Governo Draghi? Sembra il Berlusconi V

3 ministeri alla Lega e 3 a Forza Italia. Draghi resuscita Brunetta, Gelmini e Carfagna, con la novità Cartabia, vicinissima a Comunione e Liberazione e dichiaratamente contraria ai matrimoni gay, alla giustizia. Tanto pessimismo e fastidio.

Governo Draghi? Sembra il Berlusconi V - Governo Draghi - Gay.it
3 min. di lettura

23 ministri, nove dei quali già presenti nel precedente governo. 8 tecnici e 15 politici, 15 uomini e otto donne, ma soprattutto 3 ministri a Forza Italia 3 alla Lega, 3 al Pd, 4 al Movimento 5 Stelle, uno a Italia Viva e uno a LeU. Il giuramento è fissato per le ore 12.00 di sabato 13 febbraio al Quirinale.

Il Governo Draghi è appena nato, dopo 10 giorni di consultazioni, ma sembra di assistere al Berlusconi V, il ritorno dei sopravvissuti. Matteo Renzi, con quello che molti visionari hanno definito ‘capolavoro politico’, è riuscito nella titanica impresa di resuscitare Renato Brunetta, Mara Carfagna e Maria Stella Gelmini, mantenendo alle Pari Opportunità una sua ministra, Elena Bonetti, che negli ultimi 12 mesi non ha speso una parola pubblica in favore della legge contro l’omotransfobia, la misoginia e l’abilismo. Non una parola persino il giorno delle sue dimissioni, il mese scorso. Contrario al Conte Ter dopo aver fatto cadere il Conte II, Renzi ha con piacere accettato un Governo con 9 ministri del vecchio criticato Governo, 6 novità di centrodestra e senza il tanto chiacchierato MES. Eppure, parole sue su Twitter, si tratterebbe di una “squadra di alto livello“. Spiace constatare anche la cecità assoluta di Nicola Zingaretti, che ha annunciato sostegno “leale e convinto” al nuovo Governo, e del Partito Democratico, finito in un più che probabile tritacarne politico dal quale rischia di uscirne malconcio. Fa rumore poi la totale assenza di ministre donne.

Chi esulta è Matteo Salvini, grazie agli innesti dei leghisti Erika Stefani, neo ministra delle Disabilità, Massimo Garavaglia, ministro del turismo, e Giancarlo Giorgetti, ministro dello sviluppo economico, mentre Marta Cartabia, a fine 2019 eletta presidente della Consulta, è stata nominata ministro della giustizia. Vicinissima a Comunione e Liberazione, Cartabia ha in passato espresso opinioni assai contrarie ai nostri diritti, facendo anche distinzioni tra famiglie ‘tradizionali’ e non. Nel 2011, dinanzi ai matrimoni egualitari a New York, la presidente della Consulta scriveva un articolo di suo pugno intitolato “Matrimonio a ogni costo, la pretesa dei falsi diritti”.

Immaginare un Governo simile condurre in porto il DDL Zan, legge parlamentare e non governativa ma pur sempre da indirizzare, pare onestamente un sogno difficilmente realizzabile. La legge è attesa al Senato dopo l’approvazione alla Camera di fine 2020, ma con 6 ministri di (centro)destra al Governo sarà complicato ipotizzare un DDL uscire eventualmente intatto, immacolato, da Palazzo Madama,  perché qualsiasi cambiamento costringerebbe la legge a tornare a Montecitorio. A parole Carfagna ha appoggiato il DDL, per poi mancare al voto del 4 novembre scorso, a differenza delle colleghe di partito Giusi Bartolozzi, Renata Polverini, Stefania Prestigiacomo, oltre ad Elio Vito e Matteo Perego, in parlamento tutti a favore della legge.

L’impressione, a caldo, è che il fantomatico Governo di ‘alto profilo’, inizialmente raccontato come puramente tecnico, si sia pericolosamente trasformato in un’accozzaglia di volti che faticosamente avevamo provato a dimenticare, qui inspiegabilmente costretti a coesistere. L’unica a sfregarsi le mani, perché in solitaria all’opposizione, libera di sbraitare contro tutto e tutti aspettando  placida sulla riva del fiume, è Giorgia Meloni, pronta a passare all’incasso quando si tornerà al voto.

Governo Draghi

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO a Mario Draghi.
MINISTERO DELL’INTERNO a Luciana Lamorgese.
MINISTERO DEGLI ESTERI a Luigi Di Maio.
MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA a Marta Cartabia.
MINISTERO DELLA DIFESA a Lorenzo Guerini.
MINISTERO DELL’ECONOMIA a Daniele Franco.
MINISTERO DELLA TRANSIZIONE ECOLOGICA a Roberto Cingolani.
MINISTERO DELLA TRANSIZIONE DIGITALE a Vittorio Colao.
MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO a Giancarlo Giorgetti.
MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E TRASPORTI a Enrico Giovannini.
MINISTERO DELLO TURISMO a Massimo Garavaglia.
MINISTERO DEL LAVORO ad Andrea Orlando.
MINISTERO DELL’AGRICOLTURA a Stefano Patuanelli.
MINISTERO DELLA CULTURA a Dario Franceschini.
MINISTERO DELLE POLITICHE GIOVANILI a Fabiana Dadone.
MINISTERO DELL’ISTRUZIONE a Patrizio Bianchi.
MINISTERO DELL’UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA a Maria Cristina Messa.
MINISTERO DELLA P.A. a Renato Brunetta.
MINISTRO DELLA SANITÀ a Roberto Speranza.
MINISTERO DELLA FAMIGLIA E DELLE PARI OPPORTUNITÀ a Elena Bonetti.
MINISTERO PER I RAPPORTI CON IL PARLAMENTO a Federico D’Incà.
MINISTERO PER GLI AFFARI REGIONALI E PER LE AUTONOMIE a Maria Stella Gelmini.
MINISTERO PER IL SUD E PER LA COESIONE TERRITORIALE a Mara Carfagna.
MINISTERO PER LA DISABILITÀ a Erika Stefani.
SOTTOSEGRETARIATO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO a Roberto Garofoli.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
valium 13.2.21 - 19:39

