Tra moda e cinema: Hari Nef è l’icona trans della nostra generazione

Musa dei più grandi stilisti, la modella e attrice è stufa di spiegare la sua identità.

Tra moda e cinema: Hari Nef è l'icona trans della nostra generazione
Hari Nef modella e attrice transgender volto della nuova campagna di JW Anderson
4 min. di lettura

Il mio angolo preferito su Instagram è il profilo di Hari Nef.
Se è vero che attraverso il nostro feed possiamo evocare un mondo fatto di influenze ed epoche incollocabili, l’Instagram di Hari Nef per me non ha tempo o spazio: è un film di David Lynch, un personaggio nella Trilogia dell’Incomunicabilità di Antonioni, una febbre del sabato sera sotto le luci al neon del locale. Potrebbe essere il mio film preferito, una mostra d’arte contemporanea, o un sogno ad occhi aperti dove riposare la mente. Un angolo dove le persone queer possono essere rivoluzionarie semplicemente esistendo nel mondo e facendo quello che vogliono, senza il bisogno di alzare la voce o fornire ulteriori spiegazioni. 

A soli 24 anni, Hari Nef è stata la prima modella transgender a firmare un contratto per IMG Models, tra le agenzie di moda più importanti in circolazione, e a finire sulla cover di British Elle. Dal 2017 in poi Nef è diventata uno dei volti principali per L’Oreal, American Vogue, Gucci, e mille altri brand che non sto qui ad elencarvi. In questi giorni potreste vederla tappezzata su un cartellone a ruote in giro per Milano come protagonista della collezione FW22 di JW Anderson.


Nel lookbook scattato da Jurgen Teller, Nef interpreta diversi personaggi e archetipi cinematografici, con reference a Carrie di Brian De Palma o il cartone animato Run Hany, coronando il sogno di collaborare con uno dei suoi più grandi punti di riferimento: “Ho sempre amato il suo lavoro, in particolare la collezione maschile autunno\inverno 2013″ racconta a Vogue: “La maniera in cui Jonathan mischiava elementi maschili e femminili ha toccato qualche corda dentro di me. Era ancora prima che la fluidità di genere diventasse un topic alle sfilate, e ha scosso il mio mondo fortemente. Ha cambiato interamente il mio sguardo verso la moda”.

Tra moda e cinema: Hari Nef è l'icona trans della nostra generazione - 11.width 2880 4ceZsSnRCfwMtBWz - Gay.it
Hari Nef per la nuova collezione autunno-inverno di JW Anderson.

In parallelo alla carriera da modella, Hari Nef è anche attrice: tra i piccoli grandi ruoli, nel 2015 ha recitato nella serie Transparent nel ruolo di Bex, nel 2018 si è unita al cast di Assassin Nation, è stata Blythe in YOU su Netflix. Nell’episodio 10 di And Just Like That, reboot 2022 di Sex And The City, interpreta Rabbi Jen, chiamata ad inaugurare il “they-mitzvah” del figlio non binary di Charlotte. Un ruolo che per Nef significa qualcosa di più: fan della serie da quando andava al liceo, una volta trasferita a New York Sex And The City diventò per lei “un asintoto, una guida su come essere una donna in città“. Nef si assorbe di personaggi femminili, li celebra nelle sue Instagram Stories – da Isabelle Huppert a Monica Vitti – rendendoli quasi dei totem preziosi dentro un’industria che sin dall’alba dei tempi è abituata a feticizzare il corpo di una donna, ancor più se transgender.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @harinef

Se sono troppo glam, graziosa, e lucidata le persone mi chiedono: perché non parli mai di questioni importanti?” dichiarò in un’intervista per Vanity Fair nel 2018: “Se mi metto a parlare di questioni importanti mi chiedono: ma non potresti fare solo l’attrice?“. In un’epoca dove anche l’attivismo sembra essere valido solo se performato, Hari Nef preferisce mostrare più che dimostrare: “Di tutte le tematiche di cui le persone parlano e discutono [sull’identità di genere, rappresentazione trans, essere una donna trans nel mondo della moda e del cinema], voglio parlarne attraverso il mio lavoro, ed è l’unico contesto in cui continuerò a parlarne”.

Pur considerandosi una “cattiva attivista“, Nef è schietta e per nulla passiva davanti le ingiustizie che ha visto tra industria e società (tra le varie iniziative, ha collaborato insieme al National Centre for Trans Equality – la più grande organizzazione statunitense a difesa delle persone transgender – e partecipato ad un TED Talk sul ruolo della femminilità nell’identità transgender) , ma l’intera conversazione dei media mainstream sulla transessualità è per lei un “festival della noia e un vicolo cieco”.

La prima cosa che c’è scritta sulla mia pagina riguarda la mia identità.” ha dichiarato nel 2016 in un’intervista per The Guardian: “È qualcosa che odio. Non perché sia irrilevante, so che buona parte della mia esposizione sia dovuto anche a quello, ma voglio credere in molto di più. Non voglio che diventi chissà che cosa. La mia identità definirà sempre la mia esperienza e modellerà la mia percezione. Ma sono una persona come mille altre. Più ci fissiamo su questo argomento e meno, in quanto comunità ci sentiremo normali e al sicuro nella quotidianità di tutti i giorni. Ho solo voglia di ordinare da mangiare e, non so, andare ad un appuntamento.”

 

Tra moda e cinema: Hari Nef è l'icona trans della nostra generazione - 1421792 800w9a2527cd50634201ac47b4ba5652c552 - Gay.it
@harinef

 

 

 

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24

Hai già letto
queste storie?

kay attivista lgbtqia india transgender

Delhi, autobus gratuiti per la comunità trans. “Ma senza documenti come identificheranno gli uomini trans?”

News - Federico Boni 9.2.24
chi-segna-vince-jaiyah-saelua

“Chi segna vince”, la storia della prima donna transgender a giocare in una nazionale di calcio

Corpi - Francesca Di Feo 11.1.24
Dylan Mulvaney Blue Christmas

Il Blue Christmas transgender di Dylan Mulvaney è una bomba

Musica - Mandalina Di Biase 18.12.23
pronomi comunuità lgbtqia+ chiamami con il mio pronome

“Chiamami con il mio pronome”, perché i pronomi sono importanti per le persone LGBTIQA+?

Guide - Redazione Milano 16.11.23
Isobel Jeffrey si è sottoposta ad un intervento chirurgico di riassegnazione di genere a 80 anni - Isobel Jeffrey - Gay.it

Isobel Jeffrey si è sottoposta ad un intervento chirurgico di riassegnazione di genere a 80 anni

News - Redazione 24.11.23
Jeremy Allen White (Calvin Klein)/ Gerrard Woodward (BRLO)

E se lo spot con Jeremy Allen White fosse interpretato da un uomo bear?

Corpi - Redazione Milano 2.2.24
@ludovicadesantis_pht

Any Other e il diritto di ricordare, l’intervista

Musica - Riccardo Conte 31.1.24
Orlando Pride 2023, in 200.000 a sfidare Ron DeSantis con una ragazzina trans di 11 anni in prima fila - Dempsey Jara Orlando Pride - Gay.it

Orlando Pride 2023, in 200.000 a sfidare Ron DeSantis con una ragazzina trans di 11 anni in prima fila

News - Redazione 24.10.23