Gay afgano ustionato dai talebani: “Perché la comunità internazionale LGBT+ si è dimenticata di noi?”

La drammatica storia di Sohil, disperato perché lasciato a vivere l'inferno omofobo talebano.

Gay afgano ustionato dai talebani: "Perché la comunità internazionale LGBT+ si è dimenticata di noi?" - Gay Afghan burned - Gay.it
3 min. di lettura

Sohil è un giovane gay afghano la cui vita è stata gettata nel caos quando i talebani hanno preso il potere lo scorso agosto. Abbiamo raccontato diverse storie in arrivo dall’Afghanistan, con i talebani a caccia di omosessuali per imprigionarli, torturarli, ucciderli. Intervistato da PinkNews, Sahil ha raccontato quanto vissuto in prima persona. Un inferno da vivere “nell’ombra“, nascondendosi come topi dai talebani.

Immagina di avere grandi speranze per la tua vita, hai tutto, e poi un giorno ti svegli e tutto è perso“, ha rivelato a PinkNews. “Ho perso la mia università, ho perso la mia vita, ho perso la mia comunità. Anche i ragazzi con cui ero in contatto, vivono tutti nell’ombra. Si nascondono tutti“. Sohil ricorda quando era solo una “persona normale“, prima che i talebani iniziassero a dargli la caccia perché omosessuale. Era uno studente di medicina che aveva l’ambizione di andar via dall’Afghanistan per costruirsi una vita.

“Vivo come un prigioniero. Vivevo a casa mia con la mia famiglia. Dopo che i talebani mi hanno attaccato, non ho più potuto stare in casa mia perché avrebbero riconosciuto la mia faccia, sapevano chi sono. Adesso vivo in un’altra casa. La mia famiglia non sa della mia omosessualità. Se glielo dico, perderò anche il loro sostegno”.

Sohil è in pericolo di vita. Di recente è stato ustionato con acqua bollente da un talebano. L’attacco si è verificato quando si è recato in un ufficio del governo locale, nel tentativo di ottenere un passaporto e una copia del suo certificato di nascita. “Indossavo solo jeans normali e una maglietta“, ricorda Sohil. “Improvvisamente qualcuno mi ha afferrato la mano. Indossavo una mascherina perché non volevo che nessuno vedesse la mia faccia. Il mio cuore batteva forte. Ho visto che c’era un tizio che aveva una pistola. Mi ha chiesto: ‘Cosa ci fai qui?’. Ho detto: ‘Sono venuto per il mio certificato di nascita’. Ha replicato: ‘Perché indossi quella maglietta? Indossi abiti occidentali’. Ho detto: ‘Sono solo vestiti normali, tutti li indossano’. Sapevo che non si trattava dei miei vestiti. So che in qualche modo aveva identificato che non fossi eterosessuale“.

Sohil continua: “Mi ha portato nel suo ufficio e mi ha chiesto di nuovo: “Perché indossi questo e perché sei qui?”. Ho risposto di nuovo: “Sono venuto per la mia carta d’identità e il mio certificato di nascita”. “Stai mentendo”, ha urlato. “Mi ha schiaffeggiato in faccia e sono caduto a terra. Altri due soldati mi hanno picchiato. Ha chiesto di nuovo: “Chi sei?”. Non ho confessato di essere un attivisti LGBT. Poi mi ha picchiato di nuovo e mi ha preso a calci nello stomaco”. A quel punto il talebano ha preso una teiera piena di acqua bollente e l’ha versata addosso a Sohil, sul suo petto, le spalle, sfregiandolo. “Qualcuno mi ha afferrato la mano e mi ha spinto fuori di lì in qualche modo, non so come. Dopo non sono riuscito a dormire per una settimana“.

Sohil è terrorizzato per il futuro e desidera disperatamente lasciare l’Afghanistan per iniziare una nuova vita lontano dai talebani. È scioccato e deluso dal fatto che il resto del mondo abbia lasciato persone come lui a morire lì, ed è frustrato dalla mancanza di risposta da parte della comunità LGBT+ globale.

