CGIL, diritti LGBTIQ+ non menzionati nella manifestazione di Sabato 7 ottobre a Roma

Anche dalla piazza della CGIL, in un modo diverso e parallelo a quello della destra, l'Italia sembra guardare da lontano all'Unione Europea.

ascolta:
0:00
-
0:00
Maurizio Landini
Maurizio Landini
3 min. di lettura

Scendere in piazza invocando il rispetto della Costituzione e omettere qualsiasi riferimento a ciò che sta subendo la comunità LGBTIQ+ italiana dalla destra di governo. Forse perché molte persone iscritte alla CGIL sono anziane, e il segretario nazionale del più grande sindacato italiano Maurizio Landini ha timore di irritarle. Forse per evitare qualsiasi mugugno, che si sa che certi comunisti ai gay non li hanno mai potuti vedere. Difficile immaginare sia stata una dimenticanza. È stata una scelta bella e buona. Lasciamo perdere i diritti civili, deve aver detto qualcuno, spaventatissimo. Poi chi li vuole sentire i cattolici, subito ha precisato il più pragmatico. Pensiamo a tenere insieme tutti, sui diritti civili la gente si divide, deve aver aggiunto un’anima del ‘900. Noi ci dobbiamo occupare della povera gente, ha chiuso infine quello che si sente davvero di sinistra. Si tratta di frasi verosimili, e non di virgolettati. Non sono mai state dette, per intenderci.

Eppure diritti sociali e diritti civili sono inscindibili, in una liberal-democrazia. Ma non è poi così chiaro se la CGIL immagini una liberal-democrazia in questa discesa in piazza che, più di una protesta sindacale, ha una – legittima – vocazione politica. Ma poco importa se i diritti sociali e civili sono i due lati della stessa battaglia, come ripete spesso Elly Schlein, che i più recenti sondaggi vedono traghettare il PD in salita, contrariamente ai mugugni di molti.

Sabato 7 Ottobre a Roma la CGIL ha indetto la manifestazione “La via maestra“, in riferimento alla Costituzione. Il costituzionalista notoriamente schierato a sinistra Gustavo Zagrebelsky due giorni fa su Repubblica, in un estratto di anticipazione su quanto dirà Sabato in piazza, ci ha rinfrescato la memoria sulla bontà della Carta, su quanto sia importante la Costituzione. Ebbene, anche nel discorso di Zagrebelsky non si fa menzione della persecuzione alle famiglie omogenitoriali, della mancanza di una legge di aggravante per i crimini basati su odio omobitransfobico, della probabile penalizzazione universale della gestazione per altri con esplicito riferimento ai genitori omosessuali, della mancanza di educazione alle differenze e all’abbattimento degli stereotipi di genere nelle scuole.

La comunità LGBTIQ+ italiana in quanto tale non fa parte delle fragilità che stanno a cuore alla CGIL.

Naturalmente qualsiasi persona LGBTIQ+ sarà benvenuta in piazza a Roma Sabato 7 ottobre. Ma la sua presenza sarà per rivendicare diritto al lavoro, alla salute, all’istruzione, a un ambiente salubre e persino alla pace. Questioni sacrosante. Tuttavia – per evitare forse di sembrare troppo filo-occidentali o addirittura anglosassoni – manca un riferimento ai diritti civili e una specifica menzione per la situazione critica della comunità LGBTIQ+ italiana.

All’articolo 3 della Costituzione è scritto:

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale [cfr. XIV] e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso [cfr. artt. 29 c. 2, 37 c. 1, 48 c. 1, 51 c. 1], di razza, di lingua [cfr. art. 6], di religione [cfr. artt. 8, 19], di opinioni politiche [cfr. art. 22], di condizioni personali e sociali.

E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

In particolare la CGIL nella presentazione del programma (QUI), prende di mira alcune prossime azioni del governo e della maggioranza di destra: l’autonomia differenziata e l’elezione diretta del presidente del consiglio. In generale la CGIL contesta, al disegno politico della destra, il tentativo di sbilanciamento dei poteri nell’architettura delle istituzioni. La CGIL ribadisce il ripudio della guerra.

Dei diritti LGBTIQ+ nessuna menzione. Anche dalla piazza della CGIL, in un modo diverso e parallelo a quello della destra, l’Italia sembra guardare da lontano all’Unione Europea.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Lewsi Hamilton rainbow

F1, il Bahrain vuole vietare la bandiera LGBTI+, cosa farà Hamilton in Ferrari?

Lifestyle - Redazione Milano 26.2.24
Sentenza Bari due mamme Gay.it

Tribunale di Roma, sì alla trascrizione del certificato estero con due mamme

News - Redazione 26.2.24
Olivia Rodrigo in bad idea right? (2023)

Olivia Rodrigo è la rockstar (e attivista) che meritiamo: il suo Guts Tour contro le leggi anti-aborto

Musica - Riccardo Conte 26.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

Thailandia, parlamento approva quasi all'unanimità 4 progetti di legge sul matrimonio egualitario - Thailandia parlamento 3 - Gay.it

Thailandia, parlamento approva quasi all’unanimità 4 progetti di legge sul matrimonio egualitario

News - Redazione 22.12.23
L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali - Sessp 11 - Gay.it

L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali

Corpi - Federico Colombo 28.12.23
Fedez in lacrime al governo Meloni: "La salute mentale è un'emergenza, non tagliate il bonus psicologo" - VIDEO - fedez - Gay.it

Fedez in lacrime al governo Meloni: “La salute mentale è un’emergenza, non tagliate il bonus psicologo” – VIDEO

Corpi - Redazione 30.10.23
Tim Walberg, bufera sul repubblicano che difende l'omofoba legge dell'Uganda "Kill the Gay" - Tim Walberg - Gay.it

Tim Walberg, bufera sul repubblicano che difende l’omofoba legge dell’Uganda “Kill the Gay”

News - Redazione 29.12.23
cover-meloni-africa

Vertice Italia-Africa e Piano Mattei: il Governo Meloni stringe accordi con 23 paesi che criminalizzano l’omosessualità

News - Francesca Di Feo 29.1.24
Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: "La nostra società non è pronta" - Marcel Ciolacu - Gay.it

Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: “La nostra società non è pronta”

News - Redazione 24.11.23
Associazioni LGBTQIA+ italiane in piazza per dire basta alla criminalizzazione degli attivisti russi - sit in Russia 8 - Gay.it

Associazioni LGBTQIA+ italiane in piazza per dire basta alla criminalizzazione degli attivisti russi

News - Redazione 11.1.24
Copyright @Danimale_sciolto

Cosa significa decriminalizzare il sex work: oltre lo stigma e la violenza istituzionale

Corpi - Redazione Milano 21.12.23