CGIL, diritti LGBTIQ+ non menzionati nella manifestazione di Sabato 7 ottobre a Roma

Anche dalla piazza della CGIL, in un modo diverso e parallelo a quello della destra, l'Italia sembra guardare da lontano all'Unione Europea.

ascolta:
0:00
-
0:00
Maurizio Landini
Maurizio Landini
3 min. di lettura

Scendere in piazza invocando il rispetto della Costituzione e omettere qualsiasi riferimento a ciò che sta subendo la comunità LGBTIQ+ italiana dalla destra di governo. Forse perché molte persone iscritte alla CGIL sono anziane, e il segretario nazionale del più grande sindacato italiano Maurizio Landini ha timore di irritarle. Forse per evitare qualsiasi mugugno, che si sa che certi comunisti ai gay non li hanno mai potuti vedere. Difficile immaginare sia stata una dimenticanza. È stata una scelta bella e buona. Lasciamo perdere i diritti civili, deve aver detto qualcuno, spaventatissimo. Poi chi li vuole sentire i cattolici, subito ha precisato il più pragmatico. Pensiamo a tenere insieme tutti, sui diritti civili la gente si divide, deve aver aggiunto un’anima del ‘900. Noi ci dobbiamo occupare della povera gente, ha chiuso infine quello che si sente davvero di sinistra. Si tratta di frasi verosimili, e non di virgolettati. Non sono mai state dette, per intenderci.

Eppure diritti sociali e diritti civili sono inscindibili, in una liberal-democrazia. Ma non è poi così chiaro se la CGIL immagini una liberal-democrazia in questa discesa in piazza che, più di una protesta sindacale, ha una – legittima – vocazione politica. Ma poco importa se i diritti sociali e civili sono i due lati della stessa battaglia, come ripete spesso Elly Schlein, che i più recenti sondaggi vedono traghettare il PD in salita, contrariamente ai mugugni di molti.

Sabato 7 Ottobre a Roma la CGIL ha indetto la manifestazione “La via maestra“, in riferimento alla Costituzione. Il costituzionalista notoriamente schierato a sinistra Gustavo Zagrebelsky due giorni fa su Repubblica, in un estratto di anticipazione su quanto dirà Sabato in piazza, ci ha rinfrescato la memoria sulla bontà della Carta, su quanto sia importante la Costituzione. Ebbene, anche nel discorso di Zagrebelsky non si fa menzione della persecuzione alle famiglie omogenitoriali, della mancanza di una legge di aggravante per i crimini basati su odio omobitransfobico, della probabile penalizzazione universale della gestazione per altri con esplicito riferimento ai genitori omosessuali, della mancanza di educazione alle differenze e all’abbattimento degli stereotipi di genere nelle scuole.

La comunità LGBTIQ+ italiana in quanto tale non fa parte delle fragilità che stanno a cuore alla CGIL.

Naturalmente qualsiasi persona LGBTIQ+ sarà benvenuta in piazza a Roma Sabato 7 ottobre. Ma la sua presenza sarà per rivendicare diritto al lavoro, alla salute, all’istruzione, a un ambiente salubre e persino alla pace. Questioni sacrosante. Tuttavia – per evitare forse di sembrare troppo filo-occidentali o addirittura anglosassoni – manca un riferimento ai diritti civili e una specifica menzione per la situazione critica della comunità LGBTIQ+ italiana.

All’articolo 3 della Costituzione è scritto:

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale [cfr. XIV] e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso [cfr. artt. 29 c. 2, 37 c. 1, 48 c. 1, 51 c. 1], di razza, di lingua [cfr. art. 6], di religione [cfr. artt. 8, 19], di opinioni politiche [cfr. art. 22], di condizioni personali e sociali.

E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

In particolare la CGIL nella presentazione del programma (QUI), prende di mira alcune prossime azioni del governo e della maggioranza di destra: l’autonomia differenziata e l’elezione diretta del presidente del consiglio. In generale la CGIL contesta, al disegno politico della destra, il tentativo di sbilanciamento dei poteri nell’architettura delle istituzioni. La CGIL ribadisce il ripudio della guerra.

Dei diritti LGBTIQ+ nessuna menzione. Anche dalla piazza della CGIL, in un modo diverso e parallelo a quello della destra, l’Italia sembra guardare da lontano all’Unione Europea.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
Justin Timberlake Arrestato Ubriaco Gossip Droghe

Justin Timberlake arrestato, guidava ubriaco. Il gossip impazza: “Popper e Truvada nel sangue”. Ma è davvero così?

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24
Cosa significa Rainbow Washing_

Cos’è il rainbow washing, quali forme assume e come evitarlo

News - Francesca Di Feo 20.6.24
meloni orban

35 ambasciate firmano una dichiarazione che condanna le leggi anti-LGBTQ ungheresi. Assente l’Italia

News - Redazione 21.6.24
Tony Effe e Gaia, Sesso e Samba

“Sesso e Samba è diseducativa”: Tony Effe risponde a una mamma che non approva gli ascolti della figlia

Musica - Emanuele Corbo 21.6.24
Studente delle Filippine sgrida il Papa: "Smetta di usare un linguaggio omofobo. Fa male" (VIDEO) - Papa Francesco e Jack Lorenz Acebedo Rivera - Gay.it

Studente delle Filippine sgrida il Papa: “Smetta di usare un linguaggio omofobo. Fa male” (VIDEO)

News - Redazione 21.6.24

Continua a leggere

joe biden pride month 2023 gay pride stati uniti lgbtiq+ trans kids

Joe Biden celebra il Pride Month 2024: “In America siamo tutti uguali, promuovere l’uguaglianza è prioritario”

News - Federico Boni 3.6.24
Poliziotto costretto ad esami psichiatrici per verificare se fosse gay, il Tar condanna il ministero - carcere - Gay.it

Poliziotto costretto ad esami psichiatrici per verificare se fosse gay, il Tar condanna il ministero

News - Redazione 18.4.24
cover-meloni-africa

Vertice Italia-Africa e Piano Mattei: il Governo Meloni stringe accordi con 23 paesi che criminalizzano l’omosessualità

News - Francesca Di Feo 29.1.24
Europee 2024, il Pd e Tarquinio. Lui insiste: "Il DDL Zan non mi piace, sulle unioni civili dico "a ciascuno si dia il suo"" - Marco Tarquinio - Gay.it

Europee 2024, il Pd e Tarquinio. Lui insiste: “Il DDL Zan non mi piace, sulle unioni civili dico “a ciascuno si dia il suo””

News - Federico Boni 5.4.24
Disinformazione e Comunita LGBTIAQ - Distortə, la conferenza organizzata a Roma da EDGE e GayNet

Qual è l’impatto della disinformazione sulla vita delle persone LGBTIAQ+?

Culture - Francesca Di Feo 5.4.24
Gabriel Attal: “Francesi vuol dire poter essere premier rivendicando apertamente la propria omosessualità” - VIDEO - Gabriel Attal 1 - Gay.it

Gabriel Attal: “Francesi vuol dire poter essere premier rivendicando apertamente la propria omosessualità” – VIDEO

News - Redazione 31.1.24
attivista-politica-trans-uccisa-messico

Messico: uccisa a colpi di pistola la politica e attivista trans pronta a candidarsi al Senato

News - Francesca Di Feo 16.1.24
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24