Cecenia: costretti a lasciare il Paese i giornalisti russi che hanno denunciato le violenze contro gli omosessuali

Lo ha annunciato in un'intervista rilasciata al Washington Post la giornalista Elena Milashina.

Cecenia: costretti a lasciare il Paese i giornalisti russi che hanno denunciato le violenze contro gli omosessuali - cecenia 7 - Gay.it
2 min. di lettura

Abbandoneranno la Russia alcuni dei giornalisti di Novaya Gazeta, il quotidiano che ha raccontato l’inferno di torture e uccisioni toccato alle persone sospettate di essere omosessuali in Cecenia. Lo ha annunciato in un’intervista rilasciata al Washington Post Elena Milashina, giornalista investigativa che tra i primi denunciò le violenze cecene.

Il reportage sulla Cecenia si è trasformato, nel giro di pochi giorni dalla sua pubblicazione, in una polveriera pronta ad a esplodere e da allora la redazione di Novaya Gazeta, il giornale che ha raccontato al mondo gli abusi contro i gay compiuti dalle forze dell’ordine cecene, ha subito minacce ed intimidazioni continue.

A raccontarlo ai microfoni della CNN è Elena Milashina, giornalista d’assalto che in passato ha ricevuto un importante riconoscimento per il suo lavoro dallo Human Rights Watch ed è stata invitata alla Casa Bianca dalla famiglia Obama per ritirare il premio International Women of Courage.

Cecenia: costretti a lasciare il Paese i giornalisti russi che hanno denunciato le violenze contro gli omosessuali - elena milashina - Gay.it
Elena Milashina

La giornalista aveva già denunciato il clima di terrore con un’intervista esclusiva a HuffPost Italia:“Abbiamo pubblicato l’articolo il primo aprile e il 2 aprile 15.000 religiosi ceceni hanno annunciato la jihad contro i giornalisti che si sono occupati di questa storia. Hanno detto che abbiamo infangato l’onore della Cecenia e del suo popolo dicendo che tra di loro ci sono dei gay, e che dovremmo essere puniti per questo”.

Una situazione incredibile “che ricorda Charlie Hebdo” ha affermato la giornalista che ora ammette “sono costretta a lasciare il paese per la mia incolumità“. Ma la missione giornalistica di Milashina non si ferma: la donna, che ha lavorato fianco a fianco di Anna Politovskaya prima che venisse uccisa a causa delle sue inchieste, continuerà a denunciare i fatti che avvengono in Cecenia: Ho un sacco di fonti e informazioni, posso continuare il lavoro anche a distanza. […] È la reazione più grande che abbiamo avuto da quando raccontiamo ciò che accade in Cecenia. […] Non si tratta di una o due persone ma centinaia. Personalmente posso affermare che le ondate di repressione in Cecenia stanno diventando sempre più grandi e aggressive”.

Cecenia: costretti a lasciare il Paese i giornalisti russi che hanno denunciato le violenze contro gli omosessuali - ramzan kadyrov 04 - Gay.it

Torturati ed uccisi, nelle cinque prigioni segrete cecene, non sono solo le persone LGBT, ma anche i sospettati di aver simpatia verso l’ISIS,  i tossicodipendenti e tutti coloro che non piacciono al leader ceceno di Kadyrov, come conferma Milashina: Questa è una situazione che ricorda la Germania nazista. La gente viene uccisa a causa della propria razza o della sua religione. È un crimine enorme, e sta accadendo adesso in Russia, a pochi passi dell’Europa“.

Novaya Gazeta non è nuova a minacce e intimidazioni: Anna Politovskaya per le sue inchieste sulle Cecenia fu uccisa di fronte al suo appartamento nel 2006 e la stessa sorte toccò a Anastasia Baburova, assassinata nel 2009. L’inchiesta di Novaya è stata considerata un “insulto alla secolare cultura cecena” e “alla dignità dei suoi uomini”: proprio per questo 24 leader religiosi, davanti a 15mila fedeli, hanno invocato atti di vendetta contro i suoi autori, dovunque essi si trovino“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: "È rainbow washing", ma è davvero così? Abbiamo indagato - Roma ecco il primo treno metro rainbow con i colori della Pride Progress VIDEO 2 - Gay.it

Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: “È rainbow washing”, ma è davvero così? Abbiamo indagato

News - Francesca Di Feo 14.6.24
Alex Wyse in concerto

Alex Wyse contro i pregiudizi: “Siate liberi di essere ciò che siete. Nessuno può porci confini”

Musica - Emanuele Corbo 13.6.24
Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l'omofobia - Dennis Gonzalez - Gay.it

Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l’omofobia

Corpi - Redazione 13.6.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Maluma, Leto, Scilla, Ghali, Mendes e tanti altri - specchio specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Maluma, Leto, Scilla, Ghali, Mendes e tanti altri

Corpi - Redazione 14.6.24
Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora - Sephora bigmama - Gay.it

Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora

News - Gay.it 14.6.24
Bridgerton 3 conferma la prima storia d'amore queer con il bacio tanto atteso, ecco chi coinvolge (SPOILER) - BRIDGERTON 305 Unit 03509R - Gay.it

Bridgerton 3 conferma la prima storia d’amore queer con il bacio tanto atteso, ecco chi coinvolge (SPOILER)

Serie Tv - Redazione 14.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

Rizvan Dadayev, dopo mesi di torture un ragazzo gay ceceno è finalmente riuscito a lasciare la Russia - Rizvan Dadayev - Gay.it

Rizvan Dadayev, dopo mesi di torture un ragazzo gay ceceno è finalmente riuscito a lasciare la Russia

News - Redazione 23.1.24
afghanistan-persone-transgender

L’Afghanistan a 3 anni dall’ascesa dei talebani: stupri, torture e violenze all’ordine del giorno per le persone transgender

News - Francesca Di Feo 2.4.24
Russia LGBT - terapia riparativa

Russia: “curare le persone LGBTI”, smascherati 12 enti che operano indisturbati tra abusi fisici, sessuali e psicologici

Corpi - Francesca Di Feo 5.3.24
russia-manifestazione-all-out-roma

Russia, manifestazione globale di All Out il 16 marzo contro la persecuzione sistematica della comunità LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 13.3.24
Russia elezioni 2024 Cecenia Vladimir Putin Ramzan Kadyrov

Russia, la Cecenia dell’omocausto ha dato a Putin un plebiscito mai visto

News - Francesca Di Feo 18.3.24
Palermo aggressione omobitransfobica

Palermo, aggressione omobitransfobica, anche da parte di minorenni: “Se denunciate vi ammazziamo”

News - Francesca Di Feo 22.1.24
arezzo-whynot-chiuso

Arezzo, chiusa la serata queer WhyNot per troppi episodi di violenza verbale omobitransfobica

News - Francesca Di Feo 21.3.24
Russia, il regime di Putin durerà almeno fino al 2030. Vinte le elezioni farsa con l'88% dei voti - cover Putin1 - Gay.it

Russia, il regime di Putin durerà almeno fino al 2030. Vinte le elezioni farsa con l’88% dei voti

News - Redazione 18.3.24