L’Accademia della Crusca respinge schwa (ə) e asterisco (*), ma noi dobbiamo andare oltre

Se la lingua è spugna che respira, imbevuta di liquidi vitali, noi abbiamo il dovere di portare ad essa i nostri liquidi, tali e quali, per ciò che essi, oggi, sono. La Crusca, quella verrà dopo.

L'Accademia della Crusca respinge schwa (ə) e asterisco (*), ma noi dobbiamo andare oltre - schwa 1 - Gay.it
6 min. di lettura

Il genere grammaticale non corrisponde al genere biologico, l’asterisco (*) e lo schwa (ə) non sono ammessi, in ragione principalmente di un non presente legame tra segno scritto e fonema. Lo afferma l’Accademia della Crusca in un lungo, ragionato, documentato articolo di risposta pubblicato sul sito internet. Un testo di bellissima e arricchente lettura che vi invito a leggere qui.

Sul genere grammaticale e genere biologico
Nel 1984 i francesi George Dumèzil e Lèvi-Strauss avevano già affrontato la questione a proposito della femminilizzazione dei nomi di mestieri, gradi, titoli, funzioni nella lingua francese. Negli studi di psicologia e sociologia, dagli anni Settanta in poi quando negli Stati Uniti i movimenti femministi si fecero promotori di un’azione politica e culturale storicamente definita come “gender studies“, il genere indica infatti l’appartenenza all’uno o all’altro sesso in riferimento a distinzioni sociali e culturali. A conferma che il genere grammaticale non si muova in accordo con il genere biologico è dimostrato dal comportamento di molte lingue. In alcune esistono differenziazioni di classi che non determinino una classificazione di genere, in altre esiste il neutro, in altre ancora, come in inglese, è sufficiente il pronome per riferirsi a una determinazione di genere, senza il necessario accordo grammaticale richiesto per esempio dall’italiano anche su aggettivi, articoli, participi passati.
Tra le curiosità con cui l’Accademia ci riporta alle modalità di utilizzo del “genere grammaticale” nella lingua italiana, c’è l’uso del “lei” come pronome formale o di cortesia. Un femminile grammaticale ancora oggi perfettamente in uso che non ha a che fare con il genere biologico, laddove l’uso del pronome “lei” è in gran parte riferito al genere femminile, ma nel caso del lei di cortesia è utilizzato anche per il genere biologico maschile, infatti diamo del “lei” anche a una persona di genere maschile. Questo per dire, appunto, che non sempre genere grammaticale e genere biologico si muovono con reciproca corrispondenza. La Crusca ci tiene a precisare che ogni lingua è un organismo naturale, che evolve in base all’uso della comunità dei parlanti che ne fa uso, e soltanto in un arco temporale è possibile trasferire le variazioni avvenute nella lingua parlata in una successiva formalizzazione nella lingua scritta o formale. E comunque  le variazioni devono essere – secondo la Crusca – nell’ambito delle possibilità offerte dal sistema della lingua stessa. E’ dunque normale che le proposte di soluzione al problema della distinzione di genere sia materia di polemiche soprattutto in relazione alla grafia, che è più suscettibile ai cambiamenti. E se, a differenza di altre lingue, l’ortografia italiana è da considerarsi stabilizzata, così come il rapporto tra grafia e pronuncia che non presenta particolare difficoltà, afferma la Crusca, non si può escludere che in ambiti precisi e definiti come la scrittura in rete e i messaggini telefonici (sia dato atto alla Crusca di aver sempre offerto alta considerazione all’utilizzo della lingua italiana sulle più recenti vie della comunicazione digitale) possano nascere usi grafici particolari. Che potrebbero essere transitori. Ma il punto dirimente, secondo l’Accademia, è che non si può spezzare il legame tra grafia e pronuncia, così tipico dell’italiano. E’, questo, un approccio di rigore istituzionale, potremmo dire da “organo di controllo”. Alla Crusca non si può chiedere altro. Ma del resto sono gli umani che modificano le proprie istituzioni, e non il contrario. Almeno: così è in una convivenza democratica.
La Crusca spiega anche che la letteratura può tutto. Evviva. Dunque ha ragione Michela Murgia, e questo sia chiaro. Chi fa letteratura ha il dovere – ammesso che abbia dentro il fuoco di questa urgenza – di rovesciare la lingua e portarla ai confini del suo stesso sistema, e anzi, quando gli strumenti espressivi lo consentono,  può e deve varcare quei confini, affinché la lingua apra a noi umani nuovi squarci di conoscenza. Ebbene, a dimostrazione di ciò, la Crusca, in un passaggio del testo nel quale si pronuncia sull’argomento – un testo che passerà alla storia e che vi invito a leggere con gusto, a prescindere dalla vostra opinione su schwa e asterisco – l’Accademia propone un memorabile passo di Luigi Pirandello che gioca sul genere. E’ tratto da Acqua Amara:

