Andrei ed Evgeny fuggiti con i loro figli dalla Russia per aver infranto la legge sulla propaganda gay

Non potevano fare altro che lascia il Paese, prima di essere arrestati e vedersi portare via i figli.

russia
2 min. di lettura

In Russia vige da anni una legge che vieta qualsiasi “propaganda gay“. Anche sventolare una bandiera arcobaleno in pubblico, o passeggiare mano nella mano con il proprio partner (per una coppia gay) o scambiarsi un bacio è reato. Con conseguente denuncia alle autorità. Questo clima di chiusura e censura si riversa anche sulle famiglie LGBT che vivono nella Russia di Putin, costrette a subire in silenzio, senza vedersi riconosciuto alcun diritto.

E’ quanto successo a Andrei Vaganov ed Evgeny Erofeev, genitori di due bambini, uno di 12 e uno di 14 anni. Era stato Andrei, quando era single, ad adottare i due bambini. Aveva seguito la legge russa, la quale permette anche ai single di adottare. Naturalmente, questo diritto non è riconosciuto per le coppie omosessuali. Solo dopo ha conosciuto Evgeny, con il quale si è sposato in Danimarca. Tornati in Russia, pensavano di vivere la loro vita, finalmente come una famiglia. Ma così non è stato.

La denuncia per propaganda gay

Quando Yuri (uno dei bambini adottati) è stato male, Andrei e Evgeny lo hanno portato in ospedale per degli esami. E’ qui che il personale medico si è domandato dove fosse la madre del piccolo Yuri. Una volta scoperto che Yuri e il fratello più grande avevano due papà, è scattata la denuncia alla Polizia.

La legge che censura la propaganda gay in Russia mostra una persona come un mostro. Andrei e Evgeny sono stati interrogati per ore senza sosta. Gli agenti di Polizia hanno perquisito la loro abitazione, cercando qualsiasi cosa andasse contro i due papà.Obbligati anche a fare dei test per sospetti abusi sessuali sui due bambini. Secondo la legge, che presenta comunque molti punti oscuri in modo da poterla interpretare in mille modi diversi, due bambini adottati da una coppia potrebbero crescere pensano che l’omosessualità sia una cosa normale, andando contro l’omofobia russa, appoggiata tanto dalla politica, quando dalla Chiesa e dalla popolazione.

La decisione di lasciare la Russia

La coppia, su consiglio dei legali che hanno seguito il caso, ha deciso di lasciare la Russia. Era l’unico modo per continuare a vivere serenamente. Difatti, rimanendo in patria, i bambini sarebbero stati sicuramente portati in una casa famiglia, mentre Andrei e Evgeny a processo e condannati per il reato di propaganda gay, che prevede il carcere. Secondo i legali, l’agenzia di adozioni faceva regolari controlli a casa, per controllare lo stato dei bambini.

Non c’è mai stata alcuna segnalazione: coloro che eseguivano i controlli hanno classificato come sano l’ambiente in cui vivevano i minori e hanno confermato che entrambi i genitori si prendevano cura di loro. La Polizia russa invece li accusava di “negligenza”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Ivan Codrian per @theshamelessfund

Jonathan Bailey lancia l’associazione di beneficenza LGBTQ+ “The Shameless Fund”

Culture - Luca Diana 21.6.24
Alessandra Valeri Manera Cartoni animati queer

Addio ad Alessandra Valeri Manera, la resistente che ha combattuto per noi bambinə diversə

Culture - Giuliano Federico 24.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

News - Francesca Di Feo 22.6.24
Luca Guadagnino parla di Queer: "È il mio film più personale, ci sono scandalose scene di sesso" - luca guadagnino pesarofilmfest 60 22giu2024 ph luigi angelucci 010 - Gay.it

Luca Guadagnino parla di Queer: “È il mio film più personale, ci sono scandalose scene di sesso”

Cinema - Redazione 24.6.24
aggressione-foggia-intervista

Foggia, parla Alessandro, vittima dell’aggressione: “Trasformiamo la violenza in sogno” – intervista

News - Francesca Di Feo 21.6.24

Leggere fa bene

Russia, il regime di Putin durerà almeno fino al 2030. Vinte le elezioni farsa con l'88% dei voti - cover Putin1 - Gay.it

Russia, il regime di Putin durerà almeno fino al 2030. Vinte le elezioni farsa con l’88% dei voti

News - Redazione 18.3.24
lituania-transizione-di-genere

L’Unione Europea chiede alla Lituania regolamenti più definiti per la transizione di genere

News - Francesca Di Feo 19.3.24
Famiglia si trasferisce in Russia per fuggire dalle persone LGBTQIA+. Ma la Russia gli congela i conti bancari - Famiglia canadese di destra si trasferisce in Russia per fuggire dalle persone LGBTQIA1 - Gay.it

Famiglia si trasferisce in Russia per fuggire dalle persone LGBTQIA+. Ma la Russia gli congela i conti bancari

News - Federico Boni 22.2.24
Armenia LGBT

Cos’è la Gayropa: “Quasi tutti gli Europei sono gay, noi no!”, così parlano i giovani in Armenia

News - Redazione Milano 8.5.24
Silvio Berlusconi Vladimir Putin omosessualità psicologica

Tra Berlusconi e Putin “un legame di omosessualità psicologica”: Vladimir donò un cuore di capriolo a Silvio, che vomitò

News - Mandalina Di Biase 6.5.24
Brittney Griner, dalla prigione russa al primo figlio con sua moglie Cherelle. Il dolce annuncio social - Brittney - Gay.it

Brittney Griner, dalla prigione russa al primo figlio con sua moglie Cherelle. Il dolce annuncio social

News - Redazione 18.4.24
Pavel Lobkov

Mosca, giornalista mostra segni di aggressione “Così picchiano un fr**io”

News - Redazione Milano 2.1.24
Associazioni LGBTQIA+ italiane in piazza per dire basta alla criminalizzazione degli attivisti russi - sit in Russia 8 - Gay.it

Associazioni LGBTQIA+ italiane in piazza per dire basta alla criminalizzazione degli attivisti russi

News - Redazione 11.1.24