Anna Maria Bernini: “Ecco cosa penso del DDL Zan, l’omotransfobia esiste e si manifesta tutti i giorni”

La senatrice di Forza Italia ha ribadito la necessità di una legge. "Va sradicata dalle menti deboli l’idea che essere omosessuali sia sbagliato o peggio ancora un atteggiamento da punire".

Anna Maria Bernini: "Ecco cosa penso del DDL Zan, l'omotransfobia esiste e si manifesta tutti i giorni" - Anna Maria Bernini - Gay.it
3 min. di lettura

Senatrice di Forza Italia e da pochi mesi Vicecoordinatrice Nazionale del partito, Anna Maria Bernini ha espresso la sua articolata opinione sulla legge contro l’omotransfobia, la misoginia e l’abilismo.

Bernini ha voluto replicare ai tanti che le hanno chiesto una posizione sul merito, sottolineando come “con rammarico” debba “constatare che anche in questa occasione il dibattito si è polarizzato tra opposte tifoserie che hanno fatto del muro contro muro l’unico metodo di confronto. Questo a mio avviso impedisce di andare al cuore della piaga omofobia che purtroppo esiste e si manifesta tutti i giorni“.

I diritti però non possono essere una partita da giocare in modo tattico, non sono né di destra, né di sinistra, ma toccano la carne viva del Paese, incidono situazioni che già esistono intorno a noi e che vanno trattate con molto più rispetto. Ecco, servono meno slogan e più rispetto. Il tema è divisivo, non possiamo e non dobbiamo nascondercelo. Pensare che le ragioni possano trovarsi interamente in una posizione piuttosto che in un’altra, significa non voler comprendere le ragioni degli altri. Un autentico liberale non può accettare a cuor leggero alcuna forma di limitazione alla libertà. E con la stessa fermezza difenderà la libertà di espressione di tutti, specie di coloro che la pensano all’opposto rispetto alla propria sfera valoriale. È in questo spazio di confronto, infatti, che si crea quel terroir su cui germoglia la democrazia.

Ed è qui che la senatrice berlusconiana si è soffermata sui contenuti della legge, che non condivide pienamente ma approverebbe il prima possibile.

Per questo motivo non posso dire di apprezzare nella sua interezza il disegno di legge Zan. Mi preoccupa molto, infatti, il rischio di travalicare il confine della tutela legislativa con l’effetto di imporre una diversa visione della società in odore di pensiero unico. Su questo punto, nelle sedi opportune, va assolutamente trovato un correttivo. Tuttavia il bisogno di affermare un punto di avanzamento, questo sì liberale, nel poter essere sé stessi in ogni occasione e senza timore, prevale sulle criticità qui espresse. C’è oggi in Italia una comunità di persone che ha bisogno di sapere che le Istituzioni sono al loro fianco per riconoscere e garantire davvero un diritto di libertà troppo spesso macchiato da violenze fisiche o verbali. Una situazione che ritengo inaccettabile: ogni ragazzo o ragazza di questo Paese deve essere libero di esprimere e vivere la propria sessualità come meglio crede. È una delle certezze che mi accompagna da molto prima di impegnarmi in politica. Cari Amici, è incredibile dover ribadire un cosa che dovrebbe essere scontata, il diritto di sentirsi liberi di essere se stessi da Udine a Cosenza da Lecce ad Aosta. Dovete avere la certezza che se qualcuno cercherà di strapparvi o di comprimere questa libertà, o di farvi del male, verrà adeguatamente perseguito. Questo è l’unico importante messaggio che va trasmesso attraverso questo atto legislativo. Va sradicata dalle menti deboli l’idea che essere omosessuali sia sbagliato o peggio ancora un atteggiamento da punire. Penso, ad esempio, a quel soggetto che ha attraversato i binari della metropolitana per aggredire due ragazzi innamorati. Con eguale sincerità però voglio dirvi: la battaglia è tutt’altro che vinta! Non sarà di certo l’approvazione o meno del ddl Zan a far cessare gli episodi di odio omotransfobico. Far passare il messaggio che questo provvedimento sia la panacea di tutti i mali è sbagliato e pericoloso. Semmai rappresenta una picconata, pur importante, a quel muro fatto di ignoranza, pregiudizi e paura che impedisce la vera inclusione. Questo muro non potrà mai essere abbattuto dal mero strumento coercitivo. Servono tempo, cultura, buone pratiche e normalizzazione. È un impegno ambizioso e non reversibile. Non possiamo, infatti, negare diritti di libertà a nostri concittadini che fanno parte, a pieno titolo e senza distinzioni, di quel perimetro all’interno del quale agisce il nostro contratto sociale, sulla base del quale i diritti di ognuno di noi devono trovare come limite invalicabile solo ed esclusivamente i diritti dell’altro. Per quanto riguarda la sottoscritta, sono sempre pronta a scendere in campo per onorare la più preziosa delle libertà, l’amore.

Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia, ha in due occasioni definito “inutile e dannoso” il DDL Zan, mentre altri parlamentari di Forza Italia, ovvero Elio Vito, Mara Carfagna, Barbara Masini e Gabriella Giammanco, hanno pubblicamente dichiarato il proprio sostegno alla legge.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Stefano Lani 13.4.21 - 14:31

Proprio un muro contro muro.Da una parte le stronz. che ci propinano costantemente i soliti ignoti che ben conosciamo,dall'altra una comunità LGBT che fa' della libertà la propria bandiera,ma senza conoscerne i limiti. Una persona ha sempre diritto ad essere se stessa, ma deve anche rendersi conto che non può fare come gli pare.Specialmente quando devi riconoscere i diritti per tutti,e quindi anche i tuoi,la tua libertà deve essere proporzionata e sei consapevole di quello che fai o dici. La legge contro l'omotrasfobia e' essenziale, le stronzate no.

Trending

Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
Eurovision 2024, i BIG in gara per San Marino. Ci sono i Jalisse, Marcella Bella e (forse) Loredana Bertè - Una Voce per San Marino 2024 - Gay.it

Eurovision 2024, i BIG in gara per San Marino. Ci sono i Jalisse, Marcella Bella e (forse) Loredana Bertè

Culture - Redazione 19.2.24
Luciana Littizzetto e la lettera a Maurizio Costanzo: "Grazie per aver parlato di diritti LGBT, per aver abbassato il provincialismo bigotto della nostra nazione" (VIDEO) - Luciana Littizzetto e Maria De Filippi - Gay.it

Luciana Littizzetto e la lettera a Maurizio Costanzo: “Grazie per aver parlato di diritti LGBT, per aver abbassato il provincialismo bigotto della nostra nazione” (VIDEO)

Culture - Federico Boni 21.2.24
Bruce LaBruce The Visitor Berlinale - Gay.it

La rivoluzione queer è una liberazione, Bruce LaBruce con ‘The Visitor’ alla Berlinale

Cinema - Redazione Milano 21.2.24

Hai già letto
queste storie?

giovani-transgender-careggi-genitori-lettera-europa

La disperata lettera all’Europa di 259 genitori di adolescenti transgender per fermare l’attacco del Governo Meloni al Careggi di Firenze

News - Francesca Di Feo 9.2.24
maiorino-fondi-unar

Fondi Unar per comunità LGBTQIA+ sbloccati, ma “l’unico antidoto alla violenza è l’educazione”, parla la Sen. Maiorino del M5S

News - Francesca Di Feo 15.9.23
La Cassazione rigetta il ricorso di Pillon. Definitiva la condanna per diffamazione ai danni di un'associazione LGBTQIA+ - Simone Pillon - Gay.it

La Cassazione rigetta il ricorso di Pillon. Definitiva la condanna per diffamazione ai danni di un’associazione LGBTQIA+

News - Redazione 23.11.23
Grecia, l'accorato discorso del premier conservatore Mitsotakis prima del voto sul matrimonio egualitario (VIDEO) - Kyriakos Mitsotakis - Gay.it

Grecia, l’accorato discorso del premier conservatore Mitsotakis prima del voto sul matrimonio egualitario (VIDEO)

News - Federico Boni 16.2.24
romania-unioni-civili

Romania in ritardo sul riconoscimento delle coppie omo, cresce l’estrema destra: l’allarme dellə attivistə

News - Francesca Di Feo 18.12.23
Annette Bening, orgogliosa mamma di un figlio trans: "La transfobia ha invaso l'America, è vergognoso e doloroso" - annette bening figlio trans Stephen Ira - Gay.it

Annette Bening, orgogliosa mamma di un figlio trans: “La transfobia ha invaso l’America, è vergognoso e doloroso”

Cinema - Redazione 2.11.23
Gabriel Attal, il nuovo premier di Francia è il primo dichiaratamente gay nonché il più giovane di sempre - Gabriel Attal - Gay.it

Gabriel Attal, il nuovo premier di Francia è il primo dichiaratamente gay nonché il più giovane di sempre

News - Redazione 9.1.24
aula-vuota-interrogazione-questioni-lgbtqia

Roccella annuncia sblocco fondi Unar per la comunità LGBTQIA+ davanti al Senato vuoto

News - Francesca Di Feo 14.9.23