USA: il Montana cancella le identità trans*, una legge vieta il cambio di genere sui documenti

La nuova legge è entrata in vigore il 10 settembre.

ascolta:
0:00
-
0:00
montana usa transgender
montana usa transgender
3 min. di lettura

Non bastava l’ordine di indagare le famiglie degli adolescenti transgender e i medici che li assistono in Texas o la legge “Don’t Say Gay” in Florida: anche il Montana si è aggiunto alla lista degli Stati governati da repubblicani che hanno deciso di limitare – se non abolire – i diritti della comunità LGBTQ+. Nel caso specifico, i diritti della comunità trans*.

È di pochi giorni fa, infatti, la notizia che i funzionari sanitari dello Stato hanno promosso e adottato una modifica a una precedente legge, firmata lo scorso anno dal governatore repubblicano Greg Gianforte. Le nuove disposizioni, di fatto, vietano alle persone trans* di cambiare legalmente il proprio genere sui documenti ufficiali, cancellando così di fatto la libertà di coloro che non si identificano con il sesso assegnato alla nascita.

Montana anti-trans Gay.it
Il Montana si aggiunge agli Stati che vogliono cancellare i diritti delle persone trans*

Non è la prima volta che il Montana scatena polemiche tra i gruppi di difesa anti-LGBT. La precedente legge approvata da Gianforte, infatti, prevedeva che le persone transgender potessero cambiare il genere sui documenti solo presentando prove di un’avvenuta procedura chirurgica. In caso contrario – quindi nel caso di persone che non si erano sottoposte a interventi di riassegnazione del sesso ma avevano solo seguito delle terapie ormonali –, non era possibile modificare il proprio certificato di nascita.

Ma Gianforte è stato anche il fautore di altre leggi contro la comunità LGBTQ+. Sono opera sua, infatti, quelle che vietano agli atleti trans* di gareggiare nelle competizioni sportive e che giustificano gli attacchi alle persone queer se questi si basano su motivi e credenze religiose.

Montana anti-trans Gay.it
Greg Gianforte è il governatore repubblicano del Montana

Fortunatamente, lo scorso aprile un giudice ha avuto il buon senso di mettere un freno alla legge sui certificati di nascita, chiedendo studi e ricerche più approfondite sulla questione pur di frenarne l’attuazione. La cosa, a quanto pare, non è però bastata a fermare i legislatori che evidentemente vogliono cancellare del tutto l’identità delle persone trans*. I cambiamenti apportati, infatti, sono stati studiati appositamente affinché modificare il certificato di nascita cambiando il genere sia in tutto e per tutto impossibile.

«[…] a causa di un errore di uno scrivente o di un errore di immissione dei dati»: sono queste le uniche motivazioni che d’ora in poi verranno accettate qualora dovesse pervenire una richiesta di modifica del genere. La definizione potrebbe sembrare vaga ma, fortunatamente, la nuova legge che è entrata in vigore a partire dal 10 settembre, è accompagnata da un testo che non solo scende ancora più nel dettaglio, ma fa anche inorridire e rabbrividire.

Il sesso dei documenti, così si legge, può essere modificato se «è stato erroneamente identificato sul certificato originale e il dipartimento riceve una dichiarazione giurata di correzione e documenti giustificativi». I documenti giustificativi a cui si fa riferimento sono nientemeno che i risultati di test cromosomici, molecolari, test del DNA e genetici. Quello del Montana è un attacco alla comunità trans* con pochi precedenti e, anche se l’ondata di leggi anti-LGBT messe in atto negli Stati Uniti negli ultimi tempi ci hanno ormai abituatə a non stupirci più di tanto, stentiamo comunque a credere alle nostre orecchie.

Probabilmente, se i repubblicani sospettassero che gli alieni si nascondano tra noi richiederebbero molte meno prove di quante non vengono ora pretese dalle persone transgender. Il che la dice lunga su dove si trovino le loro priorità. Le notizie che giungono dagli Stati più conservatori continuano a preoccupare e, davvero ora più che mai, possiamo aspettarci di tutto nei prossimi mesi, con le elezioni di metà mandato, previste per l’8 novembre, che si avvicinano sempre più.

 

Photo by Ehimetalor Akhere Unuabona on Unsplash

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d'uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant - Feud Capote vs. The Swans - Gay.it

FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d’uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant

Serie Tv - Redazione 19.4.24
Maria De Filippi, Amici 23

Amici 23, le pagelle di Gay.it della quinta puntata del Serale

Culture - Luca Diana 21.4.24
Serena Bortone, chesarà...

La Rai censura il monologo di Antonio Scurati: ecco tutto quello che è successo nelle ultime ore

Culture - Luca Diana 21.4.24
Marco Mengoni insieme a Fra Quintale e Gemitaiz canta "Un fuoco di paglia" di Mace, nell'album MAYA. Nel ritornello, Marco si rivolge ad un amore con una desinenza di genere maschile.

Marco Mengoni, una strofa d’amore a un uomo

Musica - Mandalina Di Biase 19.4.24
Lovers 2024, i vincitori. Trionfa la coppia di pensionati in crisi di Les Tortues di David Lambert - OFF Les Tortues Turtles 02 - Gay.it

Lovers 2024, i vincitori. Trionfa la coppia di pensionati in crisi di Les Tortues di David Lambert

Cinema - Redazione 21.4.24
BigMama: "La rappresentazione è tutto. Quando accendevo la tv persone come me non ce n'erano" - BigMama - Gay.it

BigMama: “La rappresentazione è tutto. Quando accendevo la tv persone come me non ce n’erano”

Musica - Redazione 21.4.24

Continua a leggere

Peter Spooner, Rishi Sunak

“Chiedete scusa alle vittime di transfobia!” il padre di Brianna Ghey al primo ministro Sunak

News - Redazione Milano 8.2.24
Nex Benedict

Nex Benedict, secondo l’autopsia si è toltə la vita dopo l’aggressione transfobica

News - Redazione Milano 14.3.24
Martina Navratilova sostiene che le donne trans non possano essere lesbiche - Martina Navratilova - Gay.it

Martina Navratilova sostiene che le donne trans non possano essere lesbiche

Corpi - Redazione 1.12.23
Donald Trump Whoopi Goldberg

Whoopi Goldberg: Trump cancellerà le persone gay se sarà rieletto

News - Redazione Milano 12.1.24
A sin: Giorgia Meloni con Elena Donazzan (è noto che la prima non ami la seconda) - a destra Cloe Bianco

Nessuna pace per Cloe Bianco, Elena Donazzan sarà candidata alle Europee da Fratelli d’Italia

News - Redazione Milano 7.12.23
governo-sunak-lgbtqia

Regno Unito: come la destra del governo Sunak distrugge decenni di progressi LGBTIQ+

News - Francesca Di Feo 23.10.23
come capire se sei bisessuale, bisessualità test

Il 10% degli americani rientra nello spettro della bisessualità, il nuovo studio

News - Redazione 12.3.24
Caitlyn Jenner sostiene ancora Donald Trump e dispensa ancora transfobia - Caitlyn Jenner - Gay.it

Caitlyn Jenner sostiene ancora Donald Trump e dispensa ancora transfobia

News - Redazione 19.3.24