“Difendere Dio e famiglia”: Meloni sul palco con Orban a Budapest – VIDEO

Dio, identità nazionale e famiglia: Meloni, Orban e l'ultraconservatorismo europeo sempre più compatto.

ascolta:
0:00
-
0:00
meloni orban
meloni orban
3 min. di lettura

In un forum incentrato sulla crescita demografica tenutosi a Budapest, la premier Giorgia Meloni ha condiviso il palco con il Primo Ministro ungherese Viktor Orbán, in un evento che ha attratto un assortimento di figure influenti nell’ambito dell’ultraconservatorismo europeo, tra cui anche la stessa presidente ungherese Katalin Novák.

Con un focus dichiarato su questioni religiose e legate alla famiglia, l’evento è stato ulteriormente rafforzato dalla presenza e dal sostegno di rappresentanti di diverse comunità religiose, tra cui ortodossi, cattolici ed ebrei.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da GAY.IT 🌍🪐✨ (@gayit)

“In Italia stiamo difendendo la famiglia”

Il forum ha avuto come temi focali questioni demografiche, nonché aspetti economici e culturali strettamente legati. Giorgia Meloni ha manifestato una chiara “ammirazione per l’Ungheria citandola come un esempio efficace nella lotta contro la denatalità e lodando un modello invece ampiamente criticato dall’Europa progressista.

[Orban e Novàk] sono entrambi miei cari amici – ha esordito la premier – io credo che oggi abbiamo una grande opportunità non solo per la nostra nazionale ma per tutta l’agenda europea per le sfide demografiche: noi in Italia stiamo difendendo la famiglia, e stiamo avviando un cambiamento culturale. […] Dobbiamo difendere la nostra identità, religiosa e familiare. Dobbiamo difendere i nostri diritti, senza la nostra identità, senza famiglia, siamo numeri e basta. Dobbiamo difendere Dio e gli elementi della nostra civiltà. Ci vogliono convincere che non siamo al passo con i tempi, ma si sbagliano di grosso“.

Viktor Orbán ha risposto con entusiasmo ai complimenti, sottolineando l’importanza della vittoria della destra italiana e la sua ascesa al potere come un segno positivo.

È’ fantastico che la destra italiana abbia vinto e sia andata al governo del Paese. Un governo oggi che difende la famiglia, come ha detto Meloni poi volte, che abbia un padre e una madre. Ringrazio Meloni per essere qui

Ultraconservatori vs Europa

Giorgia Meloni ha posto un’enfasi particolare sull’importanza di “difendere la nostra identità, sia religiosa che familiare“, in linea con le tematiche centrali del forum. Viktor Orbán ha amplificato questo messaggio con la sua critica all’Europa attuale:

[siamo] in mano a una élite liberale e progressista che pensa di sovrascrivere le leggi di natura, come quando ha sostenuto testi sui maschi che possono procreare. L’Unione Sovietica voleva abolire la festa del Natale: anche in Ue hanno scritto un regolamento per evitare di fare gli auguri a Natale perché discriminatorio verso altre religioni. L’Europa dovrebbe occuparsi della demografia, ma non lo fa: perché? Perché hanno hackerato il nostro sistema culturale: hanno detto che esiste nella nostra società solo l’individuo e non c’è altro: non c’è la famiglia, non c’è la patria. Per loro conta solo il desiderio del singolo individuo. A FDL diciamo avanti ragazzi“.

A buttare benzina sul fuoco, l’intervento di Jordan Patterson, psicologo clinico. Patterson ha sottolineato comei bambini possano essere cresciuti solamente da un uomo e da una donna affermando che qualsiasi altra configurazione familiare sarebbe “malsana“:

Divorziati, omosessuali stanno attorno ai bambini ma dobbiamo preservare l’ideale di crescita del bambino. La tolleranza non significa sacrificare l’ideale e la responsabilità che abbiamo. Non possiamo dire ai nostri adolescenti e bambini che tutto è possibile. L’individuo sta bene nella coppia matrimoniale e nella famiglia. E come dicono negli Stati Uniti : una nazione sotto Dio“.

