CinemaSTop, gli assistenti gay e omofobi di Un Natale Stupefacente

Ma escono anche il thriller spiraliforme Gone Girl, il buon Jimmy’s Hall e Salvatores

CinemaSTop, gli assistenti gay e omofobi di Un Natale Stupefacente - cinemastop oggi 1 - Gay.it
3 min. di lettura
CinemaSTop, gli assistenti gay e omofobi di Un Natale Stupefacente - cinemastop oggi1 - Gay.it

La coppia gay di SuperG diventa omofoba nel cinepanettone “Un Natale Stupefacente”

Vi ricordate Super Cane e Super Cicala, la coppia di supereroi coatti della spassosa web serie di Flop Tv “Super G”? Ecco, ritroviamo gli attori che li interpretavano, Francesco Montanari e Riccardo De Filippis, ancora in un ruolo gay ma completamente diverso: sono due assistenti sociali omosessuali ma omofobi, “tratteggiati con ironia e delicatezza” secondo Chiara Ugolini di Repubblica, nel trentunesimo cinepanettone targato De Laurentiis, “Un Natale Stupefacente” di Volfango De Biasi. Sono loro ad avere dei dubbi sull’affidamento agli zii (i comici Lillo e Greg) di un bimbo, i cui genitori vengono ingiustamente arrestati per spaccio di marijuana, che nel test psicologico delle macchie di Rorschach, disegna inequivocabili membri maschili.
La critica l’ha accolto in maniera piuttosto benevola, evidenziandone la mancanza di volgarità. Nel cast anche Ambra Angiolini e Paola Minaccioni. Magari non sarà stupefacente ma almeno non stupido…

CinemaSTop, gli assistenti gay e omofobi di Un Natale Stupefacente - gone girl - Gay.it

Gone Girl, il sopravvalutato thriller spiraliforme di Fincher ha problemi di plausibilità

Campione al botteghino con oltre 165 milioni di dollari d’incasso negli USA, l’atteso “Gone Girl” di David Fincher è un sopravvalutato thriller spiraliforme tratto dall’omonimo, fortunato romanzo di Gillian Flynn. L’improvvisa scomparsa dell’ex scrittrice di successo Amy Dunne (Rosamund Pike), del cui omicidio viene accusato il marito Nick (Ben Affleck), gioca sull’accumulo di situazioni a effetto, in particolare sulla cinica invadenza dei media, più che costruire atmosfera e tensione, nello stile di “The Game”, ma con un eccesso di non plausibilità e dialoghi spesso inascoltabili in sospetto di misoginia. L’attore gay Neil Patrick Harris interpreta un ex di Amy a cui tocca una già celebre scena di sesso etero-pulp dalle parti di “Basic Instinct”. Merita una visione ma non aspettatevi il capolavoro che qualcuno decanta.

CinemaSTop, gli assistenti gay e omofobi di Un Natale Stupefacente - jimmys hall - Gay.it

Jimmy’s Hall, il contestato dancing irlandese anni ‘30 nell’onesto dramma di Ken Loach

E intanto Ken Loach non sbaglia un film. Il caro vecchio regista inglese operaista è sempre una garanzia. Anche questo suo nuovo “Jimmy’s Hall”, pur senza raggiungere particolari vette espressive, resta un buon e onesto film in costume sulla storia d’Irlanda già protagonista della sua Palma d’Oro nel 2006, “Il vento che accarezza l’erba”. Nel marzo del 1932, in piena Depressione, Jimmy Gralton (Barry Ward) torna nella contea di Leitrim dopo aver lavorato dieci anni negli Stati Uniti e decide di riaprire il dancing che aveva costruito insieme ad alcuni amici, dove si poteva ballare e seguire corsi di arte e letteratura, pugilato e musica. Ma l’ira del parroco locale, Padre Sheridan (Jim Norton), non si fa attendere. Classico, amabile, ben recitato (Barry Ward ha un carisma magnetico che funziona), inevitabilmente prevedibile.

