Foto

I volti e le storie dell’Onda Pride: Marco e Davide

Mancano due giorni al Roma Pride: in piazza per i diritti troverete anche Mauro e Davide.

I volti e le storie dell'Onda Pride: Marco e Davide - ondapride 7 volti bs - Gay.it
3 min. di lettura

Siamo quasi alla vigilia del Roma Pride, altra tappa dell’Onda arcobaleno che fino all’1 agosto coinvolgerà tutta Italia. E in attesa della parata capitolina di sabato 13, una delle più attese, continuiamo il nostro viaggio tra i volti e le storie dei testimonial della campagna #Human Pride. Coppie omosessuali, gay, lesbiche, trans, madri, figli: persone comuni che scenderanno in piazza per urlare che “è una questione di diritti” e di uguaglianza.
Oggi vi raccontiamo la storia di Mauro e Davide, che abbiamo già conosciuto nel giorno del loro matrimonio nella chiesa Valdese di Roma.

Iniziamo dalla fine: Mauro e Davide, al momento, sono in “viaggio di nozze”. Ma per spiegare il motivo di queste virgolette, e del perché sarebbe proprio arrivato il momento di toglierle, bisogna fare qualche passo indietro e andare per ordine. Perché le parole sono importanti, ma non dovrebbero essere più importanti delle persone.

Il primo appuntamento di Mauro e Davide risale a cinque anni fa. Anche il secondo. Poi, per sei mesi, più nulla. “Avevo conosciuto il Mauro che conoscono tutti. E il Mauro che conoscono tutti, non mi piaceva. Poi ho avuto modo di scoprire chi fosse davvero”. Così, quasi 4 anni fa, iniziò la convivenza, con i suoi tanti pro e alcuni simpaticissimi contro, soprattutto in cucina. Per Mauro “la quotidianità diventa un disastro se non è gestita e programmata attraverso una serie di piccoli e sani compromessi”. “In sintesi, gestita e programmata come dice lui”, chiarisce Davide ridendo: “Pretendeva di dirmi come si cucinavano gli gnocchetti alla sorrentina, non avendoli mai fatti. Poi, è stato il piatto con cui l’ho definitivamente conquistato”.

Due anni fa, Mauro chiese a Davide di “sposarlo”. Non lo fermò il fatto che una legge non ci fosse. Quella richiesta era quella che sentiva, e non l’avrebbe chiamata diversamente. Forse sapeva che un modo, seppure imperfetto, lo avrebbero alla fine trovato per sancire la loro unione. L’amore, un modo lo trova sempre. Entrambi credenti, decisero di intraprendere insieme un lungo percorso nella comunità Valdese, che li ha portati nel 2015 a diventare effettivamente membri di quella Chiesa, da sempre impegnata per favorire la piena laicità dello stato e il dibattito su tutti i temi etici.

Nel frattempo a Roma, era stato istituito il registro delle Unioni Civili. Mauro, da consigliere comunale, aveva contribuito a fare in modo che questo accadesse e appena fu possibile inviò una richiesta di congedo matrimoniale alla sua azienda, l’Atac. “Mi hanno risposto che non potevano concedermi il congedo matrimoniale retribuito, ma un ‘congedo straordinario non retribuito’. Io l’ho accettato, sacrificando il mio stipendio, perché ritenevo utile stabilire un precedente all’interno di un’azienda che comunque è venuta incontro ad un suo dipendente. La non retribuzione, invece, evidenzia la mancanza di una legge nazionale sul matrimonio egualitario.” E che la parole, purtroppo, non sono solo parole, ma il segno tangibile di diseguaglianze reali.

Il 21 maggio, Mauro e Davide si sono “uniti civilmente” presso il Comune di Roma.
Il 7 giugno, poi, si sono “sposati” in una Chiesa Valdese… ma ancora una volta, per ragioni di stato, la loro unione sì è meritata un nome diverso: “Benedizione del patto d’amore”. Così come la Chiesa cattolica ha un concordato con lo Stato Italiano, la Chiesa Valdese ha un’intesa che fa in modo che ogni matrimonio religioso abbia una valenza anche giuridica. Se dovessero chiamarlo “matrimonio”, entrerebbero in conflitto con l’ordinamento giuridico italiano.

“Iscrizione al registro comunale delle unioni civili”, “benedizione del patto d’amore”, “congedo straordinario non retribuito”. Di matrimonio egualitario, in Italia, proprio non si può parlare. Eppure, da qualche giorno, Davide ha aggiornato il suo stato su questo social network con una sola parola, facilissima: sposato. E il nostro Stato, quando troverà il coraggio di aggiornarsi?

Mauro e Davide andranno al pride come individui e come famiglia, per gridare altre tre parole semplicissime: parità, dignità e diritti. Tu, resterai ad ascoltare?

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Roberto Vannacci Paola Egonu Matteo Salvini

Vannacci sospeso dall’Esercito Italiano, Egonu lo querela, Salvini lo difende

News - Giuliano Federico 28.2.24
FR*CINEMA

A Roma arriva FR*CINEMA, tra film queer e riappropriazione culturale

Cinema - Redazione Milano 28.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
donna-transgender-arrestata-hong-kong

Hong Kong, attivista transgender arrestata con un pretesto e detenuta in condizioni disumane

News - Francesca Di Feo 29.2.24
Da sinistra: Douglas Carolo (foto da TikTok), Andrea Bossi (foto SKYtg24) e Michele Caglioni (foto Instagram)

Perché Andrea Bossi sarebbe stato ucciso da Douglas Carolo e Michele Caglioni?

News - Redazione Milano 29.2.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

buenos-aires-pride-2023 (3)

“Non votate l’odio”: il Buenos Aires Pride 2023 contro il possibile presidente di estrema destra Milei

News - Francesca Di Feo 7.11.23
lecco pride 2024, il 22 giugno a Lecco, segui le pagine social

Lecco Pride 2024: il 22 giugno

News - Giorgio Romano Arcuri 20.12.23
umbria pride 2024, il 1 giugno a Perugia

Umbria Pride 2024: a Perugia il 1° Giugno

News - Redazione 10.2.24
molise pride, 13 luglio 2024

Molise Pride 2024: ad Isernia il 13 luglio

News - Redazione 10.2.24
Brianza Pride - Monza, 16 Settembre 2023 - foto: IG

L’Onda Pride 2023 non si ferma, come sono andati i Pride di Scafati e Brianza, tra luci e ombre

News - Francesca Di Feo 19.9.23
malta-europride-resoconto

Malta Europride 2023 verso la parata finale: ecco come sono andati i primi giorni di festival

News - Francesca Di Feo 13.9.23
aosta-pride-week-2023

Aosta Pride Week: dal 30 settembre al 7 ottobre, una settimana di eventi a conclusione dell’Onda Pride 2023 – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 27.9.23
Taiwan Pride - Taipei, 28 ottobre 2023 - foto: IG

La Cina trema, al Taiwan Pride 180.000 per la più grande marcia LGBTQIA+ dell’Asia Orientale

News - Francesca Di Feo 30.10.23