Florence, la follia selvaggia e ferale di Dance Fever ci salverà

Florence Welch canta le donne in rivolta e canta del loro potere: una confessione mai così intima.

ascolta:
0:00
-
0:00
Dance Fever Gay.it
4 min. di lettura

Essere sdraiati sul lettino di un terapista e concentrarsi su una mosca che vola vicina al soffitto, pensando a tutto ciò che si vorrebbe confessare ma non poterlo proferire, riuscendo a dirlo solo nella propria mente attraverso suoni, immagini e assonanze che hanno il potere di congiurare una febbre a cui non si può rinunciare. È questa la sensazione che si ha ascoltando Dance Fever, il nuovo e quarto album di Florence and the Machine. I suoi fan lo sanno, se è possibile individuare un profeta del nostro tempo, sarebbe sicuramente miss Florence Welch.

Dance Fever Gay.it
La copertina di Dance Fever, quarto album di Florence and the Machine

Dance Fever è una confessione della cantante che, come per l’ultimo album di Adele, canta di cosa significa essere donna, ma aggiunge anche l’autodistruzione, le luci e ombre dell’essere un genere così mutabile e complesso da rendere difficile catturarne le mille sfaccettature. Ma è anche una liberazione, concepita durante il primo lockdown del 2020, quando tutte le emozioni che si trovano al suo interno erano state rinchiuse come in una gabbia.

Dance Fever Gay.it
Florence Welch durante il debutto live di Dance Fever

Nell’immaginario che è ormai il suo marchio di fabbrica – pieno di storie e mitologia, di tragedie e leggende, di colori pastello e di un’aura mistica – per questo album Florence si è ispirata alla coreomania, il fenomeno della “peste della danza” proprio del Rinascimento, ma anche alle tragiche eroine dell’arte preraffaellita, la narrazione gotica di Carmen Maria Machado e Julia Armfield, l’onda viscerale dei film horror folkloristici, da The Wicker Man e The Witch a Midsommar.

C’è qualcosa delle donne che cantano di altre donne, quelle della mitologia greca offese e ferite da uomini che non le voleva ascoltare, che è semplicemente affascinante.

Dance Fever Gay.it
Florence Welch nel photoshoot di Dance Fever

Come Cassandra, che vedeva il futuro ma le cui parole non volevano essere ascoltate, così le tagliarono metaforicamente la lingua, costringendola al silenzio e additandola come pazza. A proposito di uomini e di pazzia, nessuno come Florence riesce a mettere in testo quanto sia accettabile ignorare ciò che gli uomini dicono delle donne così, perché va bene essere sé stesse, libere nella propria follia.

Tutto Dance Fever è caotico e pazzo e strano. Una sorta di tristezza ansiosa lo pervade, insieme alla necessità di una connessione – una di qualsiasi tipo – che si manifesta come vignette gotiche che saltano da un genere all’altro e al dipanarsi di metafore che poco a poco vanno a formare quella candida confessione. Il suo suono è così grande e devastante che sembra inglobare tutto dentro di sé. Ma al centro c’è anche il pubblico, quello di cui Florence necessita: non qualcuno che semplicemente fa il tifo per ciò che dice, ma qualcuno che davvero ascolta, qualcuno che canta in ritorno.

Dance Fever Gay.it
Florence and the Machine: il visual di Dance Fever

Il mondo non è in bianco e nero, e Florence ne è consapevole. Fra i suoi testi e la celebrazione delle donne in rivolta contro un patriarcato che le vorrebbe calme e obbedienti ci sono anche tutto il peso e la fatica di essere così libere. Come nella prima traccia di Dance Fever, King, che diventa allo stesso tempo un inno al potere femminile e un più triste “Io sono un re”.

Un re con una corona di dolore che fissa il vuoto in ampi saloni oscuri, che continua a iniziare guerre nonostante il suo io stia andando nella direzione opposta. “Re” non solo come simbolo di potere, ma anche come l’empia facciata di un regno interiore dilaniato e devastato dalla guerra.

Dance Fever Gay.it
Florence and the Machine e il debutto di Dance Fever: tra confessione e liberazione

Le coordinate in cui si muove la maestosità di Florence and the Machine – scottante e irriverente, capace di far scaturire emozioni e sentimenti selvaggi e ferali – sono il rifiutare le trappole quotidiane in favore di un sogno più grande e tutti i pericoli che quello stesso sogno comporta. Sono i suoi due fermalibri: il sogno irrequieto e l’eventuale distruzione. In mezzo, la speranza e il desiderio di giorni migliori.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24
Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d'America (VIDEO) - Queer Planet Official Trailer - Gay.it

Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d’America (VIDEO)

News - Redazione 21.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: "Ipocriti, scrivevano quanto fossi grassa" - Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni - Gay.it

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: “Ipocriti, scrivevano quanto fossi grassa”

Culture - Redazione 22.5.24
Jason Hackett, il conduttore del tg fa coming out in diretta: "Voglio essere autenticamente me stesso" (VIDEO) - Jason Hackett - Gay.it

Jason Hackett, il conduttore del tg fa coming out in diretta: “Voglio essere autenticamente me stesso” (VIDEO)

News - Redazione 22.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Giornata della Visibilità Lesbica: perché ricordarla

Giornata della Visibilità Lesbica: perché ricordarla

Culture - Riccardo Conte 26.4.24
donne del 25 aprile

Le donne del 25 aprile: combattenti mai più dimenticate

Culture - Riccardo Conte 24.4.24
Andrea Spezzacatena ragazzo dai capelli rosa

Il Ragazzo dai Pantaloni Rosa, al via le riprese del film sulla storia vera di Andrea Spezzacatena

Cinema - Luca Diana 28.4.24
Milena Cannavacciuolo, chiuso il crowdfunding. Raccolti 61.717 euro. "Grazie per l'amore corrisposto" - Milena Cannavacciuolo - Gay.it

Milena Cannavacciuolo, chiuso il crowdfunding. Raccolti 61.717 euro. “Grazie per l’amore corrisposto”

News - Redazione 8.4.24
performativita-omosessuale-donne-etero

Performatività omosessuale: perché due donne etero dovrebbero baciarsi?

News - Francesca Di Feo 30.11.23
Anne Hathaway in Eileen (2023)

Eileen, il film con Anne Hathaway: tra ossessione e donne ‘disgustose’

Cinema - Riccardo Conte 1.12.23
Menunni (FDI): "La maternità torni cool, che le 18enni vogliano sposarsi e fare figli" - VIDEO - Lavinia Mennuni - Gay.it

Menunni (FDI): “La maternità torni cool, che le 18enni vogliano sposarsi e fare figli” – VIDEO

News - Redazione 28.12.23
ILARY BLASI IN 'UNICA' (NETFLIX)

Per sempre dalla tua parte, Ilary

Culture - Riccardo Conte 28.11.23