Crede lei che ci siano due soli generi, il maschile e il femminile? Nossignore. La moglie è un genere a parte; come il marito, un genere a parte […] Se mi venisse la malinconia di comporre una grammatica ragionata, come dico io, vorrei mettere per regola che si debba dire: il moglie; e, per conseguenza, la marito. (Nov., I, p. 274).

L’asterisco
Poiché l’uso dell’asterisco è derivato dal linguaggio informatico, la Crusca fa notare che in informatica l’asterisco segnala una sequenza di caratteri, mentre al posto di un solo carattere si usa il punto interrogativo. Quindi? Dovremmo dire”tutt?” e non “tutt*”?
No, secondo l’Accademia possiamo utilizzare l’asterisco in comunicazioni scritte o trasmesse che sono destinate unicamente alla lettura silenziosa e che hanno carattere privato, professionale o sindacale all’interno di gruppi omogenei. “Non è invece utilizzabile“, secondo la Crusca, “in testi di legge, avvisi o comunicazioni pubbliche, dove potrebbe causare sconcerto e incomprensione in molte fasce di utenti, né, tanto meno, in testi che prevedono una lettura ad alta voce.” Resta tuttavia il problema fonetico, che secondo la Crusca è decisivo nella formalizzazione continuativa dell’uso dell’asterisco. Come lo pronunciamo quando leggiamo? Qualcuno dice: non lo pronunciamo. Quindi, ove sia scritto “tutt*”, leggeremo “tutt”. Altri suggeriscono l’uso dell’espressione “tuttu”, dunque l’asterisco sarebbe pronunciato come una “u”. Su questo la Crusca vede un problema di forzatura del sistema: nell’italiano tradizionale non esistono parole terminanti in -u atona (a parte in cognomi sardi o friulani, o sigle tipo ONU oppure forestierismi recenti come tofu o sudoku).
schwa corsivo
Provo a scrivere lo schwa (ə) in corsivo.

 

Lo schwa

Lo schwa (ə) è un termine grammaticalmente maschile di origine ebraica. E’ il simbolo dell’Alfabeto Fonetico Internazionale (IPA) che rappresenta la vocale centrale propria di vari dialetti italiani, in particolare dell’area altomeridionale, e di molte altre lingue. L’Accademia della Crusca afferma che lo schwa è preferibile dal punto di vista della lingua parlata, ma è ancora meno praticabile dell’asterisco. Prima di tutto perché il segno per rappresentare lo schwa (ə) è di non facilissima realizzazione nella scrittura corsiva a mano. Inoltre lo schwa (ə) non è contemplato come segno (grafema) in lingue che pure hanno lo schwa all’interno del proprio sistema fonologico. Quindi nelle lingue in cui esiste come suono, lo schwa (ə) non viene comunque scritto. La Crusca fa l’esempio di alcuni dialetti italiani che hanno il suono dello schwa (ə), ma in forma scritta lo risolvono con una “e” oppure con un apostrofo. E qui il ragionamento della Crusca ci pare fuorviante, “scorciatoiesco”. Questo suono, lo schwa (ə), esiste in alcuni dialetti italiani. Non ci pare che i dialetti italiani siano da sottovalutare nell’influenza che storicamente hanno generato e continuano a generare sulla lingua.

