DDL Zan, 50 associazioni cattoliche: “pericoloso il diritto penale per contrastare l’omotransfobia”

Una richiesta che fa sobbalzare sulla sedia, perché costoro parrebbero chiedere di poter continuare ad aggredire tanto fisicamente quanto verbalmente le persone LGBT, senza dover ricorrere in nessun reato

religione
In un libro Papa Francesco torna a parlare di Chiesa e omosessualità
2 min. di lettura

50 associazioni non profit aderenti al Comitato Polis Pro Persona hanno inviato una lettera aperta ai parlamentari chiedendo loro di affossare il DDL Zan, come riportato da NewTuscia. Nulla di nuovo sotto il sole, se non fosse per i termini utilizzati da codesti signori.

“La proposta di legge Zan sulla cosiddetta ‘omofobia’ o identità di genere rischia di essere pericolosa se basata sul diritto penale come strumento di contrasto al problema”, esordiscono le associazioni. “Per questo chiediamo ai parlamentari di abbandonare questa strada e, alla ripresa dei lavori della Commissione Giustizia della Camera, di non procedere in una trasformazione surrettizia dello Stato italiano di una proposta che a nostro giudizio è foriera solo di grandi insidie sociali”.

Una richiesta che fa sobbalzare sulla sedia, perché di fatto costoro chiedono di poter continuare ad aggredire tanto fisicamente quanto verbalmente le persone LGBT, senza dover ricorrere in nessun reato. Siamo così giunti ben oltre la panzana del ‘diritto di opinione’, smascherando l’omotransfobico che è in loro. Queste 50 associazioni sottolineano come “non si possono governare le intenzioni con una norma penale, ma con l’educazione della libertà. Pretendere che presunte ‘istigazioni’ a non meglio precisate ‘discriminazioni’ divengano reato vuol dire solo delegare la magistratura a giudicare le coscienze, ma anche porre la delazione come strumento di rapporto sociale e ciò significherà minare la tenuta sociale della comunità civile”.

E non è finita qui. “Il confronto fra diverse concezioni dell’uomo”, proseguono, “non può essere mutilato con l’imposizione di una specifica antropologia, ovvero quella cosiddetta gender, imposta per legge, perché ciò significa trasformare la Repubblica in Stato etico e comprimere in modo inaccettabile la libertà di pensiero. Per questo per rispondere in modo adeguato al problema teoricamente posto da chi paventa una crescita dell’”omofobia” vanno esplorate strade normative diverse da quelle dell’inserimento di nuovi reati”.

Di quali eventuali ‘strade normative diverse da poter esplorare‘ parlino, ovviamente, non è lecito sapere.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
maschioroma 28.7.20 - 22:47

La Chiesa Cattolica ci ha abituati a queste previsioni tanto catastrofiche quanto fasulle. All'epoca del referendum sul divorzio ci sarebbe dovuta essere la distruzione della famiglia e della società. Al referendum sull'aborto saremmo tutti precipitati nel peccato e nella condanna divina. Dopo la legalizzazione delle coppie gay sarebbe finito tutto, l'umanià sarebbe implosa. Fortunatamente sono sempre meno quelli che si fanno abbindolare.

Trending

Stonewall Inn, oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate: "Non riuscirete ad intimidirci" - Stonewall Inn oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate - Gay.it

Stonewall Inn, oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate: “Non riuscirete ad intimidirci”

News - Redazione 19.6.24
11 sportivi lgbt

Sport e comunità LGBTIQ+: 14 storie che devi conoscere

News - Gio Arcuri 18.6.24
Drag Race Italia 4 si farà? E se sì, dove andrà in onda? - Drag Race Italia - Gay.it

Drag Race Italia 4 si farà? E se sì, dove andrà in onda?

News - Redazione 20.6.24
X Factor 2024

X Factor 2024 è una bomba, abbiamo visto le audition: le nostre prime impressioni

Culture - Luca Diana 19.6.24
Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: "I ricchi*ni nel forno crematorio" - Carmine Alfano - Gay.it

Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: “I ricchi*ni nel forno crematorio”

News - Redazione 18.6.24
Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: "Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi" (VIDEO) - Guglielmo Scilla 2 - Gay.it

Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: “Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi” (VIDEO)

Corpi - Redazione 19.6.24

Continua a leggere

la-normalita-dell-amore

Il mio libro di risposta a Vannacci: “La normalità dell’amore”, così un ragazzo replica alle retoriche d’odio del generale

Culture - Francesca Di Feo 1.2.24
flavia-fratello-battuta-vannacci

Flavia Fratello replica bene a Vannacci, ma in passato firmò contro il Ddl Zan e diede spazio alla transfobia delle TERF

News - Francesca Di Feo 7.3.24
Monsignor Cozzoli e il vicepresidente Cei in difesa di Papa Francesco: "Non è omofobo, si riferiva a preti gay con compartimenti scorretti" (VIDEO) - Monsignor Cozzoli - Gay.it

Monsignor Cozzoli e il vicepresidente Cei in difesa di Papa Francesco: “Non è omofobo, si riferiva a preti gay con compartimenti scorretti” (VIDEO)

News - Redazione 29.5.24
Salerno, aggressione omofoba al grido "ricchi*ne, uomo di merd*, clandestino di merd*” - Omofobia 10 - Gay.it

Salerno, aggressione omofoba al grido “ricchi*ne, uomo di merd*, clandestino di merd*”

News - Redazione 3.5.24
Russia, il primo caso di "estremismo LGBTQIA+" finirà in tribunale: arrestati manager e direttrice del club queer Pose - VIDEO - russia club pose orenburg - Gay.it

Russia, il primo caso di “estremismo LGBTQIA+” finirà in tribunale: arrestati manager e direttrice del club queer Pose – VIDEO

News - Francesca Di Feo 22.3.24
Viktor Orban - Giorgia Meloni - Ungheria, la legge anti-LGBTI+ ha un impatto devastante sulla nostra comunità

Ungheria, impatto devastante della legge anti-LGBTI+, il rapporto di Amnesty

News - Francesca Di Feo 28.2.24
pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24
omofobia ragazzo giovane gay

Pontedera, 18enne cacciato di casa dopo il coming out: “Niente figli gay, vattene”

News - Francesca Di Feo 27.3.24