La moda è veramente inclusiva?

Dietro la facciata c’è una casa fondata su razzismo e discriminazione.

moda inclusiva
6 min. di lettura

Diversità e inclusività sono le parole che in questi anni sentiamo in continuazione arrivare dalla moda, ma è davvero così? Spinto dalla voglia di capire meglio cosa stia succedendo al sistema moda, ho scritto questa riflessione. Per comprenderlo, non per distruggerlo.

La moda è veramente inclusiva? - versace ss21 adv campaign 2 1621853074 - Gay.it

Vi siete mai chiesti perché la moda ha sentito su di sé il dovere di rappresentare la parità tra le varie “razze” dell’umanità? Lo so, è antipatico parlare di razze, ma se vogliamo fare qualche riflessione su come la moda si comporti con la questione dei – come vogliamo chiamarli? – colori della pelle, tratti somatici (eccetera), mi tocca chiedervi di accettare l’uso della parola “razza”. La moda è la seconda industria al mondo (dopo quella alimentare), la moda è basata sull’espressione di sé e sulla creatività, la moda non vende semplicemente capi di abbigliamento, la moda vende autostima e identità personale: per questo, la moda, è su un crine pericoloso, perché è potente grazie agli immensi fatturati, ma – a differenza dell’industria alimentare o quella dell’energia – ha a che fare con l’identità degli individui e con l’espressione del sé. Per questo non può svolgere il proprio ruolo di forma di espressione, se non avvallando qualunque diversità e contemplando qualunque forma di inclusione. Così dovrebbe essere, ma è davvero così?

La moda è veramente inclusiva? - 54ae5e47d301c racism headdress v elv - Gay.it

Certo, la questione “razziale” è rovente su tutti i fronti della società contemporanea, ma la moda, inutile raccontare favolette di marketing, è nota per avere una cattiva reputazione con la razza. Nella moda la diversità razziale può essere misurata con la pubblicità: le persone che vengono scelte per rappresentare un marchio nelle campagne pubblicitarie o sulle passerelle.

The Fashion Spot, che è un forum dove si parla di moda, ha condotto svariati sondaggi e studi sulla scena in evoluzione della pubblicità di moda e ha riferito che dei 529 modelli presenti nelle campagne di moda della SS2019, il 34,50% erano modelli neri.

La moda è veramente inclusiva? - gettyimages 1133254645 - Gay.it

Allo stesso modo, un anno dopo, alla settimana della moda di New York Primavera/Estate 2020, il 47% delle modelle che sfilavano in passerella erano nere. Questo è un progresso rispetto a quando The Fashion Spot ha iniziato a registrare questi numeri nel 2015, quando c’erano solo il 17% di modelli neri. Dunque, possiamo dirlo: le campagne di moda sembrano andare nella giusta direzione: verso una rappresentazione razziale più diversificata. I marchi vogliono essere percepiti dal pubblico come più progressisti, dunque rinfrescano la propria immagine per stare al passo con le esigenze di una società che a gran voce chiede più parità (in questo caso razziale, ma non solo). E però, se è vero – ed è vero – che la pubblicità è estremamente importante, io chiedo: può essere sufficiente?

La moda è veramente inclusiva? - prada gucci - Gay.it

La sensazione è che sia – per ora – tutto un make up inclusivo di facciata, e che l’attenzione alle tante diversità (razziali e non solo) umane sia soltanto un’azione di comunicazione. Ed è difficile sottrarsi a quella che sembra una specie di propaganda, può essere difficile sapere come si presenta il vero cambiamento. Ad esempio, sulla passerella Prada dell’autunno 2018, Anok Yai è entrata nella storia come la prima modella nera ad aprire una sfilata di Prada 23 anni dopo Naomi Campbell. Io amo Prada, ma dovremmo applaudirla per questo? D’altronde conosciamo tutti il passato problematico di Prada, ovvero gli oggetti “Pradamalia” che assomigliavano a blackface nel dicembre 2018. Ora, inutile prendersela con Prada, anzi vorrei ricordare che, tutto sommato, Miuccia Prada ha fatto dell’errore un segno distintivo della propria estetica, Prada è stata una delle ultime immensità della storia della moda, per questo mi permetto di essere esigente. Dunque, inutile prendersela con un brand, il problema è l’intero sistema moda.

La moda è veramente inclusiva? - 23racistshowSUB mediumSquareAt3X - Gay.it

A Vogue America, durante un servizio fotografico un make up Artist e una parrucchiera hanno dovuto rinunciare al loro lavoro a chiamata, altra piaga del sistema, perché sprovvisti di materiale e impreparati su come truccare e pettinare una modella nera. Questo incidente mostra che assumere modelli neri non è sufficiente se l’infrastruttura del settore non è costruita per accoglierli. Un incidente da solo mostra la necessità di una revisione infrastrutturale completa in ogni aspetto dell’industria della moda. E forse dell’intera cultura retrostante!

moda inclusiva

L’ultimo episodio colpisce Chiara Ferragni e il lancio della sua linea make-up insieme a Douglas. Come a ogni lancio, i brand mandano agli influencer e alla stampa selezionata i prodotti che proveranno, testeranno o semplicemente fotograferanno per aumentarne l’hype, ma anche in questo caso come ha fatto notare Loretta Grace, cantante/attrice e creator da oltre 80k follower, le influencer/modelle/creator nere sono state escluse dalla lista.