Quanto pessimismo! Avrei sinceramente preferito un governo di soli tecnici, ma se si fa un governo politico istituzionale è chiaro che devono essere rappresentate equamente tutte le forze politiche (poi possiamo parlare del vecchiume tirato fuori da FI, ma se Silvio non rinnova la classe dirigente da 10 anni il risultato è questo). Inoltre vorrei ricordare che abbiamo la Bonetti e non la Binetti e che al Senato abbiamo ancora tutti i numeri per calendarizzare e far passare la legge. A livelli ministeriale lo stampo è molto europeista e il PD a conti fatti ha molti incarichi di peso rispetto a qualche ministro senza portafoglio. Infine ricordo che le preoccupazioni sulla composizione politica del governo non e ha avute la destra, ma M5S e LEU, se abbiamo un governo draghino invece del dragone lo dobbiamo anche a questo.

Avatar
bacibaci 13.2.21 - 10:01

1) un governo Berlusconi V in cui Berlusconi ha 3 ministri su 25? Mah...prima contare e poi, sulla base dei numeri, formulare un giudizio? 2) il governo Draghi, lo avevano detto tutti che sarebbe stato un governo misto, cioè con tecnici e con politici. 3) che ministri politici ci si aspettava? Draghi ha preso quello che avevano da offrire i partiti, se il m5s offre cialtroni come Di Maio etc, si è dovuto prendere Di Maio e simili, e lo stesso vale per gli altri partiti, compresa forza It. Che ministri politici di alto profilo hanno da offrire il m5s, forza It, etc? E allora di cosa ci si stupisce? 4) Renzi ha fatto cadere il Conte bis, si può essere d'accordo o in disaccordo su ciò, ma non si può imputare a Renzi questo o quel Ministro. Se non piace il governo Draghi il m5s il pd etc non gli votino la fiducia. Renzi non può obbligare il m5s, il pd etc a sostenere e a dare la fiducia a questo governo, dunque se non si vuole il "Berlusconi V" basta non votarlo invece che tirare in ballo Renzi. Se lo voti, questo o quel ministro ce lo ritroviamo per responsabilità tua che questo governo lo voti. Troppo comodo dire: voto il governo Draghi con la Gelmini Ministro ma la colpa è di Renzi. No, Renzi non ha il potere di dire agli altri cosa votare. Tirare in ballo Renzi significa essere faziosi, significare negare la responsabilità del partito amico che voterà un governo con la Gelmini ministro e dare la colpa al politico che non piace.

Avatar
Franzc Dereck 12.2.21 - 22:32

Quello che in matematica si dice " prova provata" : anche La Mummia ( cosi' Di Maio definì Mattarella ) ha dovuto mettere un Garante / Fantoccio a capo del Governo . I fili li tirano a Bruxelles i grandi banchieri che hanno incoronato una loro creatura. Il peggio sarà per i pensionati e la classe medio/bassa . Non accenno neanche a noi , poveri Gay , ci manca solo che ci levino quello straccetto di Unioni Civili.

Trending

Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Alberto De Pisis

Alberto De Pisis, tra carriera, amori e speranze per il futuro: “Mi piacerebbe diventare papà” – intervista

Culture - Luca Diana 28.2.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Si conoscono da bambini ad una festa, 26 anni dopo si sono fidanzati. La bellissima storia di Kenny e Aaron - La bellissima storia di Kenny e Aaron - Gay.it

Si conoscono da bambini ad una festa, 26 anni dopo si sono fidanzati. La bellissima storia di Kenny e Aaron

Culture - Redazione 29.2.24

Hai già letto
queste storie?

Angelica Ross di Pose e AHS annuncia che "lascerà Hollywood" per buttarsi in politica - Angelica Ross di Pose - Gay.it

Angelica Ross di Pose e AHS annuncia che “lascerà Hollywood” per buttarsi in politica

Cinema - Redazione 26.9.23
sondrio-manifesti-pro-vita-risposta-lgbtqia

“Manifesti Pro Vita disumani” la risposta LGBTQIA+ a Sondrio è esemplare

News - Francesca Di Feo 12.12.23
elly schlein partio democratico

Elly Schlein: “Meloni ha giù fallito, l’alternativa è l’eguaglianza”

News - Redazione Milano 11.11.23
THE GENDER SPECTRUM COLLECTION

Regno Unito, transfobia in ospedale: donne trans bandite dai reparti femminili

Corpi - Redazione Milano 4.10.23
Florida legge anti-LGBT Gay.it

Roma, il Comune ipotizza corsi LGBTQIA+ nelle scuole. E la destra attacca

News - Redazione 20.10.23
L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: "Chiederò spiegazioni a Bruxelles" - Leurodeputata leghista Basso - Gay.it

L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: “Chiederò spiegazioni a Bruxelles”

News - Redazione 8.1.24
gesù natale impatto ambientale

Natale: caro Gesù Bambino, la celebrazione della tua venuta è un disastro per il pianeta

News - Giuliano Federico 15.12.23
Cher al fianco della comunità trans in vista delle elezioni USA del 2024: “Dobbiamo restare unitə” - cher 1536x1004 1 - Gay.it

Cher al fianco della comunità trans in vista delle elezioni USA del 2024: “Dobbiamo restare unitə”

Musica - Federico Boni 19.10.23