Video

Turchia, minacce di morte per lo spot contro l’omobitransfobia, che è stupendo – VIDEO

Lo spot potentissimo, girato nella metro di Istanbul, è stato ritirato dall'associazione LGBTIQ+ Kaos GL che l'aveva commissionato.

ascolta:
0:00
-
0:00
2 min. di lettura

Due donne che si stringono la mano in metropolitana, guardandosi teneramente con occhi che sorridono, traboccanti felicità e amore. Ma c’è un uomo, davanti a loro, che le osserva con odio, disprezzo, inducendole a sciogliere quel legame fisico. Ma a sorpresa un’altra donna, anziana, accanto ad una delle due ragazze, le prende la mano, sfidando quell’uomo che trasuda odio, creando così una catena umana di mani che si stringono, contro ogni discriminazione.

È uno spot potentissimo quello creato da Kaos GL, ovvero una delle più importanti organizzazioni turche per la difesa dei diritti LGBTQIA+, per celebrare il proprio ventinovesimo anniversario e contestare il governo Recep Tayyip Erdoğan, sempre più dichiaratamente omobitransfobico. Non a caso lo spot è finito al centro di polemiche furenti.

La società che gestisce la metro di Istanbul è stata attaccata duramente, perché ha “consentito” le riprese all’interno di un proprio vagone. Gli attori che hanno partecipato allo spot sono stati minacciati di morte, così come il regista, gli autori e i produttori. La Kaos Gl, evidentemente spaventata da tanta violenza, ha cancellato il proprio spot dai propri canali social.

turchia lgbt spot
Le notizie su Turchia e diritti LGBTIQ+ su Gay.it >>

Continueremo a tendere la mano; sappiamo che quella mano non rimarrà sospesa”. “Uniamo le mani contro la discriminazione, oppressione, violenza e odio“, hanno commentato sui social, con la consapevolezza di aver toccato un nervo più che scoperto all’interno della società turca, con i Pride vietati dal 2015 e ogni estate repressi dalla polizia con la forza. Fresco di rielezione presidenziale, Recep Tayyip Erdogan alimenta da anni l’omobitransfobia istituzionale.

Diventato primo ministro del Paese nel 2003, rimanendo in carica per 10 anni, è stato eletto presidente nel 2014, riportando indietro di decenni il Paese sul fronte dei di diritti umani, come denunciato da Human Rights Watch. Le sue opinioni sulle persone LGBTQ+ sono ben documentate. Vinto il ballottaggio è tornato a minacciare la comunità LGBTQIA+, annunciando che “strangoleremo chiunque osi toccare la famiglia”.  Tradizionale, ovviamente. Lo scorso 7 maggio, in un comizio elettorale, ha affermato che il suo Partito non sarà “mai pro-LGBT, perché la famiglia per noi è sacra”. Nel 2022 ha definito i “diritti LGBTQIA una degenerazione“. Per il suo ministro dell’interno, Souly, la comunità LGBTQ+ è “terrorismo culturale” dell’Occidente.

Nel 2020 usò parole al veleno nei confronti della comunità, accusando le persone LGBTQ+ di “attaccare i nostri valori nazionali e spirituali” e di “cercare di avvelenare i giovani”.Il presidente ha poi etichettato i giovani queer come “vandali“, invitando le persone a “prendere posizione contro coloro che mostrano qualsiasi tipo di perversione proibita da Dio, che esibiscono tutti i tipi di eresia che il nostro signore ha proibito e coloro che li sostengono“.

In Turchia l’omosessualità è legale ma le unioni omosessuali e l’adozione non sono riconosciute, la terapia di conversione non è vietata e i Pride sono puntualmente censurati dallo stato. Recep Tayyip Erdogan, che l’ex premier Mario Draghi definì senza mezzi termini “un dittatore”, rimarrà presidente della Turchia per altri 5 anni.

KAOS GL >

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Sara Drago

Sara Drago: “La realtà è piena di diversità, sarebbe bellissimo interpretare un uomo” – intervista

Cinema - Luca Diana 11.5.24
queer palm, festival di cannes, i vincitori

Festival di Cannes. Tutti i film vincitori della Queer Palm dal 2010 ad oggi

Cinema - Gio Arcuri 17.5.24
Taiwan, la drag queen Nymphia Wind si esibisce per la presidente uscente Tsai Ing-wen (VIDEO) - Nymphia Wind - Gay.it

Taiwan, la drag queen Nymphia Wind si esibisce per la presidente uscente Tsai Ing-wen (VIDEO)

News - Redazione 17.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
Sarah Toscano, Amici 23

Sarah Toscano vince Amici 23: è lei la popstar del futuro

Culture - Luca Diana 19.5.24
Nemo The Code significato e come è nata

Nemo, il magnifico testo non binario di “The Code” è nato così: ecco cosa racconta davvero

Musica - Mandalina Di Biase 13.5.24

Hai già letto
queste storie?

russia-insegnante-propaganda-lgbtqia

Russia, insegnante si veste da Biancaneve e viene accusato di propaganda LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 28.12.23
pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24
omofobia ragazzo giovane gay

Pontedera, 18enne cacciato di casa dopo il coming out: “Niente figli gay, vattene”

News - Francesca Di Feo 27.3.24
Calci e pugni per un bacio, è arrivata la sentenza. L'omofobia trattata come banale lite in un parcheggio - jean pierre moreno - Gay.it

Calci e pugni per un bacio, è arrivata la sentenza. L’omofobia trattata come banale lite in un parcheggio

News - Redazione 15.3.24
vittorio menozzi gay iti mirko brunetti grande fratello

Grande Fratello, omofobia su Vittorio Menozzi, le battute di Mirko e Marco

Culture - Francesca Di Feo 1.12.23
Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24
turchia-libri-censura

Turchia, libri su teorie riparative e correlazione tra omosessualità e pedofilia negli scaffali delle biblioteche pubbliche

News - Francesca Di Feo 5.2.24
arezzo-whynot-chiuso

Arezzo, chiusa la serata queer WhyNot per troppi episodi di violenza verbale omobitransfobica

News - Francesca Di Feo 21.3.24