Facebook nei guai: tra blackout e inchieste

L'ex dipendente Frances Haugen smaschera Zuckerberg e la politica aggressiva dei suoi social. «Preferisce il profitto alla salute mentale degli utenti». Come cantava Loredana Bertè nel '93 «siamo ufficialmente dispersi». 

Facebook nei guai: tra blackout e inchieste - Frances Haugen - Gay.it
Frances Haugen
4 min. di lettura

«All’enorme comunità di persone e aziende in tutto il mondo che dipendono da noi: ci dispiace. Abbiamo lavorato duramente per ripristinare l’accesso alle nostre applicazioni e servizi e siamo felici di riferire che ora stanno tornando online. Grazie per averci sopportato».

Termina così, con un tweet da parte del Gruppo Facebook, il più lungo blackout social dal marzo del 2019. Più di sette ore di vuoto, la totale assenza della santa triade zuckerbergh-iana (Facebook, Instagram e WhatsApp). Miliardi di utenti lasciati a loro stessi, nella più acuta desolazione. La disfunzione social svela l’inganno, la solitudine e lo Zeitgeist. 

Ma a chi interessa delle persone? Qui bisogna fatturate! Un grazie per averci sopportato che è costato più di 1miliardo e 100milioni all’economia globale (secondo la piattaforma Netblocks) e circa 5,9 miliardi al patrimonio personale di Mark Zuckerberg. Il titolo, che in Borsa negli ultimi mesi aveva raggiunto il valore più alto dal giorno della sua quotazione, è calato a picco, una discesa vertiginosa nel giro di poche ore. 

Tutto è iniziato circa 24ore fa, quando al programma statunitense 60 Minutes, Frances Haugen – ex dipendente dell’azienda di Menlo Park – ha dichiarato di aver diffuso migliaia di documenti riservati al Wall Street Journal, facendo partire l’inchiesta “Facebook Files”. L’informatrice 37enne ha sbandierato i retroscena di Zuckerberg-Landia, servendo al suo ex capo l’ennesima patata bollente. 

È da anni che Zuckerberg gioca il ruolo di capro espiatorio per gli alti funzionari dello Stato americano. Più volte sotto processo, il Mita dei social network sembra attraversare ora una delle crisi più dure. Haugen in TV ha dichiarato che «Facebook, più e più volte, ha dimostrato di preferire il profitto alla salute mentale degli utenti», aggiungendo che la rivolta di Capitol Hill, avvenuta lo scorso gennaio, sia stata causata in parte dal sistema di algoritmi introdotto nel 2018, che ha aumentato di molto la diffusione delle fake news. Insomma un’isteria collettiva alimentata dal bombardamento social di notizie create ad hoc per infuocare gli animi e spargere paura tra la popolazione, con buona pace delle politiche trumpiane. 

«C’erano conflitti di interesse tra ciò che era buono per il pubblico e ciò che era buono per Facebook», ha continuato Frances Haugen. Secondo le indagini del WSJ l’azienda americana ha sempre scelto di incrementare i propri profitti a discapito del benessere dei singoli e della salute pubblica, quindi della Democrazia. «È più facile infondere nelle persone la rabbia che altre emozioni», ha concluso Haugen.

Lo scorso 15 settembre era apparsa un’altra inchiesta del Wall Street Journal, grazie alle informazioni di una talpa interna al Gruppo Facebook, che metteva in luce gli effetti disastrosi dei social sugli adolescenti. I risultati delle indagini sono stati sconcertanti. «Il 32% delle ragazze adolescenti ha affermato che quando si sentivano male per il proprio corpo, Instagram le faceva sentire peggio». Inoltre sempre in quei giorni il WSJ ha reso pubblici dei documenti che esplicitavano la scarsa attenzione di Zuckerberg&co verso i propri utenti e la tendenza a favorire la diffusione di notizie false per incrementare l’interazione e la crescita dei suoi social. 

Facebook nei guai: tra blackout e inchieste - mark zuckerberg - Gay.it
Mark Zuckerberg a processo

Una catastrofe annunciata, un campo minato su cui Zuckerberg non è passato indenne. Ora Haugen dovrà presentarsi davanti a una sottocommissione del Senato americano, che discuterà sulla «protezione dei giovani online», per testimoniare come persona informata sui fatti. 

L’ex dipendente, diventata già paladina dei piani alti del governo statunitense, ha presentato le dimissioni da Facebook lo scorso aprile, non prima di sottrarre tutte le documentazioni necessarie per far partire le indagini. Assunta a Menlo Park nel 2019, ha lavorato per diversi mesi al Civic Integrity team con il compito di vigilare sulle elezioni politiche nel mondo e analizzare come il social avrebbe potuto essere usato in modo illecito dai governi stranieri.

 

Facebook nei guai: tra blackout e inchieste - 1605422951 anna wiener portrait 1024x681 1 - Gay.it
Anna Wiener, autrice de La valle oscura (Adelphi)

Haugen non è la prima dipendente a ribellarsi alle aziende multimiliardarie di San Francisco. Proprio lo scorso dicembre Adelphi ha pubblicato La Valle Oscura, autobiografia scritta da Anna Wiener che per dieci anni ha lavorato per numerose startup della Silicon Valley. La scrittrice denuncia il totale disinteresse delle aziende informatiche verso il fruitore dei loro prodotti, oltre al forte maschilismo che permea anche questo settore. «Mi fermai sulla soglia e contai le donne. Ce n’erano tre». Wiener mette in luce «il culto dei Big Data», spiegando che le aziende per cui lavorava erano ossessionate dal raccogliere più dati possibili, di qualsiasi tipo, sui propri clienti, per scopi che a lei non venivano spiegati. 

