Cecenia: costretti a lasciare il Paese i giornalisti russi che hanno denunciato le violenze contro gli omosessuali

Lo ha annunciato in un'intervista rilasciata al Washington Post la giornalista Elena Milashina.

Cecenia: costretti a lasciare il Paese i giornalisti russi che hanno denunciato le violenze contro gli omosessuali - cecenia 7 - Gay.it
2 min. di lettura

Abbandoneranno la Russia alcuni dei giornalisti di Novaya Gazeta, il quotidiano che ha raccontato l’inferno di torture e uccisioni toccato alle persone sospettate di essere omosessuali in Cecenia. Lo ha annunciato in un’intervista rilasciata al Washington Post Elena Milashina, giornalista investigativa che tra i primi denunciò le violenze cecene.

Il reportage sulla Cecenia si è trasformato, nel giro di pochi giorni dalla sua pubblicazione, in una polveriera pronta ad a esplodere e da allora la redazione di Novaya Gazeta, il giornale che ha raccontato al mondo gli abusi contro i gay compiuti dalle forze dell’ordine cecene, ha subito minacce ed intimidazioni continue.

A raccontarlo ai microfoni della CNN è Elena Milashina, giornalista d’assalto che in passato ha ricevuto un importante riconoscimento per il suo lavoro dallo Human Rights Watch ed è stata invitata alla Casa Bianca dalla famiglia Obama per ritirare il premio International Women of Courage.

Cecenia: costretti a lasciare il Paese i giornalisti russi che hanno denunciato le violenze contro gli omosessuali - elena milashina - Gay.it
Elena Milashina

La giornalista aveva già denunciato il clima di terrore con un’intervista esclusiva a HuffPost Italia:“Abbiamo pubblicato l’articolo il primo aprile e il 2 aprile 15.000 religiosi ceceni hanno annunciato la jihad contro i giornalisti che si sono occupati di questa storia. Hanno detto che abbiamo infangato l’onore della Cecenia e del suo popolo dicendo che tra di loro ci sono dei gay, e che dovremmo essere puniti per questo”.

Una situazione incredibile “che ricorda Charlie Hebdo” ha affermato la giornalista che ora ammette “sono costretta a lasciare il paese per la mia incolumità“. Ma la missione giornalistica di Milashina non si ferma: la donna, che ha lavorato fianco a fianco di Anna Politovskaya prima che venisse uccisa a causa delle sue inchieste, continuerà a denunciare i fatti che avvengono in Cecenia: Ho un sacco di fonti e informazioni, posso continuare il lavoro anche a distanza. […] È la reazione più grande che abbiamo avuto da quando raccontiamo ciò che accade in Cecenia. […] Non si tratta di una o due persone ma centinaia. Personalmente posso affermare che le ondate di repressione in Cecenia stanno diventando sempre più grandi e aggressive”.

Cecenia: costretti a lasciare il Paese i giornalisti russi che hanno denunciato le violenze contro gli omosessuali - ramzan kadyrov 04 - Gay.it

Torturati ed uccisi, nelle cinque prigioni segrete cecene, non sono solo le persone LGBT, ma anche i sospettati di aver simpatia verso l’ISIS,  i tossicodipendenti e tutti coloro che non piacciono al leader ceceno di Kadyrov, come conferma Milashina: Questa è una situazione che ricorda la Germania nazista. La gente viene uccisa a causa della propria razza o della sua religione. È un crimine enorme, e sta accadendo adesso in Russia, a pochi passi dell’Europa“.

Novaya Gazeta non è nuova a minacce e intimidazioni: Anna Politovskaya per le sue inchieste sulle Cecenia fu uccisa di fronte al suo appartamento nel 2006 e la stessa sorte toccò a Anastasia Baburova, assassinata nel 2009. L’inchiesta di Novaya è stata considerata un “insulto alla secolare cultura cecena” e “alla dignità dei suoi uomini”: proprio per questo 24 leader religiosi, davanti a 15mila fedeli, hanno invocato atti di vendetta contro i suoi autori, dovunque essi si trovino“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
Sentenza Bari due mamme Gay.it

Tribunale di Roma, sì alla trascrizione del certificato estero con due mamme

News - Redazione 26.2.24
Eurovision 2024 Eden Golan October Rain

Boicottare Eurovision 2024 e la partecipazione di Israele? “October rain” di Eden Golan va esclusa?

Musica - Redazione Milano 27.2.24
FOTO: LUKE GILFORD

Kim Petras risponde ai commenti sessisti e transfobici: “Siete la piaga del pianeta”

Musica - Redazione Milano 26.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Amici 23, tutti gli allievi al Serale

Amici 23, da Dustin a Holden: tutti gli allievi al Serale

Culture - Luca Diana 25.2.24

Continua a leggere

grassina bullismo omofobia

Firenze, lo insultano e gli lanciano una bottiglia perché gay

News - Lorenzo Ottanelli 6.9.23
Russia, emesso mandato d'arresto per lə giornalista trans no-binary Masha Gessen - Masha Gessen - Gay.it

Russia, emesso mandato d’arresto per lə giornalista trans no-binary Masha Gessen

News - Redazione 12.12.23
san-gregorio-magno-quindicenne-accoltella-il-padre

Ragazzo di 15 anni accoltella il padre che lo “accusa” di essere gay durante una lite domestica

News - Francesca Di Feo 18.12.23
Alessandro Zan ha chiarito con i giornalisti di Report il suo coinvolgimento in B-Proud, azienda che organizza il Padova Pride Village

Alessandro Zan: “Ringrazio Report per l’inchiesta, orgoglioso del Padova Village”

News - Redazione Milano 11.12.23
Russia, arrestate due donne per un bacio e costrette alle scuse pubbliche: “Nuocete alla psiche dei minori” - Russia arrestate due donne per un bacio social e costrette alle scuse pubbliche - Gay.it

Russia, arrestate due donne per un bacio e costrette alle scuse pubbliche: “Nuocete alla psiche dei minori”

News - Redazione 19.2.24
russia lgbt estremisti

Russia, Corte Suprema dichiara estremista il movimento LGBT: escalation persecutoria

News - Redazione Milano 30.11.23
cecenia-salekh-ismail-all-out

Cecenia, persecuzioni LGBTIQ+: Salekh e Ismail sono ancora in carcere dal 2021

News - Francesca Di Feo 14.11.23
Juraj Vankulič Matúš Horváth Juraj Krajčík

Slovacchia, storia di un omicidio queer da parte di un neo-nazista

News - Redazione Milano 3.10.23