Posizioni che esprimono in maniera chiara l’orientamento ideologico dell’estrema destra occidentale, in ascesa negli ultimi anni.

Le implicazioni per la comunità LGBTQIA+

Sebbene il discorso pubblico dei leader presenti all’evento non abbia toccato esplicitamente questioni legate ai diritti LGBTQIA+, è innegabile che l’implicito rifiuto di riconoscere altre forme di famiglia e identità sessuali o di genere diverse dall’eteronormatività sia una stilettata (poco) indiretta alle famiglie arcobaleno.  

La retorica adottata enfatizza una visione del mondo rigidamente tradizionalista, in cui solo certi tipi di famiglie e di identità vengono ritenuti validi, mettendo così in discussione, anche se in modo non esplicito, la legittimità e i diritti delle famiglie e delle identità LGBTQIA+.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
gioric70 17.9.23 - 19:47

No vabbè ma che dobbiamo leggere! Cosa c'entra Dio.....e magari pure mamma e papà che si gonfiano di botte o toccano i ragazzini o li buttano nei cassonetti! Ah ma tutto questo lo fanno solo i gay perché sono non normali! Gli diamo na frullatina a sti cervelletti eh? Ste considerazioni so aberranti! Fatela finita! Giorgè basta cominci a far sorridere e mi auguro di non farci ridere! Tanto io non partorisco e me ne vanto quindi ne hai uno in meno contro il quale combattere! Ma non hai cose serie delle quali occuparti? Sò romano come te ma di 7 generazioni....datte na regolata che noi gay contribuiamo anche a non far buttare tra la monnezza figli di tante brave donne non so se c'arrivi eh?!

Trending

Bridgerton, la showrunner Jess Brownell annuncia l'arrivo di una storia d'amore queer - BRIDGERTON 302 Unit 00627R - Gay.it

Bridgerton, la showrunner Jess Brownell annuncia l’arrivo di una storia d’amore queer

Serie Tv - Redazione 16.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
L'Unione Europea è la patria dei diritti LGBTQ+, ma sai davvero come funziona? - unione europea gay it 03 - Gay.it

L’Unione Europea è la patria dei diritti LGBTQ+, ma sai davvero come funziona?

News - Lorenzo Ottanelli 8.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Nemo The Code significato e come è nata

Nemo, il magnifico testo non binario di “The Code” è nato così: ecco cosa racconta davvero

Musica - Mandalina Di Biase 13.5.24

Hai già letto
queste storie?

meloni orban

Ungheria, Orban sfida l’UE: “Inammissibile l’ingresso dei propagandisti LGBTIA+ nelle nostre scuole” – VIDEO

News - Redazione 22.1.24
Viktor Orban - Giorgia Meloni - Ungheria, la legge anti-LGBTI+ ha un impatto devastante sulla nostra comunità

Ungheria, impatto devastante della legge anti-LGBTI+, il rapporto di Amnesty

News - Francesca Di Feo 28.2.24
meloni orban

Ungheria, condanna del Parlamento Europeo, ma la destra italiana vota contro

News - Redazione Milano 25.4.24
A Natale con “queer” vuoi, per Pasqua ci aggiorniamo: consigli per le feste - cover - Gay.it

A Natale con “queer” vuoi, per Pasqua ci aggiorniamo: consigli per le feste

Culture - Emanuele Bero 16.12.23
orban ungheria

Come l’Ungheria è diventata illiberale, Orban e l’attacco alla democrazia

News - Lorenzo Ottanelli 1.2.24
meloni orban

Italia al 25° posto su 27 in Europa sui diritti. Peggio di noi solo Ungheria e Polonia. Il report sui singoli voti all’Europarlamento

News - Federico Boni 15.4.24
frasi che non voglio sentire a natale

Le frasi che non vorremmo sentire al pranzo di Natale

Lifestyle - Redazione Milano 15.12.23
Foto da Polina Tankilevitch/Pexels (Vogue)

Ma cos’è davvero una famiglia queer?

Corpi - Redazione Milano 19.1.24