Cassazione, la Corte cancella una delle madri dal certificato di nascita di un* bambin* nat* in Italia dopo un percorso di inseminazione

"Chiediamo fermamente di porre fine a questa palese discriminazione di Stato che, come è evidente, ricade sui nostri figli e sulle nostre figlie privat* di diritti fondamentali per il solo fatto di avere due mamme o due papà".

ascolta:
0:00
-
0:00
Cassazione, la Corte cancella una delle madri dal certificato di nascita di un* bambin* nat* in Italia dopo un percorso di inseminazione - Famiglie Arcobaleno Sentenza Cassazione - Gay.it
3 min. di lettura
La Corte di Cassazione ha cancellato una delle due madri dal certificato di nascita di un* bambin* nat* in Italia dopo un percorso di inseminazione. A darne notizia Famiglie Arcobaleno.
Per la Suprema Corte il ricorso delle madri va respinto perché la legge 40 consente l’accesso alla procreazione medicalmente assistita alle sole coppie formate da uomo e donna. Ancora una volta, in sostanza, la Cassazione ha deciso di far prevalere il divieto imposto dalla legge 40 alle coppie di donne, rispetto al riconoscimento alla nascita dei figli e delle figlie nat* da quei percorsi che la stessa legge assicura alle coppie eterosessuali.
La legge 40, vietando la procreazione assistita alle coppie di donne in maniera del tutto illegittima e antiquata, condanna i figli e le figlie delle coppie dello stesso sesso a una cittadinanza di serie B: per cui un* bambin* nat* da una donazione di seme in una coppia formata da Mario e Maria può e deve essere riconosciut* per legge alla nascita, anche se Mario non è il padre biologico. Ma se un* bambin* nasce dallo stesso tipo di percorso da Maria e Maria lo Stato non gli permette di vedersi riconosciuti entrambi i genitori. Discriminazione e omolesbobitransfobia di Stato che vede l’Italia come unico paese dell’Europa occidentale in questa situazione di violazione.
“Per l’Associazione Famiglie Arcobaleno è inaccettabile e grave che anche le più alte corti si omologhino alla narrazione FALSA di un’adozione in casi particolari (ex Art 44 lettera D) detta anche stepchild adoption, come soluzione per garantire al* minore il diritto fondamentale al riconoscimento anche giuridico di entrambi i genitori. L’adozione in casi particolari, come ribadiamo da sempre, non è la soluzione perché i percorsi delle coppie di donne sono IDENTICI a quelli delle coppie eterosessuali sterili e dovrebbero avere le stesse garanzie”.
Famiglie Arcobaleno ha voluto ricordare l’infinito iter che  le coppie delle stesso sesso devono oggi affrontare.
1) l’adozione in casi particolari è subordinata alla volontà dell’adulto, mentre la legge 40 impone la protezione dei nati anche quando non vi sia tale volontà;
2) l’adozione in casi particolari presuppone necessariamente una istanza dell’adottante, mentre il dispositivo di cui alla legge 40 è diretto a vincolare il genitore intenzionale alla sua responsabilità genitoriale in ragione del consenso prestato alla PMA;
3) l’adozione in casi in particolari presuppone il consenso della madre biologica e dunque in caso di separazione conflittuale, questo consenso potrebbe essere negato, privando il genitore intenzionale dei suoi diritti e doveri nei confronti dei figlie e delle figlie;
4) molti tribunali dei minorenni già oberati hanno tempi di attesa di anni anche solo per la prima comparizione;
5) i tempi medi per una sentenza di adozione in casi particolari possono arrivare a 3 anni. Nel frattempo i minori sono privati di ogni tutela da parte del genitore intenzionale;
6) molti tribunali richiedono anamnesi mediche che nulla hanno a che vedere con l’adozione in casi particolari, che riguarda genitori che già convivono con i figli e le figlie ed esercitano nei fatti la responsabilità genitoriale;
7) i costi dell’iter ricadono su famiglie già gravate dai costi della procreazione assistita fatta all’estero che in Italia per le coppie eterosessuali sono sostenuti dal servizio sanitario nazionale.
Chiediamo fermamente di porre fine a questa palese discriminazione di Stato che, come è evidente, ricade sui nostri figli e sulle nostre figlie privat* di diritti fondamentali per il solo fatto di avere due mamme o due papà“, hanno concluso da Famiglie Arcobaleno, ricordando come la strada da percorrere sia quella di una legge “che consenta il riconoscimento alla nascita di entrambi i genitori per i figli e le figlie delle famiglie omogenitoriali, come quella proposta da Famiglie Arcobaleno e Rete Lenford. Noi andremo avanti, non arretrando di un millimetro“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Amadeus, Sanremo Giovani 2023

Sanremo verso Mediaset, Amadeus in onda sul NOVE già a fine agosto con tre programmi

Culture - Mandalina Di Biase 18.4.24
Marco Mengoni insieme a Fra Quintale e Gemitaiz canta "Un fuoco di paglia" di Mace, nell'album MAYA. Nel ritornello, Marco si rivolge ad un amore con una desinenza di genere maschile.

Marco Mengoni, una strofa d’amore a un uomo

Musica - Mandalina Di Biase 19.4.24
free willy, locali gay amsterdam

“Free Willy”, il nuovo locale queer ad Amsterdam dedicato agli amanti del nudismo

News - Redazione 19.4.24
Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24

Continua a leggere

Francia, il ministro della giustizia si scusa per le leggi omofobe passate. Primo via libera al risarcimento - Parigi rainbow Pride - Gay.it

Francia, il ministro della giustizia si scusa per le leggi omofobe passate. Primo via libera al risarcimento

News - Redazione 14.3.24
Due mamme, un figlio, una famiglia. Il bellissimo spot italiano - Due mamme un figlio una famiglia. Il bellissimo spot italiano - Gay.it

Due mamme, un figlio, una famiglia. Il bellissimo spot italiano

Culture - Redazione 7.3.24
Messico, il presidente Obrador definisce "un uomo vestito da donna" la deputata trans Salma Luevano - Andres Manuel Lopez Obrador - Gay.it

Messico, il presidente Obrador definisce “un uomo vestito da donna” la deputata trans Salma Luevano

News - Redazione 10.1.24
Sardegna Partito Gay

Il Partito Gay Lgbt+ appoggia Alessandra Todde alle regionali in Sardegna

News - Lorenzo Ottanelli 23.1.24
Credit: Steve Russell

Affermazione di genere, il Governo manda gli ispettori al Careggi di Firenze. Zan: “Crociata ideologica e politica”

News - Redazione 24.1.24
milano-transfobia-consiglio-comunale

Milano, transfobia in Consiglio Comunale da parte del consigliere Lega Samuele Piscina – LINGUAGGIO FORTE

News - Francesca Di Feo 4.3.24
flavia-fratello-battuta-vannacci

Flavia Fratello replica bene a Vannacci, ma in passato firmò contro il Ddl Zan e diede spazio alla transfobia delle TERF

News - Francesca Di Feo 7.3.24
Mennuni, Corrotti e Perissa, prosegue la becera propaganda della destra contro le famiglie Arcobaleno - Lavinia Mennuni - Gay.it

Mennuni, Corrotti e Perissa, prosegue la becera propaganda della destra contro le famiglie Arcobaleno

News - Redazione 22.3.24