Per esempio. Riporto qualcosa che conosco bene, perché è necessario essere prudenti e citare soltanto esempi che conosciamo a fondo. Sono abruzzese e nel dialetto abruzzese della Valpescara esiste il fonema della vocale finale di aggettivi riconducibili sia al maschile, sia al femminile, sia a un concetto non binario. Parlando (il dialetto è da intendere come lingua parlata) in Valpescara posso dire: “Quessə è bbonə” per dire “Questə è buonə”. Non è detto che mi stia riferendo a una mela o a un fico. O ancora “Quesse è bellə” per dire “Questə è bellə” e potrei riferirmi a un ragazzo, a una ragazza o anche a unə ragazzə.

Lo schwa (ə), secondo la Crusca, avrebbe anche il problema del plurale. Se diciamo “Carə tuttə” stiamo usando lo ə per riferirci a un plurale. Mentre se diciamo “Questə è bellə” ci stiamo riferendo a un singolare. Insomma lo ə opacizza la differenza di numero, scrive l’Accademia. Infine, c’è il problema del maiuscolo. Non esiste lo schwa (ə) maiuscolo.
Dunque, sebbene le risposte di Paolo D’Achille sulla pagina web dell’Accademia della Crusca facciano il punto con doverosa ricchezza di documentazione e riferimenti, mi resta addosso una sensazione di rinuncia. Di fuga dalla fluidità della questione. Come un arretrare davanti alla spaventosa potenza della lingua. Io non sono sicuro che l’asterisco o lo schwa (ə) siano risposte definitive. Ma è proprio questo il punto. E’ sul cambio di paradigma che inciampa l’asino (sì, l’asino sono io, ma anche la Crusca). Le risposte dell’Accademia sembrano sorreggere un atteggiamento di chiusura della lingua, come se i suoi comportamenti non tenessero conto della vita umana e delle sue dinamiche di trasformazioni sociali e culturali. L’atteggiamento della Crusca, che a differenza dell’Académie Française e dalla Real Academia Española, non ha un ruolo sul piano istituzionale, né di orientamento politico, in un testo pur rispettoso, mi è parso conservatore oltremisura rispetto alle capacità ricettive e propositive della lingua italiana. Forse l’Accademia della Crusca sta semplicemente svolgendo bene il proprio lavoro. E si dirà – come s’è già detto anche in questo articolo – che è compito degli scrittori. Forzare il sistema della lingua, per dotarlo di nuove elastiche prospettive di futuro. Ma forse si può dire di più. Si può dire che è compito di tuttə noi che parliamo questa meravigliosa lingua, e su di essa agiamo ogni giorno con la nostra carne, le nostre vite e i nostri bisogni, è compito di tuttə noi riversare sulla lingua le nostre vite. Se la lingua è spugna che respira, imbevuta di liquidi vitali, noi abbiamo il dovere di portare ad essa i nostri liquidi, tali e quali, per ciò che essi, oggi, sono. La Crusca, quella verrà dopo.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
maschioroma 16.3.22 - 10:14

Anch'io sono contrario all'uso dello schhwa perchè credo che riguardi una percentuale davvero piccolissima della popolazione. A parte gli etero che ovviamente hanno identità maschili e femminili ma anche la stragrande maggioranza dei gay ha una identità ben definita: i gay maschili, le lesbiche femminili, per non parlare dei/delle trans, che una volta effettuato il cambiamento ci tengono ad essere chiamati con il nuovo genere e guai a fare confusione. Rimane quella parte del mondo LGBTQ+ che non vuole definirsi, i cosiddetti non binari ed altre tipologie. Cambiare la lingua italiana per una piccola percentuale della popolazione, con tutto il rispetto, mi sembra oltremodo assurdo.

