“Non vogliamo lesbiche in squadra”: la furia dei conservatori turchi non scalfisce la pallavolista Ebrar Karakurt

"Troppi shorts, troppi abbracci". Dopo la vittoria della Turchia agli Europei di pallavolo, Imam, politici e utenti sui social si sono scagliati contro l'atleta "infedele".

ascolta:
0:00
-
0:00
"Non vogliamo lesbiche in squadra": la furia dei conservatori turchi non scalfisce la pallavolista Ebrar Karakurt - ebrar karakurt turchia omofobia - Gay.it
2 min. di lettura

Ebrar Karakurt, stella emergente della pallavolo turca, è recentemente salita agli onori della cronaca non solo per le sue prodezze atletiche ma anche per essere divenuta, suo malgrado, il fulcro di un dibattito che incrocia sport e  questioni LGBTQIA+. 

Dopo una straordinaria vittoria agli Europei di pallavolo contro la Serbia, una partita che ha fatto palpitare i cuori e riscritto la storia dello sport femminile turco, Karakurt è stata immediatamente messa sotto il fuoco di critiche e attacchi da parte di esponenti islamisti e imam.

Sebbene la pallavolista non abbia mai rilasciato dichiarazioni ufficiali riguardanti il suo orientamento sessuale, è diventata oggetto di attenzione e critica a causa di un caloroso abbraccio con la sua compagna di squadra Melissa Vargas, oltre a essere stata fotografata in diverse occasioni in compagnia di altre donne.

Il messaggio da parte di alcuni utenti e politici conservatori è stato inequivocabile:

Non vogliamo lesbiche in squadra“.

In precedenza, quotidiano filogovernativo e islamista Yeni Akit aveva addirittura definito Karakurt una “vergogna nazionale, mentre oggi anche un noto imam di Istanbul si è unito al coro dei conservatori dopo il match, esprimendo il proprio disappunto per le giocatrici “infedeli” e i “troppi shorts, troppi abbracci“.

Commenti che fanno parte di una più ampia campagna discriminatoria in Turchia, un Paese in cui la tensione tra valori laici e tradizionali è palpabile e si riflette anche nelle posizioni ufficiali, come quelle del presidente Erdogan – che definisce un “pervertito” chiunque si identifichi come queer e inneggia a una fantomatica lotta per difendere i valori tradizionali. Forse ci ricorda qualcuno.

Due giorni fa, infatti, quest’ultimo ha lamentato la presenza di “colori LGBT” negli uffici delle Nazioni Unite – salvo poi l’appunto di alcuni colleghi che gli hanno fatto notare che si trattasse dei 17 colori dello Sviluppo sostenibile.

Ma come ha reagito Karakurt?

Con un’ammirevole compostezza e un pizzico di ironia che ha contribuito a smontare l’odio e la propaganda veicolata contro di lei. “Questa non è la prima finale che giochiamo, né la prima guerra psicologica che affrontiamo“, ha dichiarato.

Ebrar Karakurt non è solo un simbolo di eccellenza sportiva, ma è divenuta un’icona involontaria per la lotta contro pregiudizi e bigottismo.

La vicenda di illumina la persistente battaglia che l* atlet*, LGBTQIA+ e non, affrontano contro stereotipi e preconcetti che esigono una conformità a certi “standard”, oltre a evidenziare come lo sport possa essere sfruttato come ulteriore veicolo per diffondere odio e intolleranza.

Tuttavia, la dignitosa resistenza di Karakurt all’intolleranza rappresenta un segnale che il vento sta cambiando: la nuova generazione è meno incline a “ridimensionarsi” o ad abbassare la testa di fronte a simili manifestazioni di pregiudizio.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: "Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa" - Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni - Gay.it

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: “Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa”

Culture - Redazione 22.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
La Lega presenta una proposta di legge per "vietare l'insegnamento delle teorie gender nelle scuole" - Laura Ravetto - Gay.it

La Lega presenta una proposta di legge per “vietare l’insegnamento delle teorie gender nelle scuole”

News - Redazione 24.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24

Continua a leggere

@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Pasquale Ciano, aggressione omofoba a Sitges: "Ho rischiato di perdere l'occhio" - Pasquale Ciano 2 - Gay.it

Pasquale Ciano, aggressione omofoba a Sitges: “Ho rischiato di perdere l’occhio”

News - Redazione 13.12.23
Jakub Jankto e il coming out: "Non devo più nascondermi, anche con i ragazzi. Ora sono felice" - Jakub Jankto 3 - Gay.it

Jakub Jankto e il coming out: “Non devo più nascondermi, anche con i ragazzi. Ora sono felice”

Corpi - Federico Boni 20.12.23
Jessica Andrade, la lottatrice queer fa suo il record di donna con il maggior numero di vittorie UFC - Jessica Andrade - Gay.it

Jessica Andrade, la lottatrice queer fa suo il record di donna con il maggior numero di vittorie UFC

Corpi - Redazione 16.4.24
Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: "Mi hanno chiamato r*cchiò" - omofobia - Gay.it

Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: “Mi hanno chiamato r*cchiò”

News - Redazione 2.4.24
Russia LGBTI donna arrestata per orecchini rainbow

Russia: iniziano gli arresti alle persone LGBTI+, una donna incriminata per gli orecchini arcobaleno

News - Francesca Di Feo 2.2.24
russia-insegnante-propaganda-lgbtqia

Russia, insegnante si veste da Biancaneve e viene accusato di propaganda LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 28.12.23
St. Vincent e Grenadine, l'Alta Corte conferma: "Il sesso gay è illegale, legge ragionevolmente necessaria" - Caraibi - Gay.it

St. Vincent e Grenadine, l’Alta Corte conferma: “Il sesso gay è illegale, legge ragionevolmente necessaria”

News - Redazione 19.2.24