Video

Jesus, dal Cile un intenso racconto morale sul bullismo omofobico

Premiato al 34° Torino Film Festival per la migliore interpretazione maschile di Nicolas Duran, il lucido dramma diretto da Fernando Guzzoni meriterebbe di essere distribuito.

3 min. di lettura

Il cinema queer sudamericano continua a essere una stimolante fucina per nuovi talenti e sguardi non convenzionali sul mondo omosessuale: dopo il trionfo alla Mostra di Venezia, lo scorso anno, dello scabro e notevole Desdè Allà di Lorenzo Vigas (ma non possiamo non citare Nasty Baby di Sebastián Silva, Pelo Malo di Mariana Rondon, Leonera di Pablo Trapero, La León di Santhiago Otheguy) arriva dal Cile un dramma intenso e autentico, Jesus, diretto da Fernando Guzzoni alla sua opera seconda dopo Carne de perro (2012) inedito in Italia. Al 34° Torino Film Festival, conclusosi sabato scorso con la vittoria del potente ma estenuante film cinese The Donor di Qiwu Zang, è stata giustamente premiata la rivelazione di Jesus, il giovane attore Nicolas Duranper un ritratto molto credibile, che veicola una gamma di emozioni, da parte di un talento così giovane e promettente”.

jesus-3Duran interpreta Jesus, giovane bisex sfaccendato di Santiago, appassionato di hip-hop, che passa il suo tempo a studiare coreografie con gli amichetti della discoteca, a stordirsi inalando gas mefitici dalle bombolette, a ubriacarsi in gruppo, a guardare video in cui i narcos fanno a pezzi le proprie vittime a colpi di machete. Ogni tanto ha rapporti sessuali frettolosi e un po’ brutali col migliore amico – scena inattesa ed esplicita piuttosto forte – o con una ragazzina conosciuta durante una delle frequenti serate in preda allo sballo. Col padre vedovo Héctor (un efficace Alejandro Goic) ha un pessimo rapporto, non riesce a comunicare realmente, limitandosi all’essenziale quelle poche volte che lo vede poiché è spesso via per lavoro.

jesus-2Se l’inizio del film ricorda l’ennesimo ritratto dei millennials latinoamericani perduti, senza educazione né possibile futuro professionale, la vicenda assume spessore quando il branco di cui fa parte Jesus malmena in un parco un giovane gay – una lunga scena dal realismo impressionante – mandandolo in coma. A quel punto la narrazione si fa racconto morale, con Jesus preso da rimorsi e pentimenti, intenzionato a raccontare tutto e riconoscere le proprie responsabilità ma frenato dai complici che assolutamente vogliono tacere. Sarà chiarificatore l’intervento del padre di Jesus, in una svolta narrativa che ricorda non poco proprio Desde Allà, a riprova di quanto il tema del ‘padre assente’ o poco partecipe sia assolutamente nevralgico nella trattazione della tematica LGBT di questa nuova (e buona) onda di cinema sudamericano.

jesus-4Con uno stile molto contemporaneo, nervoso e semidocumentaristico, il regista Guzzoni dà il meglio proprio nella seconda parte del film, in cui si comprende quanto il fenomeno del bullismo omofobico non sia mai casuale ma una piaga che andrebbe arginata a partire dall’educazione famigliare e quella scolastica.

Jesus non ha ancora una distribuzione italiana ma la meriterebbe.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24
GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24

Leggere fa bene

omofobia

Foggia, minacce di morte e botte al figlio gay di 20 anni. Arrestato padre 57enne

News - Redazione 25.9.23
PSG-Marsiglia, bufera in Francia per cori omofobi allo stadio. Interviene la ministra, il club furioso - VIDEO - Paris Saint Germain Marsiglia - Gay.it

PSG-Marsiglia, bufera in Francia per cori omofobi allo stadio. Interviene la ministra, il club furioso – VIDEO

News - Redazione 26.9.23
san-gregorio-magno-quindicenne-accoltella-il-padre

Ragazzo di 15 anni accoltella il padre che lo “accusa” di essere gay durante una lite domestica

News - Francesca Di Feo 18.12.23
La Cassazione rigetta il ricorso di Pillon. Definitiva la condanna per diffamazione ai danni di un'associazione LGBTQIA+ - Simone Pillon - Gay.it

La Cassazione rigetta il ricorso di Pillon. Definitiva la condanna per diffamazione ai danni di un’associazione LGBTQIA+

News - Redazione 23.11.23
arcobaleno rainbow

Treviso, marmista licenziato perché gay fa causa all’azienda

News - Francesca Di Feo 29.11.23
Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista - Taylor Fritz 1 - Gay.it

Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista

Corpi - Redazione 21.2.24
Pro Vita, un 2023 segnato dall'ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+ - 22I Figli non si comprano22 i manifesti di Pro Vita contro la GPA invadono le citta dItalia - Gay.it

Pro Vita, un 2023 segnato dall’ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+

News - Federico Boni 6.12.23
ragazza-lesbica-aggredita-bojano

Prese a schiaffi e insultò coppia di donne lesbiche. Condannato a 5 mesi e 9 giorni di reclusione

News - Redazione 23.2.24