Zan vs. Salvini: “È la tua profonda ignoranza a far male ai bambini. Bugiardo seriale, studia” – VIDEO

Durissimo botta e risposta social tra Alessandro Zan e Matteo Salvini, con l'identità di genere al centro del contendere della legge contro l'omotransfobia.

Zan vs. Salvini: "È la tua profonda ignoranza a far male ai bambini. Bugiardo seriale, studia" - VIDEO - Alessandro Zan 3 - Gay.it
3 min. di lettura

Domani in Senato il DDL Zan arriverà finalmente in aula e lo scontro politico si fa sempre più acceso. Merito anche di partiti come la Lega, che continuano ad avvelenare i pozzi del dibattito diffondendo fake news. L’ultima ha visto il partito di Matteo Salvini strumentalizzare l’intervento di Alessandro Zan nel corso della diretta Instagram con Fedez, avvenuta la scorsa settimana. Pochi secondi in cui il deputato Pd spiegava cosa sia l’identità di genere, che Lega, Forza Italia e Italia Viva vorrebbero stralciare dal DDL. Pochi secondi che Salvini ha così sintetizzato: “La tesi di Zan: Aiutiamo i bambini a cambiare sesso“. Tutto questo dato in pasto ad un milione e mezzo di follower.

Apriti cielo. Passate 24 ore da incubo, Zan ha voluto replicare con una diretta social, a poche ore dalla finalissima Italia-Inghilterra, attaccando come mai accaduto prima il leader leghista.

L’identità di genere non è un concetto espresso nel DDL Zan ma una definizione stabilita dalla Corte Costituzionale, una definizione giuridica profondamente radicata nel nostro ordinamento che la Corte Costituzionale ritiene essere diritto fondamentale della persona umana, diritto umano che dobbiamo riconoscere. E infatti ci sono diverse leggi e sentenze che lo fanno. L’identità di genere è la percezione precoce, profonda e duratura del proprio sesso. Non è una scelta, è una condizione dell’individuo, e come tale va rispettata, tutelata, perché altrimenti si ledono i diritti umani. Ciascuno ha diritto alla propria identità di genere, è una caratteristica che riguarda tutti noi.

Spiegato ancora una volta cosa sia l’identità di genere e perché sia fondamentale mantenerla all’interno del DDL, Zan si è poi rivolto direttamente al Matteo leghista: “Sai cosa sono i diritti umani delle persone, Salvini? È una cosa che forse a te ogni tanto sfugge. È la profonda ignoranza tua a far male ai bambini, non una legge che vuole tutelare tutte le persone. Nessuno vuole aiutare i bimbi a cambiare sesso. Non ho mai detto questa cosa. State utilizzando delle bugie per fare battaglia politica, sulla pelle della gente. È ignobile, Salvini. Almeno studia, leggi, informati, conosci, prima di emettere sentenze e fare affermazioni che sono menzogne. Tu stai mentendo sapendo di mentire, sei un bugiardo seriale. Lo hai dimostrato in tantissime altre occasioni. Invece che parlare di cose che non conosci, raccontaci dove sono finiti i 49 milioni di euro fatti sparire dalla Lega”

Bugie, quelle diffuse dalla Lega, che hanno avuto anche immediate conseguenze, con il deputato Pd pensantemente minacciato sui social. Alessandro ha mostrato un messaggio in paticolare, in cui un utente ha scritto: “Zan in un Paese civile e in un mondo normale sarebbe a testa giù in piazza mentre i passanti gli tirano pietre. I bambini non si toccano”.

“Dopo le balle di Salvini sulle mie dichiarazioni ecco arrivare queste minacce, il che fa capire che c’è una responsabilità politica di chi fa determinate affermazioni e delle conseguenze che queste affermazioni possono avere”, ha sottolineato il deputato, che ha prontamente denunciato chi ha fatto questa affermazione. Sul finire della diretta Zan si è appellato anche ad un altro Matteo, Renzi, “che oggi ha parlato di gender“.