CinemaSTop, gli assistenti gay e omofobi di Un Natale Stupefacente - il ragazzo invisibile - Gay.it

Il ragazzo invisibile, teen fantasy di Salvatores ambientato a Trieste

Per i più giovani, ma non solo, ecco il nuovo lavoro di Gabriele Salvatores su un tredicenne che, dopo aver acquistato un costume di carnevale in un negozio di cinesi, scopre di avere il superpotere dell’invisibilità. Così il vessato Michele (Ludovico Girardello), figlio della poliziotta Giovanna (Valeria Golino) e orfano di padre, vittima di bulli a scuola e ignorato dalla ragazzina che gli piace, Stella (Noa Zatta) cercherà di sfruttare la nuova dote che gli deriva dalla discendenza di una stirpe di ‘Speciali’ sulle cui tracce c’è gente assai pericolosa… Ambientato a Trieste, conferma la tendenza di Salvatores a specializzarsi nel cinema di genere con particolare attenzione nei confronti delle tematiche adolescenziali.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
Mahmood Ra Ta Ta e marijuana

Mahmood RA TA TA, bimbi senza mamma, una faccia mulatta e la marjuana

Musica - Emanuele Corbo 14.6.24
"C'è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+", intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno - Torino Pride 2023 - Gay.it

“C’è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+”, intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno

News - Francesca Di Feo 13.6.24
Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora - Sephora bigmama - Gay.it

Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora

News - Gay.it 14.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming - ilm queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming

Corpi - Federico Boni 10.6.24
Bridgerton 3 conferma la prima storia d'amore queer con il bacio tanto atteso, ecco chi coinvolge (SPOILER) - BRIDGERTON 305 Unit 03509R - Gay.it

Bridgerton 3 conferma la prima storia d’amore queer con il bacio tanto atteso, ecco chi coinvolge (SPOILER)

Serie Tv - Redazione 14.6.24

Continua a leggere

Carmen Madonia in 'Something You Said Last Night' (2022)

Something You Said Last Night, e la banale quotidianità di una millennial trans

Cinema - Riccardo Conte 6.1.24
The Room Next Door, Tilda Swinton e Julianne Moore per il primo film in lingua inglese di Pedro Almodovar - The Room Next Door Tilda Swinton e Julianne Moore per il primo film in lingua inglese di Pedro Almodovar - Gay.it

The Room Next Door, Tilda Swinton e Julianne Moore per il primo film in lingua inglese di Pedro Almodovar

Cinema - Federico Boni 25.1.24
Tutto ciò che mai avremo: Saltburn, la queerness e l’ossessione di classe - Sessp 16 - Gay.it

Tutto ciò che mai avremo: Saltburn, la queerness e l’ossessione di classe

Cinema - Federico Colombo 2.1.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Joker 2 sarà un musical o no? Budget da 200 milioni e cachet da 12 milioni per Lady Gaga - Joker 2 - Gay.it

Joker 2 sarà un musical o no? Budget da 200 milioni e cachet da 12 milioni per Lady Gaga

Cinema - Redazione 22.2.24
Andrew Scott in Estranei (2023)

Estranei è molto più di una storia d’amore gay

Cinema - Riccardo Conte 27.2.24
Pitch Perfect 4 e un nuovo Mean Girls, parlano Rebel Wilson, Rachel McAdams e Lindsay Lohan - Pitch Perfect 4 e un nuovo Mean Girls parlano Rebel Wilson Rachel McAdams e Lindsay Lohan - Gay.it

Pitch Perfect 4 e un nuovo Mean Girls, parlano Rebel Wilson, Rachel McAdams e Lindsay Lohan

Cinema - Redazione 3.5.24
Intervista a Paul B Preciado - My Biographie Politique

Lə infinitə Orlando che ci donano il caos non binario, utopico e liberatorio: intervista a Paul B. Preciado

Cinema - Giuliano Federico 27.3.24