“Ultracorpo”, il corto sui gay che diventa omofobo

È il caso dell'estate: un corto psyco-horror sull'omofobia rifiutato dai festival queer. Di buona fattura, ma dal messaggio molto ambiguo. Il regista Pastrello: "Non sono omofobo, ma provo repulsione"

"Ultracorpo", il corto sui gay che diventa omofobo - ultracorpoBASE - Gay.it
3 min. di lettura

"Ultracorpo", il corto sui gay che diventa omofobo - ultracorpoF1 - Gay.it

È la bestia nera della stagione. Nessuno lo vuole. I cinefestival lgbt lo rifiutano in massa. Nell’ambiente queer genera imbarazzi. Eppure il cortometraggio "Ultracorpo" di Michele Pastrello, mezz’oretta di insinuante psyco-horror ad alto voltaggio, tra Siegel e Lynch, sul tema dell’omofobia dal punto di vista di un idraulico psichicamente instabile che uccide un cliente gay (Felice C. Ferrara, bravissimo) ha attirato l’attenzione della critica (Giona A. Nazzaro su "Rumore" ne parla molto bene) ed è il classico film da dibattito: effettivamente è di buona fattura, esteticamente notevole, con una superba fotografia di Mirco Sgarzi. Ma il messaggio è molto ambiguo, il compiacimento voyeurista innegabile e la rappresentazione dell’omosessuale vittima del killer disturbato (Diego Pagotto già visto in "L’uomo che verrà", assai valido) intrisa di stereotipi. Queerblog lo definisce ‘il cortometraggio contro i gay’.
L’autore Michele Pastrello, videomaker scorzetino già vincitore del Pesar Horror Film Fest e del To Horror, ci ha sottoposto l’opera. Lo abbiamo intervistato.

"Ultracorpo", il corto sui gay che diventa omofobo - ultracorpoF2 - Gay.it

Com’è nata l’idea di realizzare "Ultracorpo"?A Padova ci sono stati un paio di episodi di omofobia anche se non violenti come in altri casi. Avevo anche letto un articolo tempo fa su un ragazzo che aveva pestato a sangue un omosessuale e tra le motivazioni c’era il fatto che provava schifo nei confronti di quella persona. Mi aveva colpito: mi chiedevo perché. Mi è rimasto impresso questo episodio. Non mi occupo di tematiche gay e sono etero. Ho anche partecipato a un Gay Pride eppure, onestamente, provo repulsione al pensiero di un rapporto sessuale con un altro uomo.
 
Nel tuo film il punto di vista è quello dell’omofobo, che cosa c’è di personale?Non sono omofobo ma ho attinto a questa mia repulsione per realizzare l’aspetto esplicitamente omofobico del film. Mi spiego meglio. Volevo dar corpo a una sorta di pre-paura che può far scoprire cose di te che non vuoi ammettere a te stesso perché porterebbero a conseguenze imprevedibili.
 
Non pensi che il killer possa essere un gay represso visto che non riesce più ad avere rapporti con la prostituta?Non mi sono soffermato sul fatto che Umberto sia un gay represso: non vuole permettere di conoscersi meglio, questo pone una barriera per evitare la possibilità che accada. "Ultracorpo" parla della difficoltà di accettare la diversità in genere.

"Ultracorpo", il corto sui gay che diventa omofobo - ultracorpoF3 - Gay.it

"Ultracorpo" ha vari pregi innegabili: è di buona fattura cinematografica, molto curato tecnicamente – in particolare la fotografia – ha ritmo e tensione, riesce a restituire un’atmosfera quasi lynchiana piuttosto intrigante. Ma non trovi che il personaggio gay sguazzi negli stereotipi? È inoltre connotato in maniera fortemente negativa: è un effemminato fragile di nervi, lamentoso, vittimista…Non ho uno sguardo sociologico ampio: non volevo raccontare un omosessuale tipico ma come Umberto vede l’omosessuale che ha di fronte, cioè proprio uno stereotipo alla base del pregiudizio. La frase sulla paura che apre il film è emblematica: "Chi ha paura non fa che sentir rumori". Ho soggettivizzato lo sguardo del protagonista.

Non pensi però che il messaggio del film sia fortemente ambiguo? Visto il tentativo di seduzione ‘ricattatoria’ del gay  – come dire: se non ci stai non ti pago il lavoro – lo spettatore medio potrebbe pensare: "se l’è andata a cercare"?Non l’ho visto da quella prospettiva… Dopotutto è la visione dell’omofobo. Ho provato a entrare in quel cortocircuito: che cosa vedono quegli occhi? Ho cercato con "Ultracorpo" di realizzare qualcosa che andasse oltre.

"Ultracorpo", il corto sui gay che diventa omofobo - ultracorpoF4 - Gay.it

Come mai nessun festival gay, secondo te, l’ha voluto proiettare?Non lo so, voglio solo pensare che ci fossero film migliori di "Ultracorpo". Gli altri miei lavori sono stati presentati quasi ovunque, questo no. L’ho mandato a quattro festival a tematica gay: Torino, Milano, Bologna e Palermo.

Non ritieni che ci sia un certo compiacimento nei tuoi corti soprattutto nel rappresentare la violenza, in particolare l’insistito stupro ai danni della protagonista femminile in "32"?Non l’ho percepito, girando il film. Secondo me ci stava bene ai fini della narrazione. La accetto come critica, comunque.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
thailandia-matrimonio-egualitario

La Thailandia verso il matrimonio egualitario: approvazione del disegno di legge entro fine anno

News - Francesca Di Feo 19.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

grassina bullismo omofobia

Firenze, lo insultano e gli lanciano una bottiglia perché gay

News - Lorenzo Ottanelli 6.9.23
100 giorni di esternazioni omobitransfobiche di Roberto Vannacci, da generale a Capo di Stato maggiore - roberto vannacci - Gay.it

100 giorni di esternazioni omobitransfobiche di Roberto Vannacci, da generale a Capo di Stato maggiore

News - Redazione 7.12.23
torino gay

I migliori locali gay a Torino 2024: la guida aggiornata dei bar, discoteche, saune e serate queer della città

Viaggi - Redazione 1.1.24
Milano aggressione

Milano, coppia gay pestata da tre uomini davanti ai bambini, insulti: “Fr*ci di m**da”

News - Redazione Milano 11.10.23
ragazza-lesbica-aggredita-bojano

Prese a schiaffi e insultò coppia di donne lesbiche. Condannato a 5 mesi e 9 giorni di reclusione

News - Redazione 23.2.24
St. Vincent e Grenadine, l'Alta Corte conferma: "Il sesso gay è illegale, legge ragionevolmente necessaria" - Caraibi - Gay.it

St. Vincent e Grenadine, l’Alta Corte conferma: “Il sesso gay è illegale, legge ragionevolmente necessaria”

News - Redazione 19.2.24
Lodi, "mi hanno messo vicino a un tavolo di gay e a un disabile". La replica della titolare alla recensione disumana - pizzeria recensione choc - Gay.it

Lodi, “mi hanno messo vicino a un tavolo di gay e a un disabile”. La replica della titolare alla recensione disumana

News - Redazione 12.1.24
torino-casarcobaleno-aggressione

Torino, tre minorenni fanno irruzione nella sede di CasArcobaleno urlando insulti omobitransfobici durante una proiezione cinematografica

News - Francesca Di Feo 9.10.23