Avatar
italianoinclusivo 2.10.21 - 14:32

Concordiamo con molto di quanto scritto in questo articolo, quindi grazie. Tuttavia, per il peso che ha l'Accademia della Crusca, questa è una notizia davvero rilevante per chi ha a cuore l'italiano inclusivo. Già tantз fra coloro che ci criticano hanno cantato vittoria per l'italiano standard, come se questo fosse un verdetto di condanna definitivo. Ma è davvero così? Vediamo perché assolutamente no. https://italianoinclusivo.it/24-09-2021-crusca/

    Avatar
    arbo 11.10.21 - 9:03

    La condanna definitiva non e' stata data dalla crusca, piu' che altro e' la lingua italiana che non ha mai considerato l'introduzione di schwa e asterischi perche', effettivamente, non ce n'e' bisogno - altrimenti gia' sarebbero usati.0 La gente che si impunta su ste cose, generalmente, sono svitati che si sono trovati su twitter... Quindi non c'e' neanche il rischio che la gente con cose serie a cui pensare ( ben oltre il 99% ) faccia uno sforzo per simpatia :-) Comunque intorno ai 20 anni, se non prima, tutti iniziano ad avere problemi reali e anche i guerrieri della schwa iniziano a pensare a ben altro.

Avatar
Franzc Dereck 28.9.21 - 17:14

Ma davvero alcuni non hanno molto da fare!

Avatar
valium 25.9.21 - 17:01

Tempo due tre anni e tutta questa pantomima sugli asterischi e letterine sarà già dimenticata.

Avatar
arbo 25.9.21 - 16:49

La direzione della lingua non la decide la Crusca, ma sicuramente neanche gente che si inventa roba a caso, tipo ə e * nelle parole.

Trending

Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel - Rosso bianco e sangue blu - Gay.it

Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel

Cinema - Redazione 26.2.24
Amici 23, tutti gli allievi al Serale

Amici 23, da Dustin a Holden: tutti gli allievi al Serale

Culture - Luca Diana 25.2.24
FOTO: LUKE GILFORD

Kim Petras risponde ai commenti sessisti e transfobici: “Siete la piaga del pianeta”

Musica - Redazione Milano 26.2.24
Sentenza Bari due mamme Gay.it

Tribunale di Roma, sì alla trascrizione del certificato estero con due mamme

News - Redazione 26.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24

Continua a leggere

Biennale Arte Venezia 2024 - Foreign Everywhere by Adriano Pedrosa

Siamo ovunque: cosa aspettarci dalla Biennale queer e decolonizzata di Adriano Pedrosa

Culture - Redazione Milano 2.2.24
pronomi comunuità lgbtqia+ chiamami con il mio pronome

“Chiamami con il mio pronome”, perché i pronomi sono importanti per le persone LGBTIQA+?

Guide - Redazione Milano 16.11.23
20 saggi queer usciti nel 2023 da regalare a Natale - Sessp 6 - Gay.it

20 saggi queer usciti nel 2023 da regalare a Natale

Culture - Federico Colombo 18.12.23
arcigay

Chi sono io? Un kit per andare a scuola senza paura

Guide - Redazione Milano 7.11.23
pascal e apollo

Pedro Pascal e Omar Apollo: amicizia o qualcosa di più?

Culture - Redazione Milano 30.10.23
Bruce LaBruce The Visitor Berlinale - Gay.it

La rivoluzione queer è una liberazione, Bruce LaBruce con ‘The Visitor’ alla Berlinale

Cinema - Redazione Milano 21.2.24
Galles, il 33% della popolazione si definisce queer - Galles - Gay.it

Galles, il 33% della popolazione si definisce queer

News - Redazione 21.12.23
lady oscar genere non binario

Se oggi un millennial riguarda Lady Oscar, che fine fa quel buon padre che voleva un maschietto?

Culture - Emanuele Bero 28.11.23