Il gender è un’invezione dei sovranisti, usiamo i termini corretti. Attenzione ad inseguire i sovranisti con terminologie costruite per spaventare l’opinione pubblico. Renzi, dimostra di stare ancora nel campo del riformismo democratico dei diritti. Segui Biden e Ursula, non Salvini e Meloni, che è come inseguire Orban. A Salvini non interessa questa legge, vuole affossarla. Facile condividere le foto di Biden e Kamala Harris che stanno facendo una battaglia per difendere le persone trans. Seguiamo queste battaglie, non andiamo dietro ai sovranisti che vogliono smantellare i diritti. Togliere l’identità di genere significa stare dalla parte di Orban e Salvini.

Da domani la palla passerà finalmente ai senatori della Repubblica. Se questo messaggio è stato recepito, lo scopriremo sulla nostra pelle.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
gioric70 12.7.21 - 19:01

Vabbè, Salvini! E' un montanaro che a differenza dei montanari veraci doc dop e via dicendo e che sudano per lavorare, non ha la minima percezione di rispetto, non tanto per le sue bestie, ma soprattutto per se stesso. Se non sai fare.....non sai comandare. Salvini ti votai, ma ho capito subito che sei solo uno strillone di cretinaggini e ignoranza. Urli perchè non hai le basi per farti valere seriamente. Mi spiace molto ma l'unico che dimostra di non avere i coglioni sei tu con questo atteggiamento piccolino. Pace frate!

Trending

Transgender triptorelina

Germania, approvata legge sull’autodeterminazione: “Le persone trans esistono e meritano riconoscimento”

News - Redazione 15.4.24
Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: "Ti amo immensamente" - heartstopper bradley riches engagement - Gay.it

Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: “Ti amo immensamente”

Culture - Redazione 11.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24
Marcella Bella e l'etichetta di "icona gay". A Belve non sa cosa significhi LGBT: "Lesbiche, gay, travestiti?" (VIDEO) - Marcella Bella a Belve - Gay.it

Marcella Bella e l’etichetta di “icona gay”. A Belve non sa cosa significhi LGBT: “Lesbiche, gay, travestiti?” (VIDEO)

Culture - Redazione 16.4.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24

Leggere fa bene

Cher al fianco della comunità trans in vista delle elezioni USA del 2024: “Dobbiamo restare unitə” - cher 1536x1004 1 - Gay.it

Cher al fianco della comunità trans in vista delle elezioni USA del 2024: “Dobbiamo restare unitə”

Musica - Federico Boni 19.10.23
Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti - Carriera Alias - Gay.it

Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti

News - Redazione 27.12.23
Careggi Transgender Triptorelina affermazione di genere Gasparri

Triptorelina, la malafede ideologica del governo italiano che fa propaganda sulla vita delle persone: anticipati i risultati dell’ispezione al Careggi di Firenze, ma qualcosa non quadra

Corpi - Francesca Di Feo 8.4.24
Pro Vita, nuovi aberranti manifesti contro la carriera alias a Roma: "Basta confondere l'identità sessuale dei bambini" - Pro Vita nuovi aberranti manifesti contro la carriera alias a Roma - Gay.it

Pro Vita, nuovi aberranti manifesti contro la carriera alias a Roma: “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini”

News - Redazione 22.11.23
Ron DeSantis abbandona le primarie, appoggia Trump e Biden stanzia 700.000 dollari a favore dei ragazzi trans - Ron DeSantis Trump Biden - Gay.it

Ron DeSantis abbandona le primarie, appoggia Trump e Biden stanzia 700.000 dollari a favore dei ragazzi trans

News - Redazione 22.1.24
Gabriel Attal, il nuovo premier di Francia è il primo dichiaratamente gay nonché il più giovane di sempre - Gabriel Attal - Gay.it

Gabriel Attal, il nuovo premier di Francia è il primo dichiaratamente gay nonché il più giovane di sempre

News - Redazione 9.1.24
sondrio-manifesti-provita

Sondrio, anche qui spuntano i manifesti ProVita: “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini”

News - Francesca Di Feo 11.12.23
albania-diritti-lgbtqia

Albania, tutte le promesse non mantenute dal governo in ambito di diritti LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 5.1.24