Denise Ho, popstar lesbica, arrestata durante una protesta pro-democrazia a Hong Kong

Raid di 200 agenti di polizia e l’arresto di sette membri dei media. Hong Kong nel caos. La cronaca.

Arresti Hong Kong Gay.it
3 min. di lettura

Proteste e scontri con la polizia animano ancora le strade di Hong Kong. L’ultimo, pesante, confronto si è tenuto nella mattinata del 29 novembre quando circa 200 agenti di polizia si sono scagliati contro un corteo pacifico pro-democrazia. La manifestazione era stata organizzata da Stand News, un sito di notizie con sede nella città che da anni lotta a favore della democrazia nella provincia autonoma.

Arresti Hong Kong Gay.it
Le forze di polizia durante la manifestazione organizzata da Stand News

Sono stati in tutto sette gli arresti di persone legate al sito, compreso il direttore editoriale, che ha annunciato nelle ore successive la chiusura di tutti i media a loro legati. «La politica editoriale di Stand News doveva essere indipendente e impegnata a salvaguardare i valori fondamentali di Hong Kong di democrazia, diritti umani, libertà, stato di diritto e giustizia», si legge nell’annuncio d’addio. Le accuse dietro gli arresti sarebbero cospirazione e pubblicazione di materiale sedizioso che, stando alle parole del funzionario n.2 di Hong Kong, John Lee, metterebbero in pericolo la sicurezza nazionale.

Ma non solo giornalisti. Tra i sette arrestati, infatti, è comparsa anche la pop star lesbica Denise Ho, cantante cinese naturalizzata canadese impegnata nell’attivismo a favore dei diritti LGBTQ+ nel Paese. Negli ultimi anni anche membro del direttivo di Stand News, il suo nome è ben noto alle autorità. È stata infatti inserita nella lista nera del governo cinese dopo aver partecipato attivamente nel 2014 alla Rivolta degli Ombrelli – la protesta volta a ottenere il suffragio universale che durò 79 giorni (gli ombrelli furono usati per difendersi dai lacrimogeni lanciati dalla polizia). È anche noto il suo impegno per denunciare le brutalità della polizia, di cui ha testimoniato anche davanti al Congresso degli Stati Uniti.

Denise Ho è stata rilasciata dopo poche ore e il giorno seguente ha fatto sapere tramite i suoi profili social di essere tornata a casa sana e salva. I crimini di cui lei e i membri di Stand News sono accusati, però, rischiano di trasformarsi in una multa di 5,000 dollari di Hong Kong e due anni di prigione.

 

Arresti Hong Kong Gay.it
Denise Ho durante l’arresto

L’azione delle autorità contro la protesta è un diretto risultato della nuova legge sulla sicurezza nazionale promossa dal Partito Comunista Cinese e in vigore da giugno 2020 – questa varata in un tentativo di sedare le proteste che vanno avanti dal 2019. La stampa è stata una dei principali bersagli della legge, tanto che anche un altro sito di news, l’Apple Daily, è stato costretto a chiudere i battenti. «Queste sono le mele marce che stanno abusando della loro posizione semplicemente indossando un falso cappotto da addetto ai media. Sono le persone che danneggiano la libertà di stampa. I professionisti dei media dovrebbero riconoscerlo, dire di no a queste persone e stare lontano da loro», è stata la giustificazione dietro a quella che si può definire una vera e propria repressione della libertà di stampa, anche se i funzionari continuano a negare che qualcosa del genere sia in atto.

D’altro canto, Hong Kong – come tutta la Cina – è conosciuta per non essere completamente liberale nei confronti della comunità LGBTQ+, e Denise Ho è stata una delle prime celebrità della regione a fare coming out nel 2012. Il suo continuo attivismo attivo, poi, l’ha resa una vera e propria nemica dello status quo del Partito, motivo per cui non le è più permesso esibirsi in patria. Si attendono ora ulteriori sviluppi sulla vicenda.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Angelica Schiatti e Morgan

“Insulti, minacce e revenge porn”: la vicenda tra Angelica e Morgan, Calcutta attacca Warner, terremoto nel mondo della musica

Musica - Emanuele Corbo 10.7.24
Il matrimonio del mio migliore amico (1997)

Il tuo fruity boyfriend non ti salverà

Lifestyle - Riccardo Conte 12.7.24
Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: "Per guardare al futuro insieme a lei" - Laika e Michela Murgia - Gay.it

Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: “Per guardare al futuro insieme a lei”

Culture - Federico Boni 11.7.24
Lorenzo Zurzolo Prisma La Storia

Lorenzo Zurzolo tra James Franco ne “Gli Squali”, e Martin Scorsese nel film di Julian Schnabel “La mano di Dante”

Cinema - Mandalina Di Biase 12.7.24
Il murales queer dedicato a Michela Murgia realizzato da Laika per il progetto "Ricordatemi come vi pare" curato da Pietro Turano di Arcigay

“Ricordatemi come vi pare”, non è ancora completato, e il murales queer dedicato a Michela Murgia fa infuriare la destra

Culture - Redazione Milano 7.7.24
Kim Kardashian

Kim Kardashian ha provato lo sperma di salmone (e non è l’unica)

Corpi - Emanuele Corbo 12.7.24

Continua a leggere

Roberto Vannacci: "Sono andato in un locale gay, una serata tranquilla". La replica di Flavia Fratello è virale (VIDEO) - Vannacci Flavia Fratello - Gay.it

Roberto Vannacci: “Sono andato in un locale gay, una serata tranquilla”. La replica di Flavia Fratello è virale (VIDEO)

Culture - Redazione 7.3.24
Alessandro Zan PD Elezioni Europee

Europee 2024, intervista ad Alessandro Zan: “Faremo l’Europa più politica, Meloni come Orban, Vannacci come il Ku Klux Klan”

News - Federico Boni 15.5.24
gran-bretagna-giovani-trans

Scozia, 1 giovane trans su 3 non si sente al sicuro negli spazi pubblici

News - Francesca Di Feo 12.4.24
G7 ospitato dall'Italia a Fasano, la presidente del consiglio Giorgia Meloni scatta un selfie - credit photo: LaPresse

G7, nel testo rispuntano i diritti LGBTIAQ+, censurati “orientamento sessuale, “identità di genere” e “aborto”

News - Redazione Milano 14.6.24
Jack Chambers, ministro irlandese fa coming out: “Con orgoglio dico che sono gay” - Jack Chambers 1 - Gay.it

Jack Chambers, ministro irlandese fa coming out: “Con orgoglio dico che sono gay”

News - Redazione 16.1.24
Finlandia, gay e unito civilmente Pekka Haavisto vola al ballottaggio presidenziale contro Alex Stubb - Pekka Haavisto - Gay.it

Finlandia, gay e unito civilmente Pekka Haavisto vola al ballottaggio presidenziale contro Alex Stubb

News - Federico Boni 29.1.24
deumanizzat-bambin-trans-ideologia

Deumanizzatǝ: quando la vita di unǝ bambinǝ trans vale meno della propaganda di potere

Corpi - Francesca Di Feo 10.4.24
elezioni-taiwan-lgbtqia

Taiwan, il candidato progressista, pro-LGBTQIA+ e indipendentista Lai Ching-te eletto a guida del paese: le implicazioni

News - Francesca Di Feo 15.1.24