Non sappiamo se saremo vivi domani o no“, dice. “Penso che il mondo intero non ci pensi. Penso che la nostra comunità LGBT+ non ci pensi. In due mesi nessuno mi ha contattato… speravo che la nostra comunità LGBT+ ci aiutasse, ma giorno dopo giorno sto perdendo la speranza. Io non so cosa fare. Speravo che la nostra comunità LGBT+ ci aiutasse, ma non c’è nessuno che ci difende. Sono totalmente scioccato, speravo che la comunità LGBTQ ascoltasse la nostra voce, ma sono tutti completamente spariti. Nessuno ci ascolta, nessuno si occupa di noi. In questo momento abbiamo bisogno di più aiuto, non c’è nessuno. Perché si sono dimenticati di noi?“.

10 giorni fa abbiamo intervistato il dottor Ahmad Qais Munhazim, che ci ha riportato i messaggi della comunità LGBT afghana.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Luca Guadagnino parla di Queer: "È il mio film più personale, ci sono scandalose scene di sesso" - luca guadagnino pesarofilmfest 60 22giu2024 ph luigi angelucci 010 - Gay.it

Luca Guadagnino parla di Queer: “È il mio film più personale, ci sono scandalose scene di sesso”

Cinema - Redazione 24.6.24
Tale e Quale Show 2024, primi rumor sul cast. Da Federico Fashion Style alle Karma B e Giulia De Lellis - Tale e Quale Show 2024 - Gay.it

Tale e Quale Show 2024, primi rumor sul cast. Da Federico Fashion Style alle Karma B e Giulia De Lellis

Culture - Redazione 24.6.24
Jonathan Bailey per @orlebarbrown

Jonathan Bailey, chi è l’attore gay sulla bocca di tuttə?

Culture - Luca Diana 22.6.24
Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli - Matteo B Bianchi3 - Gay.it

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli

Culture - Federico Colombo 22.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming - film queer 2 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 24.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

Fabio Tuiach assolto in appello dopo l'iniziale condanna a due anni. La sua non era diffamazione omofoba - Fabio Tuiach a processo - Gay.it

Fabio Tuiach assolto in appello dopo l’iniziale condanna a due anni. La sua non era diffamazione omofoba

News - Redazione 13.6.24
Odio LGBTIAQ social network

L’odio social verso la comunità LGBTQIA+ ha conseguenze nella vita reale, ma Meta, X e TikTok non fanno abbastanza per arginarlo

News - Francesca Di Feo 25.1.24
uganda uomo arrestato

Uganda, la Corte Costituzionale conferma la terribile legge omobitransfobica

News - Redazione 4.4.24
Rossario Lonegro Terapie RIparative - BBC

La Bbc intervista Rosario Lonegro, italiano sottoposto all’orrore delle terapie di conversione: “Il periodo più buio della mia vita”

Corpi - Francesca Di Feo 5.6.24
papa francesco e comunità lgbtq

Papa Francesco torna a insultare e conferma l’esclusione cattolica dei seminaristi gay

News - Francesca Di Feo 12.6.24
grecia-matrimonio-egualitario-proteste

Grecia nel caos omobitransfobico. Weekend di terrore, in 200 aggrediscono coppia trans. Minacce a Kasselakis

News - Federico Boni 12.3.24
Carmine Alfano, il candidato sindaco dopo la frase choc "i gay nei forni crematori" precisa: "Era goliardia" (VIDEO) - Carmine Alfano 1 - Gay.it

Carmine Alfano, il candidato sindaco dopo la frase choc “i gay nei forni crematori” precisa: “Era goliardia” (VIDEO)

News - Redazione 20.6.24
Roberto Vannacci Paola Egonu Matteo Salvini

Vannacci sospeso dall’Esercito Italiano, Egonu lo querela, Salvini lo difende

News - Giuliano Federico 28.2.24