Roberto Calasso definisce questo periodo Innominabile Attuale, dove a trarre profitto dall’indeterminatezza collettiva sono i soli a capo delle aziende californiane che gestiscono tutto l’apparato digitale, nominati da lui settari per l’ingente quantità di denaro a disposizione e scopi comuni apertamente dichiarati.

«Questo stato delle cose potrebbe anche apparire esaltante. Ma si esaltano solo i settari, convinti di tenere il bandolo di ciò che accade. Gli altri – i più – si adattano. Seguono la pubblicità. […] E ovunque urtano gli spigoli di un oggetto che nessuno è riuscito a vedere nella sua interezza. Questo è il mondo normale. […] Ciò che prevale è l’inconsistenza, una inconsistenza assassina. È l’età dell’inconsistenza».

Nel mentre, intellettuali del calibro di Yuval Noah Harari si dichiarano apertamente «Anti Silicon Valley», che sembra suonare come AntiFa.

Il terreno è fertile, urge introdurre nel dibattito pubblico una riflessione ulteriore: ragionare sull’uso e sul consumo dei social e di tutte le piattaforme web e sul cambiamento che quella stretta cerchia di potenti – i così detti Transumanisti – vogliono apportare a livello globale.  Il discorso diviene sempre più complesso, nel mentre navighiamo in un mare di continui input digitali, le acque sono torbide e nessun approdo è visibile. Come cantava Loredana Bertè nel ’93 «siamo ufficialmente dispersi». 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Franzc Dereck 5.10.21 - 17:46

Splendido ! Il potere si riappropria dell'informazione " addomesticata" o , meglio controllata e politically correct.

Trending

Priscilla

Priscilla, 30 anni dopo arriva il sequel della Regina del Deserto

Cinema - Redazione 22.4.24
Taylor Swift per THE TORTURED POETS DEPARTMENT (2024)

Il nuovo album di Taylor Swift: no, non è Patti Smith (ma lei lo sa già)

Musica - Riccardo Conte 22.4.24
Justin Bieber Jaden Smith

Il video del corpo a corpo d’amore tra Justin Bieber e Jaden Smith infiamma gli animi e scatena gli omofobi

Musica - Mandalina Di Biase 22.4.24
BigMama a Domenica In

BigMama: “Prima di Lodovica nascondevo la mia sessualità, non pensavo di meritare amore”

Musica - Emanuele Corbo 22.4.24
Consumo di contenuti p0rn0 con persone trans nel mondo - dati forniti da Pornhub

L’Italia è la nazione che guarda più p0rn0 con persone trans*

News - Redazione Milano 20.4.24
Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria - Lil Nas X - Gay.it

Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria

Cinema - Federico Boni 22.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

india-pranshu-influencer-morto-suicida

Addio Pranshu, a 16 anni si è tolto la vita, ucciso dal cyberbullismo omobitransfobico

News - Francesca Di Feo 27.11.23
Valentina Gomez, la candidata repubblicana che sui social brucia "libri LGBTQIA+" con un lanciafiamme (VIDEO) - Valentina Gomez - Gay.it

Valentina Gomez, la candidata repubblicana che sui social brucia “libri LGBTQIA+” con un lanciafiamme (VIDEO)

News - Redazione 28.3.24
Messico, il presidente Obrador definisce "un uomo vestito da donna" la deputata trans Salma Luevano - Andres Manuel Lopez Obrador - Gay.it

Messico, il presidente Obrador definisce “un uomo vestito da donna” la deputata trans Salma Luevano

News - Redazione 10.1.24
milano-transfobia-consiglio-comunale

Milano, transfobia in Consiglio Comunale da parte del consigliere Lega Samuele Piscina – LINGUAGGIO FORTE

News - Francesca Di Feo 4.3.24
Ron DeSantis abbandona le primarie, appoggia Trump e Biden stanzia 700.000 dollari a favore dei ragazzi trans - Ron DeSantis Trump Biden - Gay.it

Ron DeSantis abbandona le primarie, appoggia Trump e Biden stanzia 700.000 dollari a favore dei ragazzi trans

News - Redazione 22.1.24
Milano, il consigliere comunale Michele Albiani denuncia per stalking attivista LGBT: "3 anni di inferno" - Michele Albiani - Gay.it

Milano, il consigliere comunale Michele Albiani denuncia per stalking attivista LGBT: “3 anni di inferno”

News - Redazione 21.3.24
x-politiche-deadnaming-misgendering

X reintroduce le politiche di moderazione contro deadnaming e misgendering

News - Francesca Di Feo 6.3.24
Francia, il ministro della giustizia si scusa per le leggi omofobe passate. Primo via libera al risarcimento - Parigi rainbow Pride - Gay.it

Francia, il ministro della giustizia si scusa per le leggi omofobe passate. Primo via libera al risarcimento

News - Redazione 14.3.24