DDL Zan, Renzi: “Se si va a scrutinio segreto la legge rischia. Poi se vogliono andare alla conta, ci conteremo”

Dura la reazione dei Sentinelli di Milano, che hanno definito la sua posizione "timida, cerchiobittista e inaccettabile".

DDL Zan, Renzi: "Se si va a scrutinio segreto la legge rischia. Poi se vogliono andare alla conta, ci conteremo" - Zan vs Renzi - Gay.it
3 min. di lettura

DDL Zan, Renzi: "Se si va a scrutinio segreto la legge rischia. Poi se vogliono andare alla conta, ci conteremo" - il giornale - Gay.it

Entro stasera Forza Italia, Lega e Italia Viva sono chiamati a presentare richieste di modifiche al DDL Zan al presidente di commissione giustizia in Senato Andrea Ostellari, per poi discuterne tutti insieme martedì 6 luglio alla ricerca disperata (e impossibile?) di un’ipotesi condivisa.

Nell’attesa Matteo Renzi, leader di Italia Viva, è tornato a parlare di DDL Zan dalle pagine de Il Giornale, ribadendone da una parte l’urgenza e dall’altra la necessità di un ‘accordo’, un punto d’incontro con chi quella legge non la vuole, pur di portarla a casa.

Sui diritti una certa sinistra gode nel fare i convegni e poi farsi bocciare le leggi in aula. È andata cosi sui Dico, sui Pacs e su tutto il resto. Poi siamo arrivati noi e abbiamo fatto le Unioni Civili“, ha ricordato l’ex premier, che nel 2016 mise la fiducia per portare a dama la legge, privata della stepchild adoption a pochi passi dal traguardo causa voltafaccia grillino e richiesta di Angelino Alfano. “Perché per fare passi in avanti sui diritti occorre il dialogo, non la clava”, ha continuato Renzi. “Ormai siamo alle strette in Senato. Noi ci siamo, pronti a fare la nostra parte. Se si va a scrutinio segreto la legge secondo me rischia. Forse conviene a tutti quantomeno andare a vedere le carte. Il Pd deve decidere se andare alla conta rischiando di affossare la legge o tentare un accordo, Salvini deve decidere se emulare Orban o tentare un accordo. Io sono da sempre per l’accordo. In questa fase della mia vita ormai sono più zen che Zan: mi auguro che prevalga il buonsenso, il dialogo, i diritti. E nel mio piccolo do una mano in questa direzione. Poi se vogliono andare alla conta, ci conteremo“.

Una realtà facilmente aggirabile, a voler essere ancor più concreti, perché all’ombra del voto segreto persino la ‘conta’ è impossibile. Se i senatori di Italia Viva garantissero il loro voto al DDL, poi, la legge passerebbe, considerando anche i voti certificati dei senatori del Movimento 5 Stelle, LeU, Pd e autonomie. Non è poi chiaro a quali tipi di ‘accordi’ si riferisca Renzi. Lega e Forza Italia, come più volte ripetuto negli ultimi giorni, vorrebbero mettere mano a tutti gli articoli del DDL Zan già limati, discussi e approvati alla Camera. Smantellare tre di questi articoli, depotenziandoli, escludendo le persone trans dalla legge, cancellando la giornata contro l’omotransfobia dalle scuole. Come si possa fare un accordo dinanzi a proposte tanto impresentabili, rimane un mistero.

Fatto sta che poche ore ancora e le carte saranno finalmente scoperte, sul tavolo. Forza Italia, Lega e Italia Viva presenteranno le proprie proposte emendative, e allora si vedrà a quale gioco stanno giocando tutte le parti in causa, dopo mesi di minacce velate e insostenibili chiacchiere. Il 6 luglio si vota per la calendarizzazione, attesa per il 13. Luglio sarà il mese decisivo per capire se il DDL Zan avrà futuro, dopo quasi 30 anni d’attesa e una cronaca quotidiana ormai costantemente segnata dall’omotransfobia.

