Lo schwa non deve piacerti

Cacofonico e scomodo. Per questo serve.

ascolta:
0:00
-
0:00
schwacorsivo
schwacorsivo
3 min. di lettura

Su questa testata dichiaratamente LGBTQIA+ mi ritrovo spesso a scrivere con lo schwa. Va fatto perché se avete seguito l’argomento – o letto uno degli ottocentocinquanta articoli in circolazione – lo schwa ha molto a che vedere anche con la nostra comunità. Da persona queer che scrive anche su Gay.it, io scrivo dello schwa ma non l’ho studiato: riporto le notizie a riguardo, intervisto chi ne parla meglio di me, e ho imparato a familiarizzarci. Se scrivi spesso d’inclusività, prima o poi ci devi fare i conti.

Mi sono abituato senza più chiedermi se me lo leggerei un libro con lo schwa. Perché nell’immaginario che ho maturato negli anni, la prosa è più elegante se lo schwa non c’è. Ma lo spectrum di chi non vuole vi fornirà altre spiegazioni: perché non esiste nel nostro alfabeto, perché non è pronunciabile o leggibile da chiunque, perché frutto di quell’ideologia che ci sta inglobando tuttə tra politicamente corretto, gender, e rompic*glioni che non ci fanno più utilizzare il maschile universale.

Non basterebbe ribellarsi al sessismo della lingua italiana convertendoci al femminile? Se escludiamo chi lo fa solo con accezione negativa (‘la passiva’, ‘la pazza’, ‘la stronza’, ‘la tr*ia’ e tutte quelle parole che ci piace attribuire solo alle femmine), esiste un certo potere nel chiamare chiunque con i pronomi femminili.

Ma come spiegava anche Vera Gheno in una nostra intervista, la questione è un’altra: non si tratta solo di maschile o femminile, ma trovare spazio per un genere indistinto, che non è né un terzo genere e nemmeno neutro, ma proprio un genere assente. Nel pratico va a parlare a tutte quelle persone che si identificano in un genere indefinito o misto (inclusə chi scrive).

Nel frattempo, lo scorso Marzo l’Accademia della Crusca diceva che non c’è niente da educare: lo schwa è “frutto di una radicalizzazione legata a mode culturali” che andrebbe a danneggiare sia i maschi che le femmine. Argomentazioni che riducono le identità non binarie ad un capriccio delle nuove generazioni non abbastanza sufficiente per ‘storpiare’ l’italiano.

Eppure c’è chi ha già cominciato: come Gabriele Leodetti, studente del liceo scientifico Plinio Seniore di Roma, che ha messo lo schwa nel suo tema di maturità, ponendo una riflessione su cambiamenti nel tempo, il sistema scolastico, e la responsabilità di “non arrendersi mai alla conservazione e di fare spazio a qualsiasi occasione possa fornire gli strumenti per una convivenza civile più giusta, rispettosa e inclusiva nella nostra società“.

Come Andrea Antonio Orlandi, giovane linguista che con la sua tesi “Dissimmetrie di trattamento donna-uomo in inglese e forme genderless a beneficio della comunità trans* italofona: una ricerca sociolinguistica” ha sfidato il Dipartimento di Lingue proponendo una nuova rivoluzione.

Come Lorenza Bernardi, autrice del romanzo Ragazz*, che a differenza di chi ritiene che la lingua non detenga nessun potere, sottolinea come schwa e asterischi diano nome e dignità alle persone.

Come il Conservatorio di Bologna che nei documenti ufficiali dell’anno accademico 2023/2024, ha indicato chiunque con lo schwa.

E menomale che non l’avrebbe utilizzato nessuno, se la ride Michela Murgia.

Nel frattempo partecipa anche l’audiovisivo: dal videogioco Wild Hearts che ha messo lo schwa per la prima volta nella storia del doppiaggio italiano a Rai1 che l’ha inserita nei sottotitoli dei Diversity Awards 2023.

Nello scritto lo schwa appare cacofonico e scomodo, ma nel parlato ricorda i dialetti del centro-sud Italia che non pronunciano quasi mai le vocali, e il binario di genere rimane sospeso. Sì, forse è poco elegante, ma proprio questo è il punto: lo schwa non deve piacerci, ma svegliarci.

Non siamo obbligatə ad utilizzarlo e la pratica non è immediata, ma abolirlo in nome della tradizione ci copre di polvere: perché come vi diranno tutte le persone citate più sopra, la lingua è troppo dinamica per fossilizzarsi da una forma all’altra, e sarebbe altrettanto ingenuo crederlo. Pur non trovando una soluzione fatta e finita, lo schwa pone l’attenzione a chi non si riconosce nemmeno nella propria lingua, osando metterla in discussione e interrogarla. Esce dal diametro della lente cisgender e tiene acceso il dibattito.

Poco importa se non vogliamo vederlo nei libri: è già tra noi e non smettiamo più di pensarci.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24
La Lega presenta una proposta di legge per "vietare l'insegnamento delle teorie gender nelle scuole" - Laura Ravetto - Gay.it

La Lega presenta una proposta di legge per “vietare l’insegnamento delle teorie gender nelle scuole”

News - Redazione 24.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

TIM parità di genere - Lo spot di Giuseppe Tornatore

Cosa ne pensate dello spot sulla parità di genere che fa arrabbiare i Fascisti d’Italia?

Culture - Redazione Milano 4.1.24
CameraModaUnarAFG photo da IG: Tamu McPherson

Milano Fashion Week e lotta alla discriminazione, siglato accordo tra Unar e Camera della Moda

Lifestyle - Mandalina Di Biase 20.2.24
Jeremy Allen White (Calvin Klein)/ Gerrard Woodward (BRLO)

E se lo spot con Jeremy Allen White fosse interpretato da un uomo bear?

Corpi - Redazione Milano 2.2.24
Pride Christmas Nutcracker (TARGET)

Schiaccianoci queer e Babbo Natale in sedia a rotelle? È subito polemica

News - Redazione Milano 28.11.23
(Phonoplay International)

Adorabile Jodel, in Svizzera arriva il primo gruppo per uomini gay!

Lifestyle - Redazione Milano 31.1.24
Topolino e Minnie costretti a censurare la parola "gay" da uno show Disney ad Orlando.

Topolino e Minnie cancellano la parola “gay” da uno show

News - Redazione Milano 2.1.24
Chiara Ferragni con il volto martoriato nel post con cui Profit Ways ha pagato Meta per sponsorizzare le criptovalute

Il volto martoriato di Chiara Ferragni in un violento post Instagram

News - Redazione Milano 8.1.24
Biennale Arte Venezia 2024 - Foreign Everywhere by Adriano Pedrosa

Siamo ovunque: cosa aspettarci dalla Biennale queer e decolonizzata di Adriano Pedrosa

Culture - Redazione Milano 2.2.24