Medio Oriente: la campagna anti-LGBTQIA+ che promuove il binarismo

“Con Fetrah osserviamo la realtà della comunità LGBTQIA+ in Medio Oriente e nelle regioni nordafricane"

ascolta:
0:00
-
0:00
fetrah
3 min. di lettura

Si fa un passo avanti e due indietro. Nelle ultime ore, ha fatto scalpore la campagna anti-LGBTQIA+ avviata dall’account twitter Fetrah, volta a promuovere l’idea che lo spettro dell’identità di genere si limiti solo a due opzioni, maschio e femmina.

Fetrah in Arabo significa letteralmente “istinto umano”, ed è una diretta risposta al Pride Month nel Medio Oriente: proprio al termine del mese dell’orgoglio, Fetrah ha cominciato infatti a diffondere la propria ideologia, ma solo negli ultimi giorni è riuscita a catturare l’attenzione internazionale.

La campagna nasce insieme ad altre numerose controversie politiche scoppiate in Arabia Saudita, in particolare quella che ha visto il ritiro di diversi prodotti e articoli d’abbigliamento arcobaleno, colpevoli – secondo alcuni esponenti politici – di promuovere l’omosessualità.

Fetrah è nata dall’idea di tre specialisti di marketing egiziani – molto conosciuti e rispettati nell’ambiente grazie alla loro attività specifica per la promozione di start-up. L’iniziativa ha raccolto in brevissimo tempo migliaia di follower su più piattaforme.

Gli ideatori incoraggiano i propri follower a rifiutare le idee liberali su orientamento sessuale e identità di genere cambiando la propria immagine profilo con quella di una bandiera che riporta i colori rosa e azzurro – maschietto e femminuccia. Insomma, un viaggio nel tempo.

[tweet id=”1544771488468836352″ /]

Meta aveva bannato gli account Instagram e Facebook di Fetrah a inizio giugno, dopo aver riscontrato un sostanzioso following omofobo composto da più di mezzo milione di utenti. Ironico il fatto che, prima di essere bannato, l’account aveva ricevuto la spuntina blu di verifica.

Tuttavia, il movimento non ha interrotto le proprie attività e, anzi, ha proceduto a creare diversi altri account su tutte le piattaforme, continuando a raccogliere entusiasti supporter. Una voce sempre più tonante che ha raggiunto anche l’attenzione internazionale.

Oggi, il profilo Twitter di Fetrah vanta oltre 75.000 follower. Gli attivisti si sono indignati, ed hanno accusato Twitter ancora una volta di non agire in tempo per contrastare fenomeni che contribuiscono a marginalizzare ulteriormente una comunità fragile come quella LGBTQIA+ nei paesi arabi.

fetrah

Mahsa Alimardani, esperta di marketing digitale, è stata la prima a segnalare l’immobilità di piattaforme social network come Meta e Twitter nel contrastare questo tipo di campagne dannose per le minoranze vulnerabili.

L’eccessiva censura potrebbe diventare un problema su alcune piattaforme, ma specialmente su Twitter notiamo che esiste il fenomeno contrario, specialmente quando si parla di molestie e contenuti offensivi rivolti alle comunità vulnerabili” ha dichiarato Alimardani. “Con Fetrah osserviamo la realtà della comunità LGBTQIA+ in medioriente e nelle regioni nordafricane. È indegno che Twitter non stia agendo in fretta per arginare il fenomeno”.

Twitter ha una soglia molto alta quando si parla di contenuti offensivi, e non c’è da stupirsi se qui Fetrah ha avuto l’opportunità di crescere e moltiplicarsi, se consideriamo tutti gli altri contenuti ammessi: video gore, pornografici, violenti e chi più ne ha, più ne metta (non letteralmente).

Diversi altri attivisti per i diritti LGBTQIA si sono mossi per portare alla luce il fenomeno, ma in molti preferiscono rimanere anonimi per ragioni di sicurezza. In Medio Oriente e Nord Africa, la comunità è infatti vulnerabile a reati d’odio anche da parte delle autorità.

Abbiamo sperimentato un’ondata gigantesca di hate speech verso la comunità LGBTQIA+ nei nostri paesi, aumentata in risposta al Pride Month” – ha dichiarato un’attivista. “Twitter si sta prendendo una responsabilità non indifferente nel lasciare che certi fenomeni accadano. Credo che i moderatori non arrivino a realizzare il contesto in cui Fetrah viene perpetrata, e non siano aperti ad ascoltare le nostre preoccupazioni. È una forma di hate speech particolarmente dannosa e pericolosa per l’incolumità delle persone, da queste parti”.

Anche perché dobbiamo ricordarci che Fetrah non è stata creata da persone qualunque, ma da esperti di marketing che sanno come aggirare il sistema d’intelligenza artificiale di Twitter – che limita l’utilizzo di parole offensive.

Senza una politica concreta contro i linguaggi d’odio sulle piattaforme social, questi fenomeni non possono che proliferare.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

triptorelina-famiglie-incatenate-sede-aifa

Triptorelina, le famiglie si incatenano sotto la sede dell’AIFA per protestare il tavolo tecnico e la sua composizione

News - Francesca Di Feo 24.5.24
L'artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché "a scuola diventerebbe gay" (VIDEO) - Bryce Mitchell - Gay.it

L’artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché “a scuola diventerebbe gay” (VIDEO)

Corpi - Redazione 24.5.24
Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: "Solo l'amore conta" - Bari il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme - Gay.it

Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: “Solo l’amore conta”

News - Redazione 24.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Omofobia, condannato a 6 mesi Salvatore Sparavigna. Insultò Antonello Sannino, Presidente Arcigay Napoli - Salvatore Sparavigna - Gay.it

Omofobia, condannato a 6 mesi Salvatore Sparavigna. Insultò Antonello Sannino, Presidente Arcigay Napoli

News - Redazione 29.3.24
Lodi, "mi hanno messo vicino a un tavolo di gay e a un disabile". La replica della titolare alla recensione disumana - pizzeria recensione choc - Gay.it

Lodi, “mi hanno messo vicino a un tavolo di gay e a un disabile”. La replica della titolare alla recensione disumana

News - Redazione 12.1.24
rishi sunak transfobico

Regno Unito, il premier Rishi Sunak torna alla carica contro la comunità trans

News - Francesca Di Feo 6.12.23
Alghero_Omofobia_condanna

Alghero, frasi omofobiche ignobili e persecuzioni a coppia gay: condannato a un anno e a pagare 20.000 euro

News - Francesca Di Feo 25.3.24
Settimo torinese, insulti omofobi sui manifesti del candidato Pd Antonio Augelli: "Fr*cio" - Settimo insulti omofobi manifesti elettorali Antonio Augelli - Gay.it

Settimo torinese, insulti omofobi sui manifesti del candidato Pd Antonio Augelli: “Fr*cio”

News - Redazione 15.5.24
Poliziotto costretto ad esami psichiatrici per verificare se fosse gay, il Tar condanna il ministero - carcere - Gay.it

Poliziotto costretto ad esami psichiatrici per verificare se fosse gay, il Tar condanna il ministero

News - Redazione 18.4.24
uganda uomo arrestato

Uganda, la Corte Costituzionale conferma la terribile legge omobitransfobica

News - Redazione 4.4.24