A criticare Matteo Renzi sul DDL Zan i Sentinelli di Milano, che hanno definito la sua posizione “timida, cerchiobittista e inaccettabile. Se vuole continuare ad attestarsi come il leader che lavora per i diritti civili faccia passare il DDL Zan esattamente come avvenuto alla Camera, senza modifiche al ribasso. È chiaro a tutti che IV ha oggi una grande responsabilità per il suo peso al Senato. Forti delle manifestazioni che in tutto il Paese proseguono da mesi diciamo che non ci facciamo usare per trattative di Palazzo. Non si gioca a risiko con le nostre vite. Abbiamo cercato una interlocuzione con il gruppo parlamentare e con la Segreteria di Renzi, ma il Senatore non ha ritenuto di voler accettare i nostri ripetuti inviti ad un incontro a causa “chiusura imminente del suo libro”, quindi, poiché il tempo è scaduto, glielo comunichiamo pubblicamente“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard - Xavier Dolan - Gay.it

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard

News - Federico Boni 1.3.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale - olly alexander - Gay.it

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale

Culture - Redazione 1.3.24
stati-uniti-transfobia-omofobia-antisemitismo-e-suprematismo-bianco-dilagano-nelle-fila-del-partito-repubblicano (2)

Stati Uniti: transfobia, omofobia, antisemitismo e suprematismo bianco dilagano nel Partito Repubblicano

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24

Continua a leggere

San Lazzaro di Savena, la sindaca Conti registra il figlio di PierFilippo e Nino: "Non potevo restare indifferente" - San Lazzaro di Savena la sindaca Conti registra il figlio di PierFilippo e Nino - Gay.it

San Lazzaro di Savena, la sindaca Conti registra il figlio di PierFilippo e Nino: “Non potevo restare indifferente”

News - Federico Boni 14.12.23
Belgrado Pride 2023, migliaia di persone in piazza sfidano l'omobitransfobico presidente Vučić - Belgrado Pride 2023 migliaia di persone in piazza sfidano lomobitransfobico presidente Vucic - Gay.it

Belgrado Pride 2023, migliaia di persone in piazza sfidano l’omobitransfobico presidente Vučić

News - Redazione 12.9.23
Alessandro Zan, l'intervista: "Il governo Meloni normalizza l'intolleranza. Dobbiamo tornare ad indignarci, resistere e reagire" - Alessandro Zan - Gay.it

Alessandro Zan, l’intervista: “Il governo Meloni normalizza l’intolleranza. Dobbiamo tornare ad indignarci, resistere e reagire”

News - Federico Boni 19.1.24
Musk ospite di Giorgia Meloni ad Atreju, Crocini: “Lui padre con la GPA ospite di un partito che vuole abolirla” - Giorgia Meloni a Montecitorio con Elon Musk - Gay.it

Musk ospite di Giorgia Meloni ad Atreju, Crocini: “Lui padre con la GPA ospite di un partito che vuole abolirla”

News - Federico Boni 13.12.23
sondrio-manifesti-pro-vita-risposta-lgbtqia

“Manifesti Pro Vita disumani” la risposta LGBTQIA+ a Sondrio è esemplare

News - Francesca Di Feo 12.12.23
elon-musk-gina-carano

Licenziata da Disney per le sue battute omobitransfobiche, Elon Musk pagherà la battaglia legale di Gina Carano

News - Francesca Di Feo 15.2.24
Grecia, l'accorato discorso del premier conservatore Mitsotakis prima del voto sul matrimonio egualitario (VIDEO) - Kyriakos Mitsotakis - Gay.it

Grecia, l’accorato discorso del premier conservatore Mitsotakis prima del voto sul matrimonio egualitario (VIDEO)

News - Federico Boni 16.2.24
Chi è Mike Johnson, il nuovo speaker della Camera Usa che voleva bandire il sesso gay - Mike Johnson 2 - Gay.it

Chi è Mike Johnson, il nuovo speaker della Camera Usa che voleva bandire il sesso gay

News - Federico Boni 27.10.23