Dunque è qui che l’inclusività diventa estremamente importante: il vero cambiamento va molto più in profondità del semplice fatto di avere persone nere in una campagna pubblicitaria, o nel lancio di un prodotto. Bisognerebbe avere processi culturalmente preparati ad affrontare ogni singolo aspetto, prima che un messaggio o una merce arrivi al singolo consumatore.

Anche i media che lodano costantemente e riportano solo pochi nomi dovrebbero assumersi la responsabilità. Ad esempio, innumerevoli articoli sul guardaroba di Kendall Jenner sono facilmente accessibili, tuttavia, gli articoli sui modelli neri sono a malapena rappresentati nei media mainstream.

Durante la collezione autunnale di Mugler, Dominique Jackson, attrice e modella transgender, ha rubato la scena a tutti con la sua camminata ispirata a quella di Naomi Campbell negli anni ’90. Poche pubblicazioni hanno coperto la storia, i media mainstream hanno scelto di concentrarsi su Bella Hadid e Irina Shayk. I social media hanno elogiato Dominique e Hunter Schafer, modella e attivista LGBTQIA+, per la loro partecipazione allo spettacolo, mentre sembrava che l’attenzione del mainstream non riconoscesse i loro sforzi.

moda inclusiva

In un’intervista alla Oxford Union Society nel 2015, l’onnipresente Anna Wintour ha commentato il progresso della moda e il suo futuro. Wintour ha dichiarato: “La moda è molto più democratica e aperta a tutti, non è una porta chiusa e tu sei fuori dalle corde dove nessuno ti lascerà entrare. Adesso tutti sono invitati alla festa”.

Sì, siamo invitati alla festa, ma non necessariamente nella lista degli invitati. I devoti della moda sono ancora fuori dal club congelati mentre sperano che il buttafuori li scelga dopo.

moda inclusiva

La moda ha una facciata inclusiva, ma dietro la facciata c’è una casa fondata su motivi traballanti di razzismo e discriminazione. Lentamente, i muri tremano per le parole e il rumore della nuova guardia della moda che non tollera la mentalità attuale denunciandola con la kriptonite dell’intera industria, i social network.

Perché se ne parla così tanto? L’attuale stato della moda sta compromettendo la possibilità del proprio sogno. Il mondo è pieno di designer emergenti che vogliono “fare le cose in grande”, ma un sistema che è difettoso e ingiusto per natura, purtroppo non glielo permette.

Vedere continuamente volti bianchi riconoscibili negli articoli di moda e nella copertura dei media dimostra che l’inclusività non è presente nel mondo della moda seppur continuano a ripetere dai piani alti che il futuro della moda è per tutti, ci dicono, tutti sono invitati, continuano a farci credere, ma e le porte sono davvero spalancate? Nessuno sta veramente aspettando in fila e quindi basta entrare e sentirsi a casa? Lo scopriremo forse tra pochissimo, o forse mai.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l'omofobia - Dennis Gonzalez - Gay.it

Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l’omofobia

Corpi - Redazione 13.6.24
Michele Bravi replica a Papa Francesco: "Siamo cittadini che chiedono di essere rispettati" (VIDEO) - Michele Bravi - Gay.it

Michele Bravi replica a Papa Francesco: “Siamo cittadini che chiedono di essere rispettati” (VIDEO)

Musica - Redazione 17.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Torino Pride 2024, i 150.000 volti della lotta intersezionale: ecco com'è andata - GALLERY - torino pride 2024 17 - Gay.it

Torino Pride 2024, i 150.000 volti della lotta intersezionale: ecco com’è andata – GALLERY

News - Francesca Di Feo 17.6.24
Marco Mengoni e Xavier Dolan alla sfilata di Fendi SS25 - foto instagram @mengonimarcoofficial

Marco Mengoni e la scaramuccia con Xavier Dolan, mentre Nicholas Galitzine ride con Aron Piper

Lifestyle - Mandalina Di Biase 16.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

BARBIE (2023)

Ma Barbie è stato davvero snobbato agli Oscar?

Culture - Riccardo Conte 24.1.24
Sabato De Sarno direttore creativo Gucci - foto @tyrellhampton + @federicociamei

Sabato De Sarno non vuole controllare le emozioni

Culture - Riccardo Conte 26.3.24
#LevisPride - Queer Rodeo

Storia di quel Rainbow Rodeos tra cowboys, drag queen e anti-machismo

Culture - Riccardo Conte 7.6.24
Marcelo Burlon

Marcelo Burlon lascia il suo brand per godersi suo marito, i suoi cani e le nuove attività

Lifestyle - Redazione Milano 23.4.24
Non Voltarti – Storie di Quartiere

Non Voltarti: Levi’s celebra la comunità queer di Porta Venezia

Lifestyle - Redazione Milano 31.5.24
(Phonoplay International)

Adorabile Jodel, in Svizzera arriva il primo gruppo per uomini gay!

Lifestyle - Redazione Milano 31.1.24
TIM parità di genere - Lo spot di Giuseppe Tornatore

Cosa ne pensate dello spot sulla parità di genere che fa arrabbiare i Fascisti d’Italia?

Culture - Redazione Milano 4.1.24
Cate Blanchett insieme a Coco Francini e la Dott.ssa Stacy L. Smith (Good Morning America)

Cate Blanchett a sostegno dellə cineastə donne, trans, e non binary

Cinema - Redazione Milano 19.12.23