Il caso di Paola Egonu è l’ennesimo riflesso del razzismo sistemico

La stanchezza di Egonu merita spazio, ascolto, e sottolinea l'urgenza a fare di meglio, nel mondo dello sport e non solo.

ascolta:
0:00
-
0:00
Paola egonu
Paola egonu
2 min. di lettura

Paola Egonu è tra i motivi d’orgoglio della nostra nazione: la pallavolista ha portato l’Italvolley  alle semifinali con una sola sconfitta nel pool iniziale (pur con 275 punti, più di tutte le altre giocatrici su scala mondiale) e ben due vittorie contro Brasile e Stati Uniti. Tanto basterebbe per gioire, ma ancora una volta il successo è accompagnato dall’amaro in bocca: “Mi hanno chiesto perché sei italiana?” dichiara Egonu, in lacrime a bordo parquet dopo la vittoria, in un video che ha fatto il giro del web e ha riportato l’attenzione sull’altra faccia scomoda della medaglia di bronzo.

“Non puoi capire, non puoi capire. Sono stanca. Questa è la mia ultima partita” . Non un addio, ci terrà a specificare successivamente la pallavolista, ma una pausa per riposare: “Spero che venga capito” spiega la pallavolista, specificando di non voler abbandonare il campo ma ritrovare tempo per sé stessa, per tornare ancora più forte: “C’è chi dice che non merito la Nazionale invece il mio sogno è essere sul podio con questa squadra“. Le parole di Egonu hanno visto il supporto di tutta la squadra (compagne fidate e vicine, che la campionessa ringrazia apertamente) e dei social, incluso il sostegno del Presidente del Coni, Giovanni Malagò, che ha invitato la pallavolista a non “prendere decisioni affrettate”: “Ti siamo accanto, ci vediamo al rientro dalle tue meritate vacanze“. Non manca nemmeno il Presidente Mario Draghi, che ha telefonato direttamente alla campionessa definendola “orgoglio dello sport italiano” in segno di piena solidarietà.

Ma lo sfogo di Egonu è solo un ulteriore riflesso di un razzismo sistemico intrinseco in ogni settore della nostra società, nascosto goffamente sotto il tappeto a suon di “siamo tutti uguali” e altre frasi qualunquiste per lavarci la coscienza. “Non c’entra nulla con lo sport” ma come si può omettere dalla conversazione un problema che è parte intrinseca della nostra formamentis culturale, e quindi estesa ad ogni contesto? “Non ci nascondiamo dietro un dito” ha commentato il presidente federale, Giuseppe Manfredi, evidenziando problematiche presenti da sempre nell’ambiente. “Io un simbolo? Ma quando questo simbolo non va bene è il primo che viene attaccato.” dichiara la pallavolista “Sono una persona umana che ha bisogno ogni tanto di riprendersi mentalmente, perché è dura. Non è stato semplice scendere in campo, suonava l’inno e piangevo, per il dolore ma anche per quanto sono ferita.”

La stanchezza di Egonu merita spazio, ascolto, e sottolinea l’urgenza a fare di meglio, nel mondo dello sport e non solo. Perché il razzismo sistemico non è uno spauracchio da rimproverare solo quando tocca la medaglia di bronzo, ma l’amara realtà che ci chiama in causa tuttə a cadenza regolare ogni giorno. Dentro e fuori il campo.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il messaggio di Federico Massaro per il fratello transgender

Culture - Luca Diana 29.2.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard - Xavier Dolan - Gay.it

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard

News - Federico Boni 1.3.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24

Continua a leggere

Jeremy Allen White (Calvin Klein)/ Gerrard Woodward (BRLO)

E se lo spot con Jeremy Allen White fosse interpretato da un uomo bear?

Corpi - Redazione Milano 2.2.24
Jakub Jankto ai colleghi calciatori gay dopo il coming out: “Non c’è motivo di avere paura” - Jakub Jankto 1 - Gay.it

Jakub Jankto ai colleghi calciatori gay dopo il coming out: “Non c’è motivo di avere paura”

Corpi - Redazione 20.10.23
Martina Navratilova se la prende anche con la drag queen: "Patetica parodia delle donne" - Martina Navratilova - Gay.it

Martina Navratilova se la prende anche con la drag queen: “Patetica parodia delle donne”

Corpi - Redazione 6.10.23
Josh Cavallo replica agli omofobi che continuano a minacciarlo di morte - Josh Cavallo - Gay.it

Josh Cavallo replica agli omofobi che continuano a minacciarlo di morte

Corpi - Redazione 20.12.23
Lewis Hamilton, il campionissimo di Formula 1 e strenuo difensore dei diritti LGBTQIA+ sarà un pilota Ferrari - Lewis Hamilton - Gay.it

Lewis Hamilton, il campionissimo di Formula 1 e strenuo difensore dei diritti LGBTQIA+ sarà un pilota Ferrari

Corpi - Federico Boni 2.2.24
Fka Twigs per Calvin Klein (2023)

Perché hanno censurato FKA Twigs, tra oggettificazione sessuale e double standard

Corpi - Redazione Milano 12.1.24
c'è ancora domani

Per fortuna c’è ancora Paola Cortellesi

Cinema - Riccardo Conte 14.11.23
Roberto Vannacci accusato di istigazione all'odio e difeso dalla Lega di Salvini

“Vannacci ha istigato all’odio razziale” l’accusa, la Lega di Salvini lo difende

News - Redazione Milano 26.2.24