diritti e la visibilità delle persone LGBTQIA+, nonostante le sfide e le restrizioni imposte dall’attuale governo, che oggi è al terzo mandato.

Il ritiro turco dalla Convenzione di Istanbul

Un altro evento rilevante e degno di menzione è il ritiro del governo turco dalla Convenzione di Istanbul sulla protezione dei diritti delle donne. Il governo ha affermato che la convenzione avrebbe incoraggiato l’omosessualità e minacciato la struttura familiare tradizionale, motivi che hanno portato alla sua decisione di ritirarsi.

Il ritiro della Turchia dalla Convenzione di Istanbul ha suscitato critiche sia a livello nazionale che internazionale. La convenzione era il primo trattato vincolante a livello mondiale per prevenire e combattere la violenza contro le donne, ma il governo turco ha sostenuto che alcuni dei suoi principi erano in contrasto con i valori culturali e religiosi del paese.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

BigMama Concertone Primo Maggio 2024

BigMama inarrestabile diventa conduttrice per il Concertone del Primo Maggio

Musica - Emanuele Corbo 15.4.24
Marcella Bella e l'etichetta di "icona gay". A Belve non sa cosa significhi LGBT: "Lesbiche, gay, travestiti?" (VIDEO) - Marcella Bella a Belve - Gay.it

Marcella Bella e l’etichetta di “icona gay”. A Belve non sa cosa significhi LGBT: “Lesbiche, gay, travestiti?” (VIDEO)

Culture - Redazione 16.4.24
Pietro Fanelli, Isola dei Famosi 2024

Pietro Fanelli, chi è il naufrago dell’Isola dei Famosi 2024?

Culture - Luca Diana 10.4.24
Artur Dainese, Isola dei Famosi 2024

Isola dei Famosi 2024, la storia di Artùr Dainese: “A 16 anni sono venuto in Italia. Mi sentivo solo”

Culture - Luca Diana 16.4.24
Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: "Ti amo immensamente" - heartstopper bradley riches engagement - Gay.it

Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: “Ti amo immensamente”

Culture - Redazione 11.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24

Hai già letto
queste storie?

Accusata di essersi inventata la recensione omofoba di un cliente, è morta la ristoratrice Giovanna Pedretti - Giovanna Pedretti - Gay.it

Accusata di essersi inventata la recensione omofoba di un cliente, è morta la ristoratrice Giovanna Pedretti

News - Redazione 15.1.24
Johannesburg Pride 2023, in migliaia per sostenere la comunità LGBTQIA+ dell’Uganda - Johannesburg Pride 2023 - Gay.it

Johannesburg Pride 2023, in migliaia per sostenere la comunità LGBTQIA+ dell’Uganda

News - Redazione 30.10.23
sondrio-manifesti-pro-vita-risposta-lgbtqia

“Manifesti Pro Vita disumani” la risposta LGBTQIA+ a Sondrio è esemplare

News - Francesca Di Feo 12.12.23
St. Vincent e Grenadine, l'Alta Corte conferma: "Il sesso gay è illegale, legge ragionevolmente necessaria" - Caraibi - Gay.it

St. Vincent e Grenadine, l’Alta Corte conferma: “Il sesso gay è illegale, legge ragionevolmente necessaria”

News - Redazione 19.2.24
Palermo, si suicida a 13 anni per bullismo, deriso per il presunto orientamento affettivo - stella cadente 2 - Gay.it

Palermo, si suicida a 13 anni per bullismo, deriso per il presunto orientamento affettivo

News - Redazione Milano 13.11.23
avvocato-difensore-filippo-turetta-emanuele-compagno

Omofobia, misoginia e victim blaming sui social di Emanuele Compagno, ex avvocato difensore di Filippo Turetta

News - Francesca Di Feo 24.11.23
Roberto Vannacci Paola Egonu Matteo Salvini

Vannacci sospeso dall’Esercito Italiano, Egonu lo querela, Salvini lo difende

News - Giuliano Federico 28.2.24
Emanuele Pozzolo il post omofobico ai tempi dell'approvazione delle unioni civili. Nella foto insieme a Giorgia Meloni che lo scelse nelle liste elettorali del 25 Settembre 2022.

Emanuele Pozzolo, scelto da Meloni: ecco il post omofobico contro le unioni civili

News - Redazione Milano 3.1.24