DDL Zan in aula in Senato il 13 luglio, è ufficiale – scontro totale tra Pd, 5 Stelle e Italia Viva

"Quindi vuol dire che i Voti Ci Sono. Allora, in trasparenza e assumendosi ognuno le sue responsabilità, andiamo avanti e approviamolo", ha sottolineato Enrico Letta.

DDL Zan in aula in Senato il 13 luglio, è ufficiale - scontro totale tra Pd, 5 Stelle e Italia Viva - DDL Zan senato - Gay.it
3 min. di lettura

Alla fine non c’è stato alcun accordo. Pd, 5 Stelle e LeU hanno rigettato le richieste di modifica presentate questa mattina da Andrea Ostellari, presidente leghista di Commissione Giustizia al Senato che ha chiesto ufficialmente di eliminare completamente le persone trans dal DDL Zan.

Proposta chiaramente irricevibile, ma non secondo Davide Faraone, capogruppo Italia Viva che si è complimentato con Ostellari, perché “la sua proposta è molto diversa da quella della Lega“. “Siamo ad un passo dall’intesa. Se Pd e 5 Stelle rialzano l’asticella per allontanare un’intesa fanno un errore perché mettono a repentaglio la legge“. Peccato che la proposta di Ostellari sia per l’appunto inaccettabile, cancellando l’identità di genere dall’articolo 1 e modificando la giornata mondiale contro l’omotransfobia, che si celebra da decenni in tutto il mondo, in “giornata contro ogni discriminazione“. Una cosa fuori dal mondo, e il tutto per non accettare “l’omotransfobia”.

E se Italia Viva continua il suo giochino allo scaricabarile, provando ad incolpare Pd e 5 Stelle nel caso in cui il DDL Zan dovesse affondare in aula al cospetto dei voti segreti, palazzo Madama ha finalmente votato la sua calendarizzazione, con i renziani al fianco degli ‘ex alleati’ per non passare per quelli che hanno votato contro la calendarizzazione (cit. Faraone). Il tutto al termine di un’altra interminabile discussione in aula tra favorevoli e contrari. Non si può mediare con una proposta che tiene fuori tutte le persone trans. Noi non vogliamo mediare con questo. Noi non abbiamo inventato niente. I termini sono tutti presenti nel nostro ordinamento“, ha tuonato la senatrice Malpezzi, mentre la senatrice di Forza Italia Anna Maria Bernini, a parole spesso vicino alla comunità LGBT nel corso degli ultimi anni, ha ringraziato Ostellari per la proposta del mattino, definendo il DDL Zan una “bandierina”. Tutt’altra pasta rispetto al collega deputato Elio Vito, che dopo aver approvato il DDL Zan a Montecitorio non ha mai smesso di difenderlo, andando contro anche al proprio partito. Via Instagram, la Bernini si è detta favorevole ad una tutela per le persone transgender, chiedendo però di ‘mediare’.

DDL Zan in aula in Senato il 13 luglio, è ufficiale - scontro totale tra Pd, 5 Stelle e Italia Viva - E5oEvSHXMAAMe - Gay.it

È inutile che il Presidente Ostellari continui a rimpallare responsabilità, invitandoci a un dialogo reso impossibile da proposte di mediazione assolutamente irricevibili“, ha sottolineato Monica Cirinnà. “Si tratta infatti di proposte che escludono del tutto la tutela delle persone trans, che sono quelle maggiormente esposte alla discriminazione e alla violenza, come rivelano le statistiche e continui dolorosissimi fatti di cronaca. La nostra posizione resta ferma: andiamo in Aula a viso aperto e diamo all’Italia una legge di civiltà“.
Calendarizzato il Ddl Zan“, ha twittato il segretario Pd Enrico Letta. “Quindi vuol dire che i Voti Ci Sono. Allora, in trasparenza e assumendosi ognuno le sue responsabilità, andiamo avanti e approviamolo“.
Ciascuno si dovrà assumere la responsabilità di dare al Paese una legge contro i crimini d’odio che l’Italia attende da quasi 30 anni“, ha twittato Alessandro Zan. “I voti per approvarla, come conferma l’approvazione del calendario, ci sono”.

Legge contro l’omotransfobia, misoginia e abilismo che arriverà in Senato il 13 luglio prossimo, ore 16:30, come certificato dal voto in aula che ha spaccato la maggioranza. Si andrà definitivamente alla conta. Chi c’è e chi non c’è. Pensare di modificare il DDL già approvato alla Camera eliminando qualsiasi forma di tutela per le persone trans era ed è inconcepibile. Che Italia Viva si ostini a ritenere simili eventuali modifiche come ‘accettabili’ lascia onestamente sconcertati. L’Italia è il Paese europeo con il maggior numero di omicidi di persone transgender, ovvero i più discriminati tra i discriminati. Ipotizzare anche lontanamente di non tutelarle, abbandonandole al proprio destino pur di approvare una legge, è inconcepibile.

A noi non interessa l’approvazione di una brutta legge, discriminatoria e offensiva. C’è bisogno di una legge giusta, che coinvolga tutti, su cui è impossibile mediare. Perché sui diritti, checché ne dicano Renzi, Faraone, Bernini, Ostellari, Bonino, Salvini & Co., è impossibile negoziare.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Franzc Dereck 7.7.21 - 0:36

Andrea Ostellari , padre di Mario e Benedetto , non credo che andrà a letto molto sereno . E mi auguro che quel sorriso impomatato si trasformi in una faccia seria.

Trending

Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24
10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy - ecnv mommy - Gay.it

10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy

Cinema - Federico Boni 24.5.24
BigMama date estive

BigMama parte per il “Pride Tour”: tutte le date per un’estate nel segno dell’orgoglio

Musica - Emanuele Corbo 24.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24

Hai già letto
queste storie?

Vannacci: "L'omofobia è una malattia psichiatrica e io le visite mediche le ho passate sempre tutte" - Vannacci - Gay.it

Vannacci: “L’omofobia è una malattia psichiatrica e io le visite mediche le ho passate sempre tutte”

News - Redazione 23.5.24
Famiglie Arcobaleno alla riscossa in 12 Piazze

Famiglie alla riscossa, festa in 12 piazze in tutta Italia: “Governo ideologico e politica incattivita e populista”

News - Redazione 18.4.24
Leo Varadkar, il primo storico premier gay d'Irlanda si è dimesso: "Ragioni politiche e personali" - Scaled Image 100 - Gay.it

Leo Varadkar, il primo storico premier gay d’Irlanda si è dimesso: “Ragioni politiche e personali”

News - Redazione 21.3.24
francia-proteste-trans

Francia, oltre 10.000 persone in piazza contro il disegno di legge che vieterebbe le terapie affermative per l* minori trans

News - Francesca Di Feo 7.5.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
sondrio-manifesti-pro-vita-risposta-lgbtqia

“Manifesti Pro Vita disumani” la risposta LGBTQIA+ a Sondrio è esemplare

News - Francesca Di Feo 12.12.23
Riccardo Saccotelli, sopravvissuto a Nassiriya: "Io carabiniere gay ho difeso la Patria come Vannacci" - Riccardo Saccotelli carabiniere sopravvissuto alla strage di Nassiriya replica a Vannacci - Gay.it

Riccardo Saccotelli, sopravvissuto a Nassiriya: “Io carabiniere gay ho difeso la Patria come Vannacci”

News - Redazione 9.5.24
Roma, il sindaco Gualtieri registra altri due atti di nascita formati all’estero di figlie di due mamme - Roma sindaco Gualtieri - Gay.it

Roma, il sindaco Gualtieri registra altri due atti di nascita formati all’estero di figlie di due mamme

News - Redazione 22.4.24