Il ragazzo dai pantaloni rosa: la storia di Teresa e suo figlio ucciso dal bullismo

"La verità resta che il suicidio di un adolescente sottolinea il fallimento di una società". Il grido di dolore di una madre per fermare bullismo e omofobia.

Teresa Manes
2 min. di lettura

La sensibilità pare un bagaglio troppo pesante da trascinare, specialmente se sei “maschio” e non ti rifai a dei canoni stereotipati” scrive Teresa Manes.

Suo figlio, Andrea, si è tolto la vita il 20 Novembre 2012.
Il fratello Daniele, di soli dieci anni, lo trovò appeso con una sciarpa alla scala di casa.
Sei giorni compieva quindici anni e si divertiva anche a limarsi le unghie e mettersi lo smalto.
Teresa gli consigliò di scegliere il colore che preferiva.
In molti hanno dato la colpa allo smalto alle dita, identificando tutto il malessere di un quindicenne nelle unghie colorate.

La colpa non è mia che ho dato il permesso ad Andrea di usare lo smalto e di dare forma alla sua libertà di espressione” scrive Teresa “La colpa è di quanti non vedono come una frase apparentemente innocua si accompagni al peso enorme del pregiudizio”.

Al liceo Cavour di Roma lo chiamavano “il ragazzo dai pantaloni rosa”, perché Teresa li aveva erroneamente scoloriti con la candeggina.
I suoi aguzzini lo chiamavano anche in tanti altri modi, uno più crudele dell’altro.
Un tormento culminato in una pagina Facebook dove veniva umiliato a cadenza regolare, ogni giorno. Fino a spegnerlo.

Il ragazzo dai pantaloni rosa: la storia di Teresa e suo figlio ucciso dal bullismo - andrea 1200x900 1 - Gay.it
Teresa Manes e suo figlio Andrea

Dopo il suicidio la magistratura, in seguito a due anni di indagine e davanti l’evidenza, ha negato l’esistenza di bullismo e omofobia. Un gesto dipeso da altro, dicono, come la separazione dei genitori o il rifiuto di una ragazza.

Teresa non ha colto i segnali di quel malessere.
Racconta che sette anni fa a malapena si parlava di bullismo e non esistevano campagne di sensibilizzazione.
Ma ripercorrendo gli eventi, Teresa ha riconosciuto anche le avvisaglie invisibili all’epoca: l’alopecia (all’epoca pensò solo ad uno shampoo sbagliato), il fatto che si mangiava compulsivamente le unghie delle mani e dei piedi. Dettagli che oggi Teresa identifica come i i segni di un malessere taciuto, nascosto agli occhi del mondo esterno, persino i suoi.

Oggi Teresa gestisce la pagina Facebook a suo nome Pagina Prevenzione Bullismo.
Scrive libri sulla tematica e incontra studenti nelle scuole d’Italia con l’obiettivo di smuovere le coscienze, sensibilizzare carnefici al rispetto delle differenze al di fuori di ogni stereotipo, renderli consci degli effetti collaterali di una “battuta innocua”.
Cerca anche di supportare le vittime, farle sentire non sole e invitarle a parlare. Non chiudersi nel proprio silenzio e denunciare le violenze che subiscono.
Ma la missione di Teresa è rivolta non solo ai ragazzi, quanto ai docenti e i genitori, nel tentativo di mantenere un dialogo limpido, un inviato alla condivisione di ciò che vivono fuori le mura domestiche.

In un paese che ancora non tutela o riconosce gli atti di omobitransfobia, Teresa utilizza il proprio dolore per cambiare il corso degli eventi, per far sì che nessun adolescente si ritrovi a vivere una tragedia come quella di Andrea.

Abbiamo bisogno più che mai di educare all’empatia” scrive “E spero che anche attraverso questa pagina si possa piantare qualche semino buono.”

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

FR*CINEMA

A Roma arriva FR*CINEMA, tra film queer e riappropriazione culturale

Cinema - Redazione Milano 28.2.24
Roberto Vannacci Paola Egonu Matteo Salvini

Vannacci sospeso dall’Esercito Italiano, Egonu lo querela, Salvini lo difende

News - Giuliano Federico 28.2.24
Gloria e la felice rappresentazione di una coppia gay, con annesso bacio da unione civile (senza censura) - Gloria bacio gay - Gay.it

Gloria e la felice rappresentazione di una coppia gay, con annesso bacio da unione civile (senza censura)

Culture - Federico Boni 28.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
Eurovision 2024 Eden Golan October Rain

Boicottare Eurovision 2024 e la partecipazione di Israele? “October rain” di Eden Golan va esclusa?

Musica - Redazione Milano 27.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24

Hai già letto
queste storie?

panchina-arcobaleno-cavirago-reggio-emilia

Panchina arcobaleno imbrattata con svastiche e messaggi di odio: “Comunisti bast*rdi, morite”

News - Francesca Di Feo 6.11.23
Polonia matrimonio egualitario Gay.it

Polonia, suicidi in aumento a causa delle leggi omobitransfobiche del Paese

News - Federico Boni 20.2.24
reintegrato-coordinatore-cittadino-fdi-omofobo

Dentro Fratelli d’Italia se sei omofobo fai carriera: la storia di Alessio Butti

News - Francesca Di Feo 1.12.23
governo-sunak-lgbtqia

Regno Unito: come la destra del governo Sunak distrugge decenni di progressi LGBTIQ+

News - Francesca Di Feo 23.10.23
senegal corpo bruciato presunto gay

Senegal, riesumato e bruciato perché presunto gay e considerato “mezzo uomo e mezzo donna” – VIDEO

News - Giuliano Federico 31.10.23
san-gregorio-magno-quindicenne-accoltella-il-padre

Ragazzo di 15 anni accoltella il padre che lo “accusa” di essere gay durante una lite domestica

News - Francesca Di Feo 18.12.23
aggressione-omofoba-andria

Perse un occhio dopo aggressione omofoba, condannato a sei anni l’aggressore

News - Redazione 31.10.23
Vannacci: "Rivendico il diritto all'odio. I gay possono sposarsi ma non si stupiscano se c'è chi li critica" - VIDEO - vannacci matrimoni gay - Gay.it

Vannacci: “Rivendico il diritto all’odio. I gay possono sposarsi ma non si stupiscano se c’è chi li critica” – VIDEO

News - Federico